Come fare a capire l’importanza della famiglia per il bambino

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come fare a capire l'importanza della famiglia per il bambino
Condividi

La famiglia e’ il punto di partenza fondamentale per il bambino. Ecco spiegato in questa guida perche’ la famiglia e’ cosi’ importante…

Istruzioni

  • 1
    Per ogni bambino, la famiglia rappresenta l’ambiente migliore ed ideale all’interno del quale poter crescere. Parlando di famiglia, nella maggior parte dei casi si pensa alla famiglia composta e formata soprattutto da due persone: la mamma ed il papa’. Entrambi hanno il compito di crescere i figli.
  • 2
    Ma oggi, comunque, quando si parla di famiglia, non per forza quest’ultima dovra’ essere la classica famiglia a cui siamo abituati, composta dalla mamma e dal papa’. Per famiglia, infatti, si puo’ intendere anche un ristretto gruppo di persone che crescono e si occupano del bambino con amore e dedizione.
  • 3
    In ogni modo, comunque sia composta la famiglia, questa resta sempre non solo importante, ma addirittura fondamentale per la sana e per la serena crescita del bambino ed e’ il primo gruppo di persone con il quale il bambino si trova ad avere a che fare.
  • 4
    Oggi il concetto di famiglia, rispetto al passato e’ davvero molto diverso. Una volta la famiglia si reggeva su altre basi e su altre certezze. Oggi giorno non e’ piu’ cosi e la famiglia ha caratteristiche molto diverse, in sostanza. Anche se sempre di famiglia si tratta e sempre con la medesima importanza.
  • 5
    Ormai la famiglia esiste indifferentemente se e’ formata da un unico genitore, il quale si occupera’ di tutto e di tutti ed avra’ tutte le responsabilita’, sia se e’ formata da piu’ genitori. Come nel caso delle famiglie allargate, a causa di un divorzio, ad esempio o quando entrambi i genitori si trovano nuovi compagni.
  • 6
    Ancora la famiglia puo’ essere costituita dai nonni, sia nonni materni, sia dai nonni paterni o da entrambi. Si tratta di famiglia anche se e’ costituita da coppie omosessuali, che scelgono di avere una vita normale insieme.
  • 7
    Oppure sempre di famiglia si tratta, anche quando questa e’ formata da genitori che hanno avuto dei figli in affido. Sono tutti esempi molto diversima allo stesso tempo molto simili perche’ hanno come unico scopo il benessere del bambino .
  • 8
    Ogni famiglia,m di qualunque tipo di famiglia si tratti, puo’ avere i suoi lati positivi, come puo’ avere anche aspetti negativi. Possono esserci alcune situazioni molto piu’ favorevoli rispetto ad altre per una sana e serena crescita del bambino.
  • 9
    Possono esserci famiglie piu’ o meno rispecchianti il concetto generale che tutti noi abbiamo quando immaginiamo un nucleo familiare. Comunque per questo non e’ detto che certe situazioni non possano migliorare, basta rendersi conto di cio’ che non va e di cio’ che va modificato.
  • 10
    La famiglia e’ comunque un gruppo unico ed unito. Un insieme affiatato e compatto all’interno del quale ogni componente ha un proprio ruolo. Ma e’ anche un gruppo in cui ogni persona e’ diversa dalle altre.
  • 11
    Per quanto riguarda l’eta, all’interno di ogni famiglia, ci sono gli adulti ed i bambini. Per quanto riguarda il genere ci sono i maschi e le femmine. Ognuno e’ diverso dall’altro. Ma ognuno ha il suo ruolo ed il suo compito.
  • 12
    Uno degli sbagli che purtroppo si riscontrano spesso all’interno di certi nuclei familiari e’ quello di rendere i bambini, un po troppo “adulti”. Nel senso che gli si danno troppe responsabilita’ che non sono adatte al loro ruolo di figli e soprattutto alla loro eta’.
  • 13
    E ancora troppe volte si fanno assistere i bambini a problemi familiari, magari si fanno prendere parte troppo preso a decisioni importanti, si fanno assistere a litigi o alla risoluzione di qualsiasi problema che non e’ adatto ad essere affrontato alla loro eta’.
  • 14
    In poche parole e’ come se si obbligassero i figli, in questo modo, a crescere molto prima. Ma cio’ non va bene ed e’ un grosso sbaglio. Soprattutto non e’ positivo per i bambini perche’ i bambini devono mantenere all’interno della famiglia, il loro ruolo di bambini.
  • 15
    Invece gli adulti avranno il compito di mantenere il loro ruolo di adulti, di prendere le decisioni del caso e di affrontare qualsiasi tipo di problema che si possa presentare. Lasciandone fuori i bambini.
  • 16
    Il bambino deve continuare sempre ad essere un bambino e la sua giovane eta’ va rispettata e salvaguardata, senza incorrere nell’errore di caricare i piccoli di troppe responsabilita’ oppure di fare lo sbaglio di lasciare i bambini abbandonati a se’ stessi.
  • 17
    I bambini hanno sempre bisogno di un adulto che rappresenti per loro una guida che possa dare loro le giuste regole comportamentali e che possa dare il buon esempio da seguire. Come e’ giusto che sia.
  • 18
    Purtroppo oggi non sempre e’ cosi’ perche non sempre ci si rende conto dell’influenza determinante che l’adulto puo’ avere sul bambino. E se invece si considera, a volte capita che i genitori siano troppo presi dal lavoro o dagli impegni quotidiani, per poter essere sempre presenti.
  • 19
    Spesso gli adulti non sono completamente consapevoli del loro ruolo di guida e dell’importanza che questo ha per la crescita e per il corretto sviluppo dei figli. Dal canto suo, il piccolo deve sapere di potersi affidare alla guida dell’adulto con fiducia.
  • 20
    Il bambino deve avere la possibilita’ ed il diritto di vivere pienamente la propria infanzia, senza essere oppresso da troppe responsabilità. Cosa che non sempre avviene all’interno delle famiglie, dove sempre piu’ spesso i genitori sono troppo occupati e troppo impegnati.
  • 21
    E’ importante all’interno della famiglia, che gli adulti abbiano piena coscienza e piena consapevolezza di quanto e’ importante il loro ruolo di adulto, proprio perche’ hanno il compito di rappresentare una guida per il bambino, che altrimenti non potrebbe avere una infanzia serena, ne’ tantomeno godersi questo suo ruolo.
  • 22
    E’ fondamentale che all’interno del nucleo familiare si riesca a realizzare una situazione di stabilita’ emotiva per il piccolo. Solo questo gli potra’ consentire di vivere serenamente e di fare a poco a poco le giuste scoperte e le giuste conquiste, adeguate alla sua eta’ e con il giusto carico di responsabilita’.
  • 23
    I bambini devono essere seguita. Vanno ascoltati continuamente, vanno vissuti all’interno della famiglia. Non e’ sufficiente che il genitore o che comunque, la persone che se ne occupa e che li segue, lo faccia in modo distratto e superficiale. Anche se non e’ sempre facile.
  • 24
    Anche se all’interno di ogni famiglia possono accadere situazioni di contrasto. Situazioni di “lotta” a causa di contrasti con i figli che non sempre sono facili da gestire e da superare con la giusta e necessaria serenita’.
  • 25
    Eppure un rapporto reale e continuo tra genitori e figli, vuol dire anche questo e tutte queste situazioni vanno affrontate e risolte insieme con amore e dedizione. Conflitti e contrasti sono un qualcosa di perfettamente normale.
  • 26
    E’ una cosa perfettamente normale che all’interno di ogni famiglia non possa sempre e solo procedere tutto per il meglio. Situazioni difficili sono molto frequenti e capitano molto spesso all’interna della piu’ normale ed affiatata delle famiglie.
  • 27
    L’importante e’ comunque affrontare tutte le situazioni difficili che si possano presentare, con il giusto modo. Anche perche’ tutto cio’ e’ da considerare come un’occasione di crescita e di miglioramento.
  • 28
    E poi bisogna anche ricordare che molte volte e’ necessario anche dire dei no ai bambini. Che siano decisi ed indiscutibili. Ma dati sempre con la necessaria dolcezza e con la necessaria tolleranza. Non devono essere dei no immotivati, ma vanno sempre spiegati.
  • 29
    D’altra parte non bisogna dimenticare che tutti siamo stati bambini. Bastera’ semplicemente tornare indietro nel tempo, ricordando cio’ che si e’ vissuto e le situazioni affrontate. Quello che piaceva, quello che spaventava, le situazioni problematiche e tutto il resto.
  • 30
    In modo da avvicinarsi un po’ di piu’ a quelle che possono essere oggi le sensazioni di un figlio, per poterlo in questo modo comprendere meglio, capire piu’ da vicino e nel migliore dei modi, potendo cosi’ essere la guida valida e presente di cui c’e’ bisogno.

Tags

, , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up