Come fare a prevenire rimedi per le ossa.

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Spiegazione di come prevenzione di dolori alle ossa.

Istruzioni

  • 1
    • su questi disturbi si può intervenire utilizzando rimedi naturali, tra i quali l’artiglio del diavolo, l’arnica, il rosmarino, il crisantemo americano, la spirea e molte altre piante.per intervenire su i dolori causati dall’artrosi e dall’artrite reumatoide si può ricorre all’utilizzo dell’artiglio del diavolo che ha un poteri analgesici e antinfiammatori in grado di ridurre i dolori alle articolazioni.
  • 2
    L’artiglio del diavolo, contiene principi attivi con elevata azione antinfiammatoria, analgesica con il potere di ridurre il gonfiore e il dolore oltre a disintossicare l’organismo. L’artiglio del diavolo si trova sotto forma di radice essiccata oppure in capsule, in creme e pomate adatte a fare massaggi sulla parte dolorante.
  • 3
    L’artiglio del diavolo si può usare sotto forma di tisana. Questa si deve preparare versando in una tazza bollente su un cucchiaio di una miscela composta da: 40 grammi di radici secondarie di artiglio del diavolo, 30 grammi di sommità di spirea ulmaria e 30 grammi di foglie di frassino.
  • 4
    Si lascia in infusione per circa quindici minuti, quindi si procede a filtrare. Si può addolcire con miele. Si deve bere due tazze al giorno della tisana, meglio se una al mattino e una alla sera. Questa tisana ha un elevato potere antidolorifico.
  • 5
    Si può preparare anche una tisana anti artrosica che ha la capacità di eliminare le tossine dal corpo, dando origine ad effetti diuretici e depurativi. Questa tisana si prepara utilizzando una miscela composta da : 40 grammi di foglie di frassino, 30 grammi di sommità di erigero e 30 grammi di sommità di crisantemo americano.
  • 6
    Dopo aver mischiato tutte le erbe tra loro, mettere quattro cucchiai della miscela in un litro di acqua bollente. Lasciare in infusione il tutto per dieci minuti. Quindi filtrare, volendo anche addolcire e bere tutta la quantità nell’arco della giornata.
  • 7
    Sempre per attenuare i disturbi dell’apparato locomotore si può fare un bagno antireumatico. In questo caso si deve preparare una miscela con 150 grammi di sommità di spirea ulmaria, 100 grammi di foglie di rosmarino e 500 grammi di sale integrale.
  • 8
    Si deve mettere tutte la miscela in cinque litri di acqua bollente. Dopo quindici minuti filtrare e aggiungere la tisana nell’acqua del bagno ad una temperatura di 32 gradi aggiungendo anche il sale integrale. Quindi fare il bagno per non più di venti minuti
  • 9
    Un altri rimedio sono gli impacchi con fiori di fieno greco. Si deve immergere un sacchetto di fiori di fieno greco, che si trova in erboristeria, in acqua calda per un minuto, quindi lo si estrae e lo si applica sulla pelle non appena il sacchetto ha raggiunto una temperatura sopportabile per la pelle. Si copre il sacchetto con un panno di lana e lo si lascia in posa per circa venti-trenta minuti.
  • 10
    Per eliminare il dolore intenso, anche quello del colpo della strega, si deve preparare una tisana utilizzando una miscela con 60 grammi di sommità spirea ulmaria e 40 grammi di sommità di passiflora. Si deve mettere un cucchiaio della miscela in una tazza di acqua bollente, si lascia in infusione per dieci minuti, quindi si deve bere nella dose di due tre tazze al giorno, lontano dai pasti.
  • 11
    Se vogliamo intervenire sui dolori muscolari dovuti a uno sforzo prolungato o da un movimento brusco, possiamo ricorre all’arnica. Questa pianta ha proprietà antinfiammatoria e nello stesso tempo riesce a produrre calore sulla parte dove viene applicata.
  • 12
    L’arnica si può utilizzare sotto forma di tintura. La tintura di arnica va usata con attenzione in quanto potrebbe creare irritazione e arrossamenti alla pelle. Per preparare la tintura si deve utilizzare una bottiglietta di vetro scuro nel quale si dovrà mettere a macerare 10 grammi di fiori di arnica essiccati e leggermente sminuzzati in 90 ml di alcool etilico a 70 gradi per cinque giorni.
  • 13
    Durante questi cinque giorni si dovrà agitare il flacone almeno una volta al giorno. Trascorso il tempo filtrare il liquido, cercando di spremere bene i fiori per estrarre tutto il loro succo. Conservare il flacone in una bottiglia di vetro scuro con una chiusura ermetica.
  • 14
    Da questa tintura si prepara il liquido da usare sulla pelle, diluendo 20 grammi di tintura con 25 grammi di glicerina e 55 ml di alcol etilico a 70 gradi. Si userà la soluzione, mettendo qualche goccia sulle mani, per stenderla sulla parte dolente senza fare massaggi. Gli impacchi si devono fare tre o quattro volte al giorno.
  • 15
    Nel caso di distorsione, slogatura o dolore muscolare, si può preparare un impacco da applicare sulla parte dolente. Si deve mettere in una ciotola qualche cucchiaio di argilla con una soluzione di acqua e aceto oppure d’acqua e tintura di arnica in parti uguali.
  • 16
    Impastare fino a quando si otterrà una pastella di media consistenza. Spalmare sulla parte dolorante facendo uno strato di almeno mezzo centimetro. Avvolgere la parte con una pezza di tela, senza stringere quindi tenere il’impacco per tutta la notte.

Tags


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up