Come curare il mal di stomaco

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

La guida spiega come curare il mal di stomaco.

Istruzioni

  • 1
    Quando si ha il mal di stomaco i sintomi causanti sono il bruciore, acidità, digestione lenta e gonfiori acuti. Spesso i problemi digestivi interessano gran parte delle persone e sono dovute anche e sopratutto a quello che si mangia.
  • 2
    È ormai riconosciuto che le variazioni stagionali come i cambiamenti di vita ed alimentazione possono provocare un grande scompiglio nell’equilibrio ormonale e nervoso e questo significa un superlavoro per il nostro organismo e l’insorgere quindi di disturbi agli organi che per costituzione personale risultano un po meno resistenti.
  • 3
    Ogni persona ha il suo punto debole e per molte è appunto lo stomaco. Si può ad esempio verificare anche un aggravamento della digestione legata anche ad una particolare alterazione della motilità o della secrezione acido gastrica causata a sua volta da un momentaneo squilibrio a livello proprio del sistema nervoso.
  • 4
    Negli stati di stress è invece spesso il sistema nervoso simpatico a prevalere ed in questo caso può quindi verificarsi sia una maggiore lentezza nello svuotamento gastrico con relativo accumulo di gas e avvolte anche dolore.
  • 5
    Si tratat quindi di disturbi su base funzionale simili a quelli provocati da una eventuale gastrite una patologia che ha però un origine ben diversa e pur attraversando fasi alterne di miglioramento e peggioramento non risente poi troppo delle variazioni stagionali. Le cause scatenanti sono infatti varie e possono andate dall’infezione ad altre tipologie di patologie che incidono sullo stomaco.
  • 6
    Per quanto riguarda poi le cure esiste una vasta gamma di farmaci in grado di contrastare questi sintomi fastidiosi sulla base dei disturbi riferiti dal paziente la cura comunque deve essere indirizzata a correggere il sintomo prevalente e se i malesseri sono legati ad un ipersecrezione gastrica e sono presenti delle acidità si possono anche assumere degli antiacidi al momento del bisogno oppure anche se i sintomi cominciano a farsi piuttosto frequenti.
  • 7
    Nel caso poi prevalgono gonfiori e meteorismo associati a svuotamento gastrico rallentato è bene poi ricorrere a dei farmaci un po più foti in grado di velocizzare i processi dello stomaco. Se poi il disturbo è dovuto alla somatizzazione di uno stato di stress bisogna anche adottare dei farmaci che agiscono a livello proprio viscerale.
  • 8
    I sintomi sono comunque praticamente gli stessi associati alla gastrite o anche al reflusso gastro-esofageo. Quando poi diventano necessari accertamenti più approfonditi se i disturbi perdurano da moto tempo e si ha quindi una familiarità per importanti patologie gastriche e si sono anche superati i 40 anni all’incirca è sempre meglio fare un indagine gastroscopica per verificare se alla base ci sia una patologia organica in particolare un reflusso accompagnato da esofagite. È anche molto aumentato il numero di pazienti che lamentano una cattiva digestione con gonfiori addominali accentuati.
  • 9
    Spesso può però anche capitare che siano dei soggetti che abbiano l’intestino irritabile. In realtà comunque alla base dei loro disturbi ci sono patologie infiammatorie allergiche o intolleranze alimentari.
  • 10
    Per scoprirne la causa sempre però meglio fare degli esami appropriati che permettano di abolire la prolungata assunzione di farmaci sintomatici e di intervenire quindi in modo molto efficace ed attivo.
  • 11
    In genere comunque il bruciore di stomaco dopo aver mangiato deriva dal fatto che non si mangia ad orari molto regolari e sopratutto con pasti troppo carichi e pesanti invece che leggeri e piccoli come dovrebbe essere.
  • 12
    È bene privilegiare un alimentazione a base di riso , carne bianca, pesce e fibre oltre che con tanta frutta e verdura sia cotta che cruda. È bene poi ridurre l’uso di cibi fritti e di brodi di carne vari.
  • 13
    Evitare poi anche i superalcolici ed i cibi piuttosto grassi e piccanti o bevande come caffè, te, coca cola che provocano la secrezione dei succhi acidi. Bisogna quindi abolire il fumo che compromette la produzione di sostanze ch svolgono un azione protettiva al livello dello stomaco.
  • 14
    È bene fare attività fisica che migliora lo svuotamento gastrico e combatte lo stress. Se poi il rpblema alal base dei disturbi è la tensione nervosa cercate quindi di tenerla bene sotto controllo rallentando i ritmi della quotidianeità con una maggior riposo e magari anche con delle tecniche piuttosto rilassanti.

Tags


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up