Come fare quando il bambino si annoia

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

In questa guida illustrerò come fare quando il bambino si annoia

Istruzioni

  • 1
    I genitori, sempre impegnati a tempo pieno, non sanno fare altro che lavorare. Se non lavorano pensano a rilassarsi perchè il lavoro li stressa e li impegna troppo. E i figli? C’è anche spazio per loro?
  • 2
    Purtroppo i bambini vengono abbandonati a se stessi, o con familiari o con baby-sitter. Questi figli, quindi, non trascorrono un po’ di tempo con i genitori, i quali sono le uniche figure che dovrebbero aiutarlo.
  • 3
    Il lavoro serve, si. E i figli? Se tutti questi coniugi sapessero i problemi ai quali i bambini spesso vanno incontro non si comporterebbero così. Vengono sempre messi in secondo piano i traumi psicologici.
  • 4
    Tutto ciò determina noia nel bambino. Questo non sa come divertirsi, perchè, anche durante le ralazioni con i coetanei, ci saranno momenti in cui penserà che i genitori non ci sono mai accanto a loro.
  • 5
    Una noia alimentata dal fatto che i genitori li fanno vivere e giocare in spazi limitati. I figli quindi non possono giocare e vivere la loro infanzia liberamente, perchè esistono in casa tanti oggetti che non si possono toccare o che sono pericolosi.
  • 6
    La casa dovrebbe invece essere un luogo sicuro e non di stress per il bimbo, il quale , per non incorrere a castighi , si priva di una libertà che dovrebbe essergli invece data. Ci sono alternative ?
  • 7
    I genitori devono vivere in climi di ansia minore perchè facendo così la trasmettono al loro figlio. Un figlio che, invece di annoiarsi, deve vivere la propria infanzia in maniera piena, senza privazioni .
  • 8
    Non è vostro figlio che deve preoccuparsi delle privazioni e di non toccare oggetti pericolosi, ma deve essere la casa ad essere arredata in misura di bambino. Una casa piena di giochi, ma anche arredata.
  • 9
    Il gioco infatti, e l’esplorazione, quindi il movimento, il gattonare, costituiscono un momento di crescita per il bambino, il quale deve conoscere e giocare perchè sono questi momenti fondamentali che, se non compiuti, provocheranno problemi.
  • 10
    Da non dimenticare è l’ attività all’aria aperta. Il bambino deve esplorare infatti non solo in casa, ma anche in spazi esterni. Deve sporcarsi e toccare ciò che gli sta intorno. Naturalmente deve essere lasciato libero di compiere tutto ciò che vuole fare.
  • 11
    I genitori, quando i bambini sono annoiati, cadono nella disperazione. Non sanno cosa fare e come comportarsi. Sembra quasi di aver provato tutto per distorglierlo da quello situazione ma il bambino continua a non essere felice.
  • 12
    Un altro modo per evitare che vostro figlio si annoi è proporre un gioco che abbia un obiettivo, e che lo distolga dalla passività. Facendo in questo modo vostro figlio imparerà a riflettere prima di raggiungere un obiettivo.
  • 13
    Se il bambino non viene salvato da questa situazione, provvederà da solo attraverso strategia talvolta estranee ai modi di fare normali. è Utile quindi seguire il bambino nelle sue attività, senza però aiutarlo.
  • 14
    A volte anche farsi aiutare nell’attività domestica può risolvere la noia che pervade la psicologia del bambino. Serve anche come momento di crescita: capirà così le fatiche che si devono affrontare quando si cresce.
  • 15
    Esistono, se i genitori non hanno tempo a disposizione, luoghi che accolgono il bambino per evitare che questo venga abbandonato a se stesso.
    Sport per infanti, asili e altri istituti che sono pronti a tenerlo in attività.
  • 16
    Il genitore, alcune volte, deve aiutarlo durante il processo del gioco, per dimostrare che si può compiere attraverso l’iterazione. Così il bambino inzia a comprendere che esiste il gioco con l’altro.
  • 17
    Importante considerazione è quella di non abbandonarlo negli istituti sopra elencati, perchè se frequentati poco sono fonte di novità, ma se frequentati tutti i giorni saranno per il bimbo un nuovo indice di noia.
  • 18
    Il vostro bambino è quindi in grado di non annoiarsi, ma solo grazie all’aiuto di un adulto, e il vostro è quello che più lo incoraggia.
    Dimostrazioni di voler svolgere attività con lui sono indispensabili.

Tags


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up