Come comportarsi in caso di problemi digestivi

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come comportarsi in caso di problemi digestivi
Condividi

Può capitare ai bambini di ”soffrire” di disturbi comuni dell’apparato digerente. Ci sono alcune -regole- che possono diminuire i fastidi

Istruzioni

  • 1
    Alcuni consigli utili per alcuni problemi con il sistema digerente. Per la cresscita la vitamina a, contenuta nell’arancia è ottima. Per i lattanti allevati artificialmente si consiglia uno o due cucchiaini al giorno di succo fresco d’arancia.
  • 2
    Per i bambini oltre i tre anni è ottimo il succo di un frutto subito dopo il pasto del mezzogiorno. In questo caso l’arancia dovrà essere spremuta poco prima affinché conservi inalterate le sue proprietà vitaminiche.
  • 3
    Convalescenza : preparare un infuso con un litro di acqua e 50 g di foglie di betulla, lasciar raffreddare, colare e mescolare al succo di due arance; dolcificare con miele o zucchero di canna e far bere a tazzine durante il giorno
  • 4
    Stitichezza: far bollire per mezz’ora la buccia di un’arancia. Gettare l’acqua e far di nuovo bollire per mezz’ora la buccia in acqua zuccherata. Quando l’acqua sarà completamente assorbita potrete dare la buccia.
  • 5
    Questa dovrà essere mangiata sia al mattino a digiuno che tre ore dopo il pasto della sera (ceena). Tosse nervosa. Fare un miscuglio con 50 g di foglie di arancia amara e 50 g di foglie d’arancia dolce.
  • 6
    In 200 g di acqua , bollente mettere in infusione 5 g di questo miscuglio. Lasciare riposare per dieci minuti e filtrare. Aggiungere un cucchiaino di miele d’acacia. Darlo ai bambini à cucchiaini ogni mezz’ora.
  • 7
    Colite: la colite è un’infiammazione dell’intestino crasso. Può essere catarrale, membranosa o ulcerosa, ed è accompagnata da coliche. Talvolta può presentarsi anche sotto periodi di stress e può colpire piccini e grandi.
  • 8
    Ha come sintomi un senso di dolore che il bambino potrà definire come male di pancia, accompagnato da diarrea o stitichezza ostinata, gonfiore e tensioni addominali e talvolta può accompagnarsi a cattivo umore associato.
  • 9
    La colite si cura soprattutto con l’alimentazione e a seconda se è causa di stitichezza o di diarrea, la dieta sarà orientata in un senso o in un altro (vedere la parte della guida dedicata a stitichezza e diarrea).
  • 10
    In ogni caso, una tisana a base di malva è di grande giovamento. Fate bollire una tazza d’acqua e mettete: 2 pizzichi di malva. Ritirate dal fuoco, coprite e lasciate in infusione cinque- sette minuti circa.
  • 11
    Colate e fatene bere una tazza al mattino a digiuno e una tazza la sera prima di coricarsi. Diarrea: la diarrea è un sintomo di molte malattie dell’apparato gastroenterico, quali enterite, colite, parassitosi, salmonellosi.
  • 12
    Oppure è dovuta ad anemia perniciosa e a malattie disfunzionali epatiche, surrenaliche e tiroidee; può essere causata anche da ingestione di forti dosi di antibiotici. Nei neonati sono frequenti le diarree provocate da escherichia coli.
  • 13
    Occorre agire sulla malattia di base, ma qualora la diarrea sia causata da un agente non identificabile, che può essere un colpo di freddo o una cattiva digestione, spesso si risolve in pochi giorni con una dieta appropriata e qualche tisana di erbe adatte allo scopo.
  • 14
    Fate bere al bambino il succo di due-tre limoni al giorno, soprattutto nel caso di diarree estive. In un litro d’acqua mettete circa cinque cucchiai di bacche di ginepro e fate bollire per quindici minuti.
  • 15
    Ritirate dal fuoco, coprite e lasciate in infusione 1 ora. Colate e fatelo bere a tazzine durante la giornata. Singhiozzo ii singhiozzo è causato da contrazioni involontarie del diaframma con chiusura della glottide in medicina è conosciuto come sincrono diaframmatica.
  • 16
    Il singhiozzo è un’azione involontaria che comportano un arco riflesso. Un attacco di singhiozzo, in generale, si risolve senza alcun intervento, anche se molti rimedi domestici sono spesso utilizzati per tentare di accorciare la durata del trattamento medico è talvolta necessario nei casi di singhiozzo cronico.
  • 17
    Segni e sintomi un singolo o una serie di spasmi respiratori del diaframma, della spaziatura variabile e durata. A breve (meno di mezzo secondo), inaspettato, spalla, all’addome, alla gola, o tremore corpo pieno.
  • 18
    Può essere facilmente sentito come un ‘’cinguettio’’, o se adeguatamente controllati, un sussulto rapido inalazione, sospiro, o annusare. La vittima potrebbe lamentarsi di brevi interruzioni, ma distrazione o dolorose, frequenti od occasionali di respiro normale, con improvviso dolore momentaneo della gola, del torace o dell’addome.
  • 19
    Se il singhiozzo sono adeguatamente controllati non c’è disagio ad eccezione della distrazione mite della gasp occasionali incontrollabile.fate bollire una tazza d’acqua e mettete la seguente miscela: 1 pizzico di semi di carvi (o comino di montagna), 1 pizzico di menta (foglie).
  • 20
    Ritirate dal fuoco, coprite e lasciate in infusione 5 minuti. Colate e datelo da bere ogni volta che questo disturbo colpisce con una certa frequenza o dopo i pasti. Stitichezza: la stitichezza è caratterizzata da insufficiente motilità del tubo intestinale, dovuta a cause varie.
  • 21
    Innanzitutto non tutti i bambini sono uguali nelle loro funzioni fisiologiche ma ognuno ha un proprio ritmo che va rispettato. Una delle cause della stitichezza è un’alimentazione troppo raffinata e povera di scorie.
  • 22
    La stitichezza del bambino non va curata contrariamente a quanta si potrebbe pensare con purganti o lassativi, che risolverebbero solo momentaneamente il problema, ma con una dieta controllata e con blandi regolatori intestinali.
  • 23
    Mettete in una tazza d’acqua 3 prugne e 3 fichi secchi e fate bollire per un’ora, cambiando spesso l’acqua di cottura in modo da eliminare lo zucchero. Mettete, in mezzo litro d’acqua tiepida, 4 cucchiai di semi di lino e lasciate in infusione coperto tutta la notte.
  • 24
    Successivamente fate colare e fatene bere al vostro bambino piccolo due-tre tazzine circa al giorno lontano dai pasti. Una volta alla settimana fate al bambino un clistere con acqua di riso o orzo, senza mai esagerare però!
  • 25
    Coltivato in quasi tutta l’europa e in gran parte dell’america è un ortaggio particolarmente apprezzato sia per la sua utilizzazione in cucina che per le sue molteplici proprietà di beneficio verso alcuni disturbi.
  • 26
    Il carciofo, intatti, ha una spiccata azione diuretica e stimola la secrezione biliare; è considerato inoltre un depurativo dei sangue ed è notissimo da sempre per le proprietà aperitive e digestive.
  • 27
    È molto ricco di sali minerali e ferro; quindi consigliabile consumarlo crudo e conservare l’acqua di cottura. Crosta lattea bollire in quattrocento grammi circa, di acqua per quindici minuti 40 foglie di carciofo tritate.
  • 28
    Filtrare e fare degli impacchi tiepidi sulla parte con delle pezzo di lino rinnovandole ogni ora, oppure in una pezza di lino mettere 40 g di foglie tritate, mescolare con il succo di mezzo limone e applicare sulla parte per circa mezz’ora.

Tags

, , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up