Come fare a sfruttare il trifoglio.

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Spiegazione di come sfruttare il trifoglio.

Istruzioni

  • 1
    • e’ una pianta perenne acquatica con un lungo rizoma e di fusti ascendenti. Ha foglie verdastre, con foglioline grandi e oblunghe. I fiori hanno cinque petali e la sua fioritura avviene tra il mese di maggio e il mesi di agosto.
  • 2
    La pianta ha un gusto amaro e ha proprietà toniche, digestive e vermifughe. Le sue foglie vengono anche usare in sostituzione del luppolo per preparare la birra, soprattutto nei paesi inglesi.per le sue foglie e per i suoi fiori, il trifoglio fibrino è considerata una pianta ornamentale, l’importante è sistemarla vicino a luoghi dove l’acqua ristagna oppure vicino a fontane o fossi.
  • 3
    Questa pianta è ricca di vitamina x e di ferro. Le foglie del trifoglio fibrino si raccolgono in primavera nel periodo della fioritura. Queste vanno fatte essiccare all’ombra e all’aria.il trifoglio fibrino ha proprietà digestive ed è considerato un vero e proprio tonico.
  • 4
    Per uso curativo si utilizza per risolvere i problemi della cattiva digestione,per la mancanza di appetito, per diminuire e risolvere i dolori di stomaco causati da cattiva digestione, per mal di testa sempre causato da cattiva digestione.
  • 5
    Per intervenire sulla cattiva digestione e sulla mancanza di appetito si tratta di preparare un infuso mettendo cinque grammi di trifoglio fibrino in una tazza di acqua bollente per alcuni minuti. Quindi si cola e si addolcisce meglio con miele. Si deve quindi bere subito dopo il pasto
  • 6
    Un infuso sempre per questo disturbo, ma più efficace è rappresentato da un infuso preparato mettendo 20 grammi di trifoglio fibrino a macerare per una decina di minuti in 200 grami di vino rosso bollente. Addolcire con del miele, quindi attendere che il vino diventi tiepido, quindi colarlo e metterlo in una bottiglia di vetro. Si deve bere uno o due cucchiai di questo vino prima di mettersi a tavola.
  • 7
    Per intervenire sui dolori di stomaco per cattiva digestione e su mal di testa sempre causato sempre dalla digestione si deve mettere in un litro di acqua bollente 15 grammi di trifoglio fibrino e 15 grammi di radice di angelica essiccata. Si deve lasciare in infusione per circa mezz’ora, quindi si procede a colare e ad addolcire con miele. Si deve bere due tazze di questo infuso dopo ogni pasto.
  • 8
    Un altro rimedio per gli stessi disturbi è rappresentato d un vino medicale. Si prepara mettendo in una bottiglia contenente un litro di buon vino rosso 50 grammi di foglie di trifoglio fibrino. Si deve lasciar macerare per otto giorni. Passato il tempo necessario si deve colare e filtrare il . Si deve bere un bicchierino di questo vino al termine dei pasti principali.

Tags


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up