Come affrontare e come comportarsi se il proprio figlio viene bocciato a scuola.

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come affrontare e come comportarsi se il proprio figlio viene bocciato a scuola.
Condividi

La bocciatura è una parte della vita scolastica del proprio figlio: di seguito, ecco come affrontarla.

Cosa serve per completare questa guida:

- pazienza;
- comprensione;
- dialogo.



Istruzioni

  • 1
    Purtroppo, potrebbe accadere che un figlio possa essere bocciato a scuola, e che quindi, sia costretto a ripetere l’anno scolastico, dando una piccola delusione ai suoi genitori, e sentendo a disagio.
  • 2
    Quando un figlio viene bocciato, questo tendenzialmente tende ad essere triste e quindi a sentirsi leggermente in colpa per aver appunto dato questa delusione ai suoi genitori, che si aspettavano un’altro esito.
  • 3
    Ma da cosa dipende la bocciatura di un figlio? Questo quesito ha una serie di risposte, in quanto la bocciatura potrebbe avere diverse cause, le quali devono essere discusse col proprio figlio per capirne la motivazione.
  • 4
    Una delle cause che portano il proprio figlio ad essere bocciato potrebbe essere il fatto che sia un anno in cui non ha voglia di studiare, e che quindi non si sia impegnato a fondo per poter essere promosso.
  • 5
    Una seconda motivazione potrebbe essere che il figlio sia distratto da alcuni fattori esterni, come per esempio, dagli amici, i quali magari non avendo voglia manco loro di studiare, coinvolgano il figlio in attività che lo distolgono dai suoi doveri.
  • 6
    Potrebbe anche essere che il figlio non stia ad ascoltare le spiegazioni che vengano date durante la giornata scolastica, e quindi, una volta a casa, non riesca ad applicarsi con tutte le sue potenzialità.
  • 7
    Una motivazione della bocciatura potrebbe anche derivare dal fatto che il figlio abbia subito o assistito ad un fatto che lo abbia turbato, e quindi non riesce ad impegnarsi e ottenere il massimo risultato per quanto riguarda l’ambito scolastico
  • 8
    L’età è un fattore che potrebbe portare il figlio a essere bocciato, in quanto, essendo un adolescente, potrebbe anche sentire mancare gli stimoli che lo invoglino a dare il meglio di sé nell’ambito scolastico.
  • 9
    Anche la mancanza di un supporto dal parte del genitore è causa di bocciatura, in quanto il figlio, vedendosi trascurato, tenda a non impegnarsi a scuola, credendo che al genitore non gli interessi del suo rendimento scolastico.
  • 10
    Il figlio potrebbe anche avere i suoi problemi personali, che, per quanto possano essere banali, tendono a distrarlo continuamente dallo studio e ad impedirgli di poter conseguire il massimo risultato.
  • 11
    Vi è poi la motivazione che riguarda le ragazze, per il semplice fatto che il figlio magari sia preso da una sorta di attrazione per una ragazza, e quindi cerchi di focalizzare la sua attenzione su di essa e non sulla scuola.
  • 12
    Potrebbe anche trattarsi di disagio del proprio figlio per quanto riguarda la situazione nella classe: magari il figlio tende a farsi bocciare per poter cambiare compagni di classe e trovarne degli altri con i quali si trova più a suo agio.
  • 13
    Anche i professori talvolta sono la causa della bocciatura del proprio figlio: quest’argomento deve però essere approfondito, perché scattano diversi meccanismi qualora la causa sia imputabile ad essi.
  • 14
    Supponiamo infatti che il proprio figlio non vada bene a scuola e ottenga dei voti che non sono sufficienti e soddisfacente dal punto di vista del rendimento scolastico, e magari dal punto di vista comportamentale.
  • 15
    Inizialmente, i professori potrebbero cercare di aiutare, per un primo periodo, il figlio, ma vedendo che i loro sforzi per aiutarlo sono del tutto vani, tendono piano piano a metterlo da parte rispetto gli altri alunni.
  • 16
    I professori quindi potrebbero anche ignorare il figlio, cercando non di coinvolgerlo maggiormente nelle lezioni, ma al contrario, cercando di spiegare sempre di più e non dando le spiegazioni necessarie al figlio.
  • 17
    Questo magari poi vorrebbe recuperare, ma talvolta potrebbe capitare che il professore faccia un ragionamento non tanto corretto, ovvero, avendo visto che non si è impegnato tutto l’anno ma solo gli ultimi giorni, decida di non aiutarlo.
  • 18
    Infatti il professore potrebbe prenderlo soltanto come una perdita di tempo, cercando di focalizzare la sua attenzione solo ed esclusivamente su coloro che al contrario del figlio, hanno seguito tutto l’anno.
  • 19
    E quindi, il figlio quando vuole andare a rimediare un voto, potrebbe accadere che il professore decida di non interrogarlo, oppure di metterlo in difficoltà, per vedere le sue reali capacità di apprendimento.
  • 20
    Il figlio quindi potrebbe trovarsi a disagio, e quindi non prendere un voto sufficiente, oppure potrebbe andare bene, ma sentirsi dire che questo non basterà a rimediare alla sua situazione ormai disastrosa.
  • 21
    Quindi diciamo che il professore tende a demoralizzare ulteriormente il ragazzo, e quindi, questo potrebbe avere la mazzata decisiva che gli faccia capire che ormai la bocciatura e alle porte, arrendendosi difronte a questo fatto.
  • 22
    Potrebbe anche accadere che il figlio peggiori ulteriormente la situazione: sentendosi dire queste parole, il figlio potrebbe mancare di rispetto al professore, per il semplice fatto che magari c’è chi va peggio di lui e potrebbe essere aiutato.
  • 23
    Da questo quindi ne potrebbe scaturire anche una sorta di litigio personale e quindi anche invidia nei confronti degli altri compagni, in quanto il figlio potrebbe paragonare la sua situazione a quella degli altri, sostenendo che questi vanno peggio di lui e sono comunque seguiti e aiutati nel rimediare.
  • 24
    Questa è una situazione che potrebbe presentarsi ed essere la vera causa per la quale il figlio viene bocciato a scuola, e anche se sembra essere troppo fantasiosa, potrebbe essere la pura e semplice realtà.
  • 25
    Da notare che il figlio manda dei segnali molto facili da captare quando questi iniziano a capire che ormai l’anno scolastico è andato perso e quindi è inutile tentare di rimediare tutto in una volta.
  • 26
    Ad esempio, uno dei segnali che comunemente i propri figli mandano ai genitori quando oramai sanno di essere bocciati, è quello di non farsi mai vedere facendo i compiti oppure non studiando mai per il giorno dopo.
  • 27
    Potrebbe anche capitare che quando il genitore chiede delle cose al proprio figlio riguardo l’andamento scolastico, questo potrebbe essere vago, oppure cercare di aggirare l’argomento cercando di cambiarlo.
  • 28
    Altro segnale che il figlio potrebbe mandare al proprio genitore è quello di comportarsi sempre in maniera triste, proprio per iniziare a far capire al genitore stesso che c’è qualcosa che non va nell’ambito scolastico.
  • 29
    Poi il figlio potrebbe anche non menzionare mai i colloqui che ci sono, sia che questi siano individuali, sia che siano collettivi, per il semplice fatto che vogliono evitare punizioni o evitare figuracce.
  • 30
    Però potrebbe accadere che qualche impiccione, come ad esempio, qualche parente, o qualche genitore di un compagno di classe del proprio figlio venga a riferire il fatto che i colloqui siano già stati fatti.
  • 31
    Questo è appunto un chiaro segnale che il proprio figlio non sta andando affatto bene a scuola, o che non ci sta proprio andando, dipende dalla situazione che si viene a creare una volta che la menzogna è stata scoperta.
  • 32
    Infatti, i figli tendono a mentire qualora vengono a conoscenza dei colloqui generali o individuali, cercando di non dirlo ai propri genitori, e cercando di inventarsi scuse quando questi vengono a scoprirlo.
  • 33
    Quando un figlio mente sui colloqui, ormai è scontato che la bocciatura sia più che certa, in quanto il figlio probabilmente non si è applicato abbastanza e quindi, non ha raccolto le basi per affrontare l’anno scolastico successivo.
  • 34
    Vediamo ora come i genitori devono comportarsi nel momento in cui l’esito che verrà esposto a fine anno indichi che il proprio figlio è stato bocciato, e quindi deve ripetere l’anno scolastico per la prima volta.
  • 35
    Come prima cosa da fare, è quella di capire il perché il proprio figlio sia stato bocciato a scuola, e sentirne appunto la motivazione, sempre che ce ne sia, di quest’esito che si poteva tranquillamente evitare.
  • 36
    Il figlio dovrà appunto dare una motivazione che potrebbe essere una di quelle che sono state spiegate precedentemente, in maniera tale che il genitore possa venire a conoscenza appunto della motivazione delle bocciatura.
  • 37
    Il genitore però deve fare attenzione a non farsi dire delle ulteriori menzogne, come ad esempio, potrebbe già essere stato fatto quando il figlio era a conoscenza della data dei vari colloqui scolastici.
  • 38
    Ovviamente, il genitore deve anche cercare il perché il figlio non abbia detto che c’erano i colloqui, anche se a questa domanda l’unica risposta che potrebbe starci è quella della vergogna e per evitare una delusione ai genitori.
  • 39
    Infatti, potrebbe capitare che i figli tendano a mentire ai proprio genitori nell’ambito scolastico per il semplice motivo che riguarda l’essere terrorizzati nel dar loro un dispiacere sotto questo punto di vista.
  • 40
    Ovviamente, il genitore, anche se questo potrebbe essere un comportamento naturale, deve evitare di aggredire il proprio figlio, sia verbalmente sia dal punto di vista pratico, poiché non si risolverebbe proprio nulla.
  • 41
    E’ invece opportuno parlare col proprio figlio, spiegando che comunque un anno perso potrebbe capitare a tutti quanti, e quindi, anche se è una cosa brutta, il genitore dovrà far capire al figlio che è stato un esito deludente.
  • 42
    Il genitore dovrà anche punire il figlio per quest’esito, in maniera tale che capisca che si è comportato male, sia per l’esito, sia per le varie menzogne che sono state date durante l’anno scolastico.
  • 43
    Da evitare sempre che il dialogo venga a mancare, poiché, per quanto possa essere grave la situazione, il dialogo non deve mai venire a mancare, in quanto questo potrebbe rovinare il rapporto genitore e figlio.
  • 44
    Sarà anche opportuno dare una seconda possibilità al proprio figlio, cercando appunto di riporre nelle sue capacità e nel fatto che abbia imparato la lezione, la fiducia del genitore per quanto riguarda l’ambito scolastico.
  • 45
    Ovviamente, il genitore deve anche essere sicuro che il proprio figlio non venga bocciato di nuovo, ma al contrario, che si impegni come ha sempre fatto senza evitare di ricevere un’altra delusione in questo campo.
  • 46
    Bisogna però anche ascoltare il proprio figlio, poiché questo potrebbe avere delle richieste che vuole fare al genitore affinché si possa impegnare al massimo nella scuola e poter ricevere dei buoni risultati.
  • 47
    Ovviamente, questo non è un ricatto da parte del figlio, ma al contrario, cercare appunto di agevolarlo, affinché il figlio veda che i genitori hanno mantenuto la loro promessa, e quindi, anche il figlio dovrà fare lo stesso.
  • 48
    Una di queste richieste da parte del figlio potrebbe essere il cambio di classe, poiché magari con quei compagni e con quei professori, il proprio figlio non si trova affatto bene e quindi non riesce ad impegnarsi al massimo.
  • 49
    Una seconda richiesta potrebbe essere anche il cambio di scuola, in quanto il figlio crede di aver scelto la scuola sbagliata, e quindi cerca di andare in una scuola che reputa che sia maggiormente alla portata delle sue capacità.
  • 50
    I genitori dovranno quindi cercare di soddisfare queste richieste, affinché il figlio possa tornare a studiare volentieri e tornare a conseguire dei buoni risultati, lasciando quindi la bocciatura come un capitolo a parte che si aggiungerà alle sue esperienze di vita.
  • 51
    Infatti, la bocciatura potrebbe equivalere ad una lezione di vita che il figlio a imparato e cercherà di fare di tutto per evitare che questa situazione si presenti nuovamente e eviti di dare una nuova delusione ai suoi genitori.

Tags

, , , , , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up