Leonardo.it

Come preparare la zuppa di farro

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Come preparare la zuppa di farro
Le zuppe soprattutto nella stagione fredda sono sempre molto gradite..
Ingredienti per 4 persone: 2 lt di brodo vegetale, 2 cucchiaio di concentrato di pomodoro, 10 gr di burro, 200 gr di farro, 30 gr di parmigiano grattugiato , sale e pepe nero.Portate ad ebollizione il brodo nel quale avrete disciolto il burro ed il concentrato di pomodoro. Aggiungere il farro , fate cuocere a fiamma bassa per circa 1 ora, mescolando spesso.A cottura ultimata, mettere il ......»

Come dire si o no all’allattamento materno

1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 voti
Come dire si o no all’allattamento materno
Vediamno di capire come scegliere o meno l'allattamento materno.
Allattamento materno si o no? Dire «allattamento al seno», oggi, equivale a dire «allattamento materno»: le balie sono infatti quasi completamente scomparse: e per fortuna. Un bambino in casa della balia....è un bambino privato del sorriso della madre, e, forse, un bambino in cattive condizioni igieniche. Nel migliore dei casi, è un bambino con due mamme, cosa dannosa per il suo ......»

Come mantenere il peso raggiunto

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Come mantenere il peso raggiunto
Si dice comunemente che abbiamo un corpo progettato addiritttura per fare corse nella savana e cosa ne facciamo di esso? Lo mettiamo in gabbia , vivendo uno stile di vita all’insegna dello scarso movimento.
E’ vero quanto diciamo nell’introduzione. Viviamo la nostra vita come animali chiusi in una gabbia. Basta esaminarci nell'arco di una giornata. Cosa facciamo?Come ci comportiamo? Sappiamo semplicemente “migrare” dal letto al tavolo, da questo al sedile dell’auto, alla sedie dell’ufficio , presso lo stand ristorante, il salotto di casa e poi di nuovo aQualcuno potrà obiettarci: “ma ......»
 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up