Come autodifendersi in caso di aggressione.

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come autodifendersi in caso di aggressione.
Condividi

In questa guida vi illustro semplici tecniche auto-difensive da mettere in atto durante un’aggressione nel caso limite in cui non sia possibile la fuga.

Istruzioni

  • 1
    Come detto sopra,la fuga è sempre la migliore di tutte le soluzioni possibili, ma nel caso non sia possibile,nel caso l’aggressore ci tenga stretti e non ci da modo di scappare, se ci sentiamo fisicamente in grado possiamo tentare di difenderci.
  • 2
    L’autodifesa sarà comunque una cosa abbastanza naturale che si innescherà in noi in questi casi limite. Più che vera e propria autodifesa poi, qui si parla di una reazione semplice che ci dia giusto il tempo di disorientare l’aggressore e poter fuggire.
  • 3
    Inutile ricordare che nessun bene materiale vale la nostra vita, se stessero tentando di derubarci meglio consegnargli ciò che vuole che rischiare di rimanere feriti,quindi evitiamo di fare gli eroi in certe situazioni.
  • 4
    Tornando al discorso di prima,la nostra reazione,i nostri movimenti di difesa dovranno essere rapidi,decisi,dovremo metterci tutta la forza che abbiamo e ,al contempo, gridare aiuto con quanto fiato abbiamo in corpo.
  • 5
    Se siamo muniti di una borsa o di una ventiquattr’ore ,questa sarà per noi arma di difesa; sbattendogliela in faccia o sulla testa potremmo disorientarlo.
    Passiamo ora all’illustrare alcune semplici azioni da mettere in atto nei casi limite:
  • 6
    -il colpo alla gola : tenendo la mano rigida spingiamo le dita oppure il lato della nostra mano con forza contro la gola dell’assalitore.
    -Il colpo agli occhi: con l’indice e il medio formare una v e spingere queste dita nell’occhio dell’assalitore con forza; provoca dolore e momentanea perdita della vista.
  • 7
    -il colpo allo stomaco: questa è una mossa da mettere in atto nel caso l’aggressore ci prenda alle spalle passando le sue braccia attorno al nostro collo. Serriamo il pugno,solleviamo il braccio e lo colpiamo allo stomaco con il nostro gomito con quanta forza abbiamo in corpo; sperando che questo gli faccia allentare la presa.
  • 8
    -con il tacco della scarpa: utile sempre se si è aggrediti alle spalle e se si indossa scarpe col tacco(nel caso delle donne) o anche scarpe e stivali pesanti (nel caso degli uomini). Premiamo il tacco sul suo piede con tutto il nostro peso.
  • 9
    -il colpo all’inguine: sollevando il ginocchio colpiamo con forza l’inguine dell’assalitore,specie se questo è un uomo è un movimento efficace a meno che non indossi un cappotto o riesca a sviare la mossa.
  • 10
    -torcendogli le dita: se l’assalitore ci prende alla gola afferriamogli i mignoli e torciamoli all’indietro.
    -Difesa con oggetti: se siamo muniti di ombrelli o bastoni da passeggio naturalmente possiamo utilizzarli per sferrargli colpi decisi a viso,stomaco o genitali.
  • 11
    Ricordate però, non fate gli eroi, cercate sempre la fuga,solo nel caso in cui sia impossibile potete cercare di ricorrere a questi movimenti ma sempre e solo per distrarlo e poter fuggire,mai per affrontare una lotta.

Tags

, , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up