Leonardo.it

Come acquistare e conservare le ciliegie ed utilizzarne le proprietà nutritive

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come acquistare e conservare le ciliegie ed utilizzarne le proprietà nutritive
Condividi

Le ciliegie sono tra i più saporiti frutti estivi, molto usati anche dall’ industria conserviera. Vediamo di conoscerle meglio.

Istruzioni

  • 1
    1) introduzione

    “una ciliegia tira l’ altra…” sono troppo buone le ciliegie per non farne una buona scorpacciata e troppo belli i loro piccoli fiori bianchi che sbocciano a primavera e sono occasione di festa in giappone.
    Il ciliegio è un albero della famiglia delle rosacee che fiorisce a marzo e produce i suoi frutti da metà maggio fino all’ inizio di luglio, secondo delle varietà.

    Fondamentalmente, ci sono 2 specie di ciliegi: il prunus avium (ciliegio dolce), con un portamento a fusto alto che è il più diffuso in italia ed il prunus cerasus (ciliegio acido) a cui appartengono le amarene; è più diffuso nel nord europa e in nord america ed è più ramificato alla base, con formazione di polloni.
    L’ origine del ciliegio è, molto probabilmente, nelle regioni caucasiche. In italia, sembra che sia stato introdotto al tempo degli antichi romani dal ricco generale lucullo che piantò alcuni alberi nel giardino della sua grande villa.

    Le ciliegie dimostrano anche quanto false sono alcune credenze e superstizioni; in giappone, infatti, le ciliegie sono considerate simbolo di prosperità mentre, in inghilterra, si dice che sognare un albero di ciliegio indica che una disgrazia sta per arrivare.
  • 2
    2) varietà

    le differenze di varietà creano differenze nel colore e nella consistenza della polpa che può essere morbida nelle “tenerelle” o dura nei “duroni” o “duracine” e nel suo colore, scuro o chiaro in entrambi questi gruppi.
    Un’ altra importante differenza è nell’ acidità della polpa che permette di distinguere le varietà di ciliegie in:

    a) amarene: sono le ciliegie dal sapore più acido, spesso usate per sciroppi, succhi e gelati. Sono tra le più dissetanti e succose ed hanno un intenso colore rosso.

    B) marasche: sono piccole e meno acide delle amarene e quelle del piemonte sono tra le più note. Sono molto usate per produrre liquori come il ben noto maraschino.

    C) visciole: hanno un’ acidità più bassa e sono molto dolci. Si usano per produrre conserve.

    D) dolci: come dice il nome, sono ciliege dolci dalla polpa soda, come il durone nero.
  • 3
    Tra le varietà coltivate in italia, ne troviamo molte di qualità e la puglia è la prima regione produttrice (qui si coltiva soprattutto la varietà “ferrovia”), seguita dalla campania, dal veneto e dall’ emilia romagna.
    In veneto, sono famose le ciliegie di marostica (vi) che vantano il marchio di qualità europeo igp. In emilia romagna, sono ben note le ciliegie nere di vignola (mo) che sono grosse, molto dolci e di colore rosso-scuro o nero. L’ italia, con 100.000 ton., è uno dei principali produttori mondiali di ciliegie, dietro a turchia, iran e stati uniti e insieme alla germania.
  • 4
    3) utilizzi

    per la produzione di ciliegie sotto spirito o sciroppate, si utilizzano quelle della varietà “marca”, mentre le prime ciliegie ad apparire dal fruttivendolo a metà maggio sono le bigarreau.
    Altri utilizzi importanti delle ciliegie sono per la produzione di marmellate, succhi di frutta, caramelle, canditi, gelati, sciroppi, budini, yogurt alla frutta e liquori come gli cherry e i brandy (controllate però tra gli ingredienti che il loro colore rosso-scuro sia dovuto al succo di ciliegie e non a coloranti sintetici della serie “e”!).
  • 5
    4) conservazione

    le ciliegie vanno raccolte mature perchè non completano la maturazione dopo la raccolta. Sono frutti delicati, che si conservano poco anche in frigorifero e vanno quindi consumate entro pochi giorni, altrimenti si guastano e si riempiono di vermi.
    Occorre anche evitare di comprare quelle troppo morbide o macchiate perchè non più fresche oppure quelle troppo piccole o pallide perchè acerbe.
  • 6
    5) proprietà nutrienti

    - le ciliegie sono frutti sazianti, che mantengono alta la glicemia dopo un pasto e dissetanti, specialmente se più acide o amarognole. Quindi sono ottime per spuntini, anche perchè si devono mangiare e gustare a poco a poco, per dover sputare il nocciolo. Contengono l’ 86,2% di acqua.
    Le ciliegie selvatiche che si trovano ancora qui e là in campagna, sono considerate le più benefiche per la salute come diuretiche, antireumatiche e leggermente lassative.
  • 7
    - le ciliegie sono abbastanza ricche di vitamina-c e i valori delle singole vitamine sono espressi in mg/100 g nella tabella che segue. I dati tra parentesi sono le % dell’rda, o fabbisogno giornaliero raccomandato, fornite da 100 g di ciliegie:

    vit.-c: ……11 (12,22%)
    vit.-b3: ……0,5 (3,13%)
    vit.-e: …….0,1 (0,67%)
    vit.-b6: ……0,04 (3,08%)
  • 8
    - tra i minerali, i più abbondanti rispetto ai valori indicativi dell’ rda sono il potassio e il ferro. La tabella che segue li elenca in modo simile a quella delle vitamine:

    potassio: …229 (4,87%)
    calcio: ……30 (3,00%)
    fosforo: …..18 (2,57%)
    sodio: ……..3 (0,20%)
    ferro: ……..0,6 (7,50%)
    zinco: ……..0,1 (0,91%)
  • 9
    Riferimenti:

    http://www.leziosa.com/ciliegie.htm


    http://www.cibo360.it/alimentazione/cibi/frutta/ciliegie.htm


    http://www.agraria.org/coltivazioniarboree/ciliegio.htm


    http://www.giallozafferano.it/ingredienti/ciliegie

    http://community.my-personaltrainer.it/alimenti/frutta_succhi/ciliege

Tags

, , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up