Come comportarsi con animali domestici quando c’e’ un bambino

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Far convivere il vostro cane o gatto con un bambino sembra una cosa facile ma non lo è.

Istruzioni

  • 1
    Gli animali domestici che sono abituati a vivere in casa come il cane e il gatto riconosco quando un bambino è piccolo e lo classificano come cucciolo tendendo a proteggerlo.
    Ma non bisogna fidarsi molto di questa cosa poichè sono sempre animali e non si sa mai come possono reagire se impauriti o feriti.
  • 2
    Quindi quando il bambino comincia a gattonare è meglio non lasciarlo mai solo nella stessa stanza dove si trova l’animale domestico e quando il bambino è abbastanza grande da comprendere è il caso di spiegargli come comportarsi con l’amico animale, sia per la sicurezza del bambino che per quella dell’animale stesso.
  • 3
    Bisogna insegnare al bimbo a non tirare pelo, orecchie e coda al cane o gatto di caso, poichè appunto davanti al dolore l’animale potrebbe reagire facendo male al bambino per pura autodifesa; inoltre va detto al bambino di non avvicinarsi alla bestiola mentre sta mangiando e di non toccare la sua ciotola col cibo.
  • 4
    Il bambino dovrebbe imparare inoltre a non disturbare il cane o il gatto mentre riposa perchè potrebbe reagire male.
    Insegnate al vostro piccolo a non toccare animali che non conosce anche se sono accompagnati dai padroni, perchè non conoscendolo potrebbero morderlo.
    Quando è più grande spiegategli che se un cane abbassa le orecchie o un gatto drizza il pelo è pronto ad attaccare quindi di non avvicinarsi

Tags

, , , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up