Come fare per prevenire disturbi alcolici.

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Spiegazione di come prevenire disturbi alcolici.

Istruzioni

  • 1
    Uno dei casi che si verifica spesso a seguito dell’assunzione dell’alcool è l’alcoolismo acuto. Questo non è altro che uno dei tanti tipi che ne esistono e quindi è molto importante che tu lo conosca un po di più capendone i sintomi.
  • 2
    Quindi, alcoolismo acuto è sinonimo di ubriachezza ed è la condizione in cui viene a trovarsi l’individuo che ha abusato di bevande alcoliche indipendentemente dal fatto che sia o no bevitore abituale.
  • 3
    Ora se tu dovessi aver bevuto troppo, dopo un primo strato di ebbrezza, caratterizzato da euforia e da esaltazione delle funzioni psicofisiche, passerai poi allo stadio dell’ubriachezza vera e propria.
  • 4
    Questo perché l’alcool ha delle capacità inebrianti, come se fosse una sostanza allucinogena, che il nostro corpo non riesce a sostenere, e in alcuni casi quasi del tutto, quindi il nostro cervello non riesce più a capire cosa accade nel corpo, di conseguenza non connetterà più bene.
  • 5
    Ora i sintomi dell’alcolismo acuto possono variare a seconda di quantità dell’alcool ingerito, ma anche dalla capacità dell’uomo a sostenerne il peso e quindi l’abitudine che ha nell’ingerire alcool etilico.
  • 6
    Questi sintomi possono essere diversi, per esempio avere il passo malsicuro alla perdita totale ella coordinazione muscolare, dalla alterazione della coordinazione dei processi mentali all’incoscienza completa, che può verificarsi in uno stato di coma.
  • 7
    Se dovessi riscontrare un caso di questo tipo di ubriachezza, quindi di alcoolismo acuto, magari in qualche tuo amico, non dovrai fare gran chè poiché i sintomi si attenuano fino a scomparire man mano che l’alcool viene bruciato dall’organismo.
  • 8
    Una cosa molto importante per accelerare questo tipo di emissione dell’alcool è quella di cercare di far camminare tenendolo a spalle il tuo amico e di farlo urinare il più possibile, in modo da smaltire il liquido attraverso questa in modo rapido.
  • 9
    Inoltre, un aspetto che spesso si verifica in persone ubriache da alcool è quella di espellere del vomito, altro metodo che il corpo ha per espellere il prima possibile l’alcool bevuto, metodo di autodifesa del corpo stesso, che può verificarsi in modo continuo fino alla completa espulsione del liquido e di tutto quello che c’è nello stomaco che possa contenerlo.
  • 10
    A questo punto, detto questo, mentre i sintomi della sbornia via via vanno scomparendo, i postumi veri e propri della stessa inizieranno a farsi sentire sotto forma di malessere generale e possono durare per qualche tempo, che può variare da qualche ora a qualche giorno.
  • 11
    Cerca quindi di autocontrollarti e di non bere mai troppo, ma soprattutto osserva lo stato dei tuoi amici, poiché ricordati che da alcol ci si può anche entrare in coma e quindi perdere la vita, oltre al fatto che in queste condizioni non devi e non devi far guidare nessuno.
  • 12
    Cerca quindi di autocontrollarti e di non bere mai troppo, ma soprattutto osserva lo stato dei tuoi amici, poiché ricordati che da alcol ci si può anche entrare in coma e quindi perdere la vita, oltre al fatto che in queste condizioni non devi e non devi far guidare nessuno.
  • 13
    A questo punto, chiarito questo primo tipo di alcolismo e quindi i modi per poter cercare di risolvere il problema semmai dovesse verificarsi in te stesso oppure, magari, in qualche tuo amico, parliamo dell’alcoolismo cronico.
  • 14
    L’alcoolismo cronico è sinonimo di etilismo cronico, ed è anch’esso provocato dall’abuso di bevande alcoliche, ma stavolta non occasionale, ma bensì prolungato o addirittura abituale, cui l’individuo è spinto da impulso irrefrenabile come se fosse una vera e propria sostanza stupefacente, entrambi con effetti devastanti.
  • 15
    A questo punto, l’etilismo cronico, sappi che si presenta con i sintomi dell’ubriachezza, spesso senza neanche passare attraverso lo stadio iniziale dell’ebbrezza ed è considerato generalmente come una vera e propria malattia, legata a disordini della personalità.
  • 16
    A questo punto, l’alcolizzato potenziale, all’inizio e nella maggior parte dei casi, si da al bere per trovare sollievo all’ansia e alla depressione di cui soffre, per questo è considerato come una sostanza tossica questo tipo di alcoolismo.
  • 17
    Detto questo, in un secondo stadio, l’individuo sente la necessità invincibile dell’alcool in se, infine, perviene alla condizione di completa e vera e propria dipendenza fisica, dove, a quel punto, sarà quasi impossibile far redimere la persona colpita da alcoolismo cronico.
  • 18
    Ma non finisce qui, poiché intensificandosi l’abitudine al bere, aumenta anche la tolleranza da parte dell’organismo stesso, cosicchè l’individuo avrà sempre più bisogno di bere maggiori quantità di alcool, in modo da ottenere l’effetto desiderato.
  • 19
    Sappi però, che in molti di questi casi, il soggetto raggiunge una tale sensibilità all’alcool che risente anche dell’assunzione di quantità molto modeste, che spesso possono trovare anche in elementi come schiuma da barba e così via.
  • 20
    A questo punto, è quindi assolutamente ovvio che questi individui devono astenersi assolutamente dall’uso di qualunque e di qualunque quantità di bevande alcoliche, ma da soli non ce la faranno mai, poiché solitamente questo è un rimedio a problemi più grossi che hanno in mente.
  • 21
    A questo punto, è quindi assolutamente ovvio che questi individui devono astenersi assolutamente dall’uso di qualunque e di qualunque quantità di bevande alcoliche, ma da soli non ce la faranno mai, poiché solitamente questo è un rimedio a problemi più grossi che hanno in mente.
  • 22
    Quindi, semmai ti dovesse capitare di avere a che fare con questo problema, oppure che qualcuno di tua conoscenza ne soffre, dovrai cercare di fargli sparire qualunque oggetto o meglio liquido contenga alcool, poiché pur di assumerne berrebbe l’impossibile.
  • 23
    Quindi, semmai ti dovesse capitare di avere a che fare con questo problema, oppure che qualcuno di tua conoscenza ne soffre, dovrai cercare di fargli sparire qualunque oggetto o meglio liquido contenga alcool, poiché pur di assumerne berrebbe l’impossibile.
  • 24
    Altra cosa molto importante che dovrai fare, sarà quella di portare assolutamente l’individuo a farsi curare, ma non da un dottore qualunque, ma bensì da qualche psicologo che possa capire il problema a monte e quindi aiutarlo.
  • 25
    Oggi ci sono anche moltissime comunità i cui componenti sono degli alcolizzati che vogliono smettere e dare una svolta alla loro vita, quindi cerca di farlo inserire in uno di questi centri molto utili per una guarigione da questa dipendenza molto ma molto pericolosa per la vita.
  • 26
    Proprio a questo proposito, gli effetti da alcoolismo cronico sono molto gravi, in quanto si manifestano gravi mutamenti della personalità, in particolare, l’alcolizzato diventa tanto più sospettoso e irascibile quanto più sono le critiche di familiari ed amici.
  • 27
    Proprio per questo, è molto importante che tu non ti metta a criticare questo individuo sempre semmai ne conoscessi qualcuno, magari tra amici o familiari, ma devi cercare di fargli capire pian piano, nei momenti rari di lucidità che deve cambiare vita, ma non legarlo mai poiché potrebbe ferirsi se dovrebbero prendergli delle specie di convulsioni.
  • 28
    Inoltre, il soggetto alcolizzato, ha frequente perdita di appetito, il che provoca nell’organismo carenza di proteine e insufficienza di vitamine, quindi si assiste al declino della salute, dove in molti casi, l’alcolizzato, poi, diventa gonfio (edema) e quindi soffrirà di disturbi digestivi e circolatori.
  • 29
    In seguito, finiscono con l’essere progressivamente compromessi anche organi vitali come il fegato, il cuore e quindi tutto il sistema nervoso, ecco perché il soggetto tende a trasformarsi completamente, sul vero senso della parola.
  • 30
    A questo punto, in caso di gravi lesioni epatiche,può accadere che si manifesti un’improvvisa diminuzione nella tolleranza per l’alcool, cosicchè anche un’ingestione minima di una quantità minima, come si è detto prima, sarà sufficiente per provocare lo stato di ebbrezza.
  • 31
    Contemporaneamente, possono anche verificarsi attacchi di delirium tremens, di convulsioni e quindi di demenza, e in questi casi devi immediatamente chiamare un’ambulanza, poiché questo stadio può anche far pervenire la fine della vita stessa.
  • 32
    Le conseguenza fisiche dell’alcolismo cronico possono sicuramente essere evitate, e in qualche caso persino annullate completamente, solo mediante la totale astensione dall’alcool e di una buona dose di forza di volontà.
  • 33
    A questo punto, assieme a questi fattori, bisogna che il tutto sia accompagnato con la somministrazione di vitamine e da una buona dieta alimentare, indispensabile per compensare gli effetti della precedente scarsa nutrizione.
  • 34
    Ora quando le condizioni generali dell’0alcolismo sono molto compromesse, è consigliabile che tu faccia ricoverare l’individuo in ospedale per una cura intensiva dei sintomi fisici e delle eventuali turbe psichiche, questo sarà un primo passo per la fine del problema.
  • 35
    Infatti, a tal proposito, ci sono diversi sistemi per aiutare questi soggetti ad astenersi dall’alcool, ma quello che può essere efficace per un individuo può risultare inutile completamente nei riguardi di un altro.
  • 36
    Quindi, in sostituzione dell’alcool, per vincere l’ansia e la depressione che di solito sono alla base dell’irresistibile spinta al bere, può essere efficace che tu gli somministri dei sedativi o di preparati che, assunti con l’alcool, provochino repulsione per le bevande alcoliche.
  • 37
    Tutte queste sostanze le potrai trovare facilmente in tutte le farmacia previa richiesta medica e costituiscono un buon inizio per poter vedere come reagisce l’individuo prima del ricovero vero e proprio, sempre se dovesse continuare a bere.
  • 38
    A questo punto, in molti casi, la dissuefazione dell’alcool dovrai farla avvenire in modo graduale, in modo da evitare che nel soggetto posso instaurarsi una grave sindrome di astinenza, che potrebbe portare l’individuo a peggiorare ulteriormente.
  • 39
    Rimane tuttavia la necessità di consultare lo psichiatra o un medico specializzato per la diagnosi e la cura dello squilibrio psichico che è alla base del problema, infatti esso ti aiuterà di molto e potrai notare da subito dei miglioramenti nella persona alcolizzata.

Tags


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up