Leonardo.it

Come creare un allevamento di lumache

1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 voti
Condividi

Non poi molto difficile creare un allevamento di lumache all’aperto, quello che bisogna avere a disposizione è un grande spazio aperto e, naturalmente, voglia di mettersi in gioco

Cosa serve per completare questa guida:

- lumache;
- appezzamento di terreno.



Istruzioni

  • 1
    Il sistema di allevamento all’aperto è quello più utilizzato e, al di là della superficie di cui disponete, l’intero spazio deve essere recintato per impedire l’ingresso di predatori e l’eventuale fuga delle lumache
  • 2
    All’interno del recinto dovete suddividere l’area in settori: una parte deve essere riservata alla coltivazione delle piante che serviranno da alimentazione supplementare, mentre tutto il resto dovrà essere diviso in recinti con misure variabili secondo le vostre disponibilità di spazio.
    Si consigliano misure di larghezza che vanno dai 2,5 ai 4 metri, mentre la lunghezza può essere dai 40 ai 70 metri
  • 3
    Tutte queste suddivisioni vanno recintate con rete plastica atossica e andranno seminate con le erbe di cui normalmente si nutrono le lumache; nel recinto per l’alimentazione supplementare invece si semineranno solo quelle che erbe che vengono somministrate ai molluschi in determinati periodi per favorirne la crescita (ravizzone, girasole)
  • 4
    Tra i vari recinti ci deve essere un corridoio di circa un metro di larghezza che permetta il passaggio.
    Si deve prevedere anche una zona dove riporre le varie attrezzature e prevedere un sistema di irrigazione perché sia le colture che le lumache amano l’umidità
  • 5
    In pratica la zona destinata all’allevamento va divisa in tre parti: un terzo dell’appezzamento deve essere destinato alla riproduzione, un terzo viene utilizzato per l’alimentazione supplementare e l’ultimo terzo verrà utilizzato a partire dal secondo anno
  • 6
    Nel primo anno dopo aver lavorato e livellato il terreno si allestiscono i recinti dell’area destinata all’allevamento e si semineranno le specie di coltivazioni adatte all’alimentazione delle lumache, quando la vegetazione è alta almeno una decina di centimetri si possono introdurre le lumache
  • 7
    Le lumache devono essere soggetti riproduttori che vanno acquistati presso un altro allevamento, sono sufficienti dieci, al massimo quindici soggetti per metro quadrato.
    Nel vostro recinto avverrà l’accoppiamento e la deposizione delle uova, alla schiusa le chioccioline cominceranno a pascolare nel recinto
  • 8
    Al secondo anno, mentre le chiocciole nate l’anno precedente continuano la loro crescita, nella parte di allevamento lasciata vuota l’anno prima, bisogna seminare e trasferire qui i riproduttori, in modo che qui avvengano le nuove nascite
  • 9
    Nello stesso tempo bisogna anche verificare che non vi sia un sovrappopolamento, ricordando che non ci possono essere più di 250 chioccioline per ogni metro quadrato del recinto.
    Bisogna anche selezionare a mano a mano gli eventuali nuovi riproduttori
  • 10
    Il periodo che la chiocciola trascorre nei recinti, a partire dalla nascita, fino al momento della vendita, è variabile; dipende dalla specie di chiocciola.
    Di norma ci vogliono circa due anni, ama esistono anche specie che raggiungono le giuste dimensioni commerciali anche dopo sei- sette mesi dalla schiusa delle uova

Tags

, , , , , , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up