Come arginare le problematiche legate alle allergie

1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 voti
Foto Come arginare le problematiche legate alle allergie
Condividi

Come è ben noto, le allergie portano alcune problematiche ai bambini. Vediamo qualche consiglio per limitarle.

Istruzioni

  • 1
    Gli starnuti di… Primavera il raffreddore non è, come comunemente si pensa, un fenomeno tipicamente invernale, anche se il più delle volte un raffreddamento improvviso, a cui l’organismo va soggetto molto più facilmente durante la stagione fredda, costituisce un forte fattore predisponente.
  • 2
    Le cause di questo comune, quanto antipatico disturbo, possono essere diverse. Ci sono ad esempio bambini che soffrono di raffreddore allergico, sono cioè particolarmente sensibili a determinate sostanze.
  • 3
    La loro penetrazione nell’organismo di chi ne soffre infatti provoca la formazione di specifici anticorpi che scateneranno la reazione allergica ogniqualvolta si ritroveranno in contatto con le suddette sostanze.
  • 4
    La reazione allergica si manifesta con starnuti ripetuti e particolarmente insistenti, lacrimazione abbondante, scolo di liquido acquoso e difficoltà respiratorie. Ma quali sono le sostanze che più comunemente scatenano una reazione allergica di questo tipo?
  • 5
    La più tipica è senza dubbio il polline che, essendo diffusamente presente nell’aria durante la stagione primaverile, è particolarmente fastidiosa per un bambino che vuole correre, giocare, fare lunghe passeggiate al parco o ai giardini.
  • 6
    Ii polline non è comunque l’unico elemento in grado di scatenare un’allergia. Lo sono anche la polvere, quella che comunemente sollevate facendo le pulizie, dei detersivi, del legno, e i peli di animali, particolarmente cani e gatti.
  • 7
    In questi casi dovrete sottoporre il bambino a test cutanei che potranno individuare la sostanza «colpevole» di tanti starnuti; l’allergologo prescriverà poi la terapia più adatta. Esiste la cameretta ideale, antiraffreddore?
  • 8
    In un certo senso sì, poiché anche se il raffreddore è un disturbo di origine virale, esistono tutta una serie di fattori che possono favorirlo e vanno quindi evitati con cura. Come dev’essere allora la stanza dei vostri figli?
  • 9
    Per prima cosa dovete fare attenzione alle finestre: contro antipatici e pericolosi spifferi andranno benone gli adesivi di gommapiuma. Altro nemico da combattere sistematicamente sono le correnti d’aria.
  • 10
    Infatti porta e finestra aperte contemporaneamente non vanno certo d’accordo! La temperatura della stanza è bene sia intorno ai 20-220 (un termometro vi aiuterà a controllarla) e sufficientemente umida;
  • 11
    Se il soffitto della cameretta è così alto da consentire un’eccessiva dispersione di calore, potrete abbassarlo con un controsoffitto (la fantasia vi aiuterà nella scelta…). Nel lettino, che non dev’essere mai vicino alla finestra e tantomeno al termosifone, sarà sufficiente una sola coperta.
  • 12
    Se il pavimento è di piastrelle e vostro figlio, come del resto quasi tutti i bambini, ama stare per terra, regalategli un bel tappetino su cui possa giocare con tranquillità. Per sicurezza raccomandatevi comunque che non rimanga scalzo, ma indossi sempre calze o pantofole.

Tags

,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up