Leonardo.it

Come fare a mettere in regola il nostro cane: chip.

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Se vogliamo avere la possibilità che il nostro cane venga sempre ritrovato e se vogliamo essere in regola con le vigenti norme, dobbiamo provvedere ad apporre un microchip sottocutaneo al nostro amico.

Istruzioni

  • 1
    Innanzitutto bisogna dire che l’apposizione del chip avviene in forma praticamente indolore. In pratica il microchip, che non è alimentato ma funziona sostanzialmente come un codice a barre, si trova in involucri tipo capsule medicinali costituite da materiale vetroso e praticamente infrangibili. La parte esterna di queste capsule è solitamente rigata o zigrinata in modo da permettere l’ancoraggio della stessa alla pelle dell’animale.
  • 2
    L’inserimento avviene con una semplice puntura, utilizzando quindi una siringa munita di un ago grande che verrà utilizzata sottopelle, ne più ne meno che una normale siringa per l’iniezione di medicinali. Il dolore che il nostro animale proverà è lo stesso che proviamo noi quando veniamo “siringati”.
  • 3
    Niente a che vedere con il vecchio metodo del tatuaggio che chiaramente è di più difficile e lunga realizzazione ed in molti casi, quando l’animale è impaurito o irrequieto per carattere, richiederebbe addirittura anche una forma di anestesia parziale se siamo fortunati o totale in caso opposto, anche se le dosi di anestetico da utilizzare sono molto basse.
  • 4
    Ad ogni chip corrisponde un solo animale e tramite questo si può risalire a tutta una serie di informazioni che comprendono anche le malattie avute dal cane le cure particolari alle quali è stato o viene sottoposto, la residenza dell’animale, quindi sarà conosciuto il suo padrone, l’età dello stesso e tutta una serie di informazioni che può sempre risultare utile.
  • 5
    Chiaramente, essendo il microchip soltanto un elemento che no trasmette in alcun modo onde radio o latro all’esterno –si tratta di un semplice chip leggibile con un apposito lettore elettronico- non permette di rintracciare il cane quando questo si smarrisce o viene rubato. Non si tratta infatti di un trasmettitore satellitare. Può invece essere letto solo alla presenza del cane stesso.
  • 6
    Per l’apposizione del microchip ci si può rivolgere sia a veterinari delle asl di zona, quindi pubblici, sia a veterinari privati i quali però devono essere in possesso dei requisiti necessari per accedere all’anagrafe canina della regione al fine di effettuare la registrazione dell’animale.
  • 7
    Per i cani appena nati è obbligatorio provvedere all’apposizione del microchip entro il secondo mese di vita dell’animale, mentre se si possiede già un cane non registrato si avevano 30 giorni di tempo dall’entrata in vigore dell’ordinanza del 06/08/2008, quindi tempo scaduto!
  • 8
    Per i cani già tatuati e registrati presso l’anagrafe canina non vi è l’obbligo di apposizione del microchip in quanto per la loro identificazione risulta sufficiente il tatuaggio già impresso, anche se a volte questo non è facilmente rintracciabile o leggibile per diverse cause.
  • 9
    Tutto questo è stato previsto oltreché per avere un anagrafe canina a livello nazionale e per altri motivi, anche al fine di ridurre il fenomeno dell’abbandono degli animali che oltre ad essere una pratica ignobile, crea spesso dei seri problemi all’incolumità delle persona in caso di cani aggressivi o in branco ed alla sicurezza stradale per il fatto di causare pericolosi incidente.
  • 10
    Una ultima cosa, in alcuni comuni italiani la polizia municipale ha effettuato un controllo porta a porta per verificare la presenza di cani e la loro regolare registrazione, pena salate multe, quindi provvedete a mettere in regola il vostro fido prima che sia tardi!!
  • 11
    Una volta effettuata l’apposizione del microchip al cane ed averlo quindi iscritto all’anagrafe canina nazionale, non dimenticate una cosa importante, da ora in poi sarete sempre rintracciabili in quanto possessori dell’animale e sarete sempre responsabili degli eventuali danni da esso causati. In realtà lo eravate anche prima dell’iscrizione ma era più una forma morale di responsabilità, anziche legale, in quanto non sempre risultava agevole rintracciare il reale possessore del cane!!
  • 12
    Tenetelo sempre nei docuti modi ed al riparo dalla possibilità di arrecare danno ad altre persone o cose altrui ed inoltre trattate l’amico con le dovute cure perchè anche in questo caso sarete responsabili e rintracciati in caso di qualsiasi forma di maltrattamento. Ciao a tutti!!

Tags

, , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up