Leonardo.it

Come farsi da soli una casetta di legno e spendere poco

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Ecco come cercare di fare con le proprie forze una casetta di legno dove riporre attrezzi.

Cosa serve per completare questa guida:

- chiodi;
- bulloni;
- attrezzatura da falegname;
- travetti in abete;
- perline di legno non trattate.



Istruzioni

  • 1
    Molte volte non sappiamo dove riporre gli attrezzi che usiamo per il giardino, oppure vogliamo semplicemente tenere tutto in ordine. Ma se ci affidiamo a terzi i costi, specie in periodo di crisi, si fanno pesanti. Ecco come cercare di farsene una da soli senza spendere tanti soldini.
  • 2
    Innanzitutto non prendete paura: non è una cosa molto difficile. Basta munirsi di calma e pazienza. Cercate di prenderla con filosofia e tutto vi sembrerà semplice e divertente. Seguite le mie istruzioni e vedrete che soddisfazione proverete a lavoro finito!
  • 3
    La casetta che vi propongo di fare è formata dall’unione di più “pannelli” precedentemente fabbricati con le nostre mani. In tutto ce ne serviranno sette per poter così coprire tutte le superfici…insomma,il concetto è quello di far conto di dover costruire una sorta di cubo.
  • 4
    Ogni strato pannello da costruire è formato da travi di abete di formato 4×4 cm a cui verranno saldate delle perline di dimensioni tra i 14 e i 20 mm di spessore. Le perline di legno, meglio usare lo stesso legno dei travetti, verranno unite ai travi stessi con chiodi.
  • 5
    La casetta che immagino non è grandissima. Se così la vorreste, sarebbe meglio che al posto dei travi che vi ho consigliato provaste a fabbricarvi un telaio di ferro. E’ sicuramente più resistente e non si deformerebbe col peso del tetto.
  • 6
    Le misure che ritengo ottimali è una altezza ed una profondità che non superino rispettivamente i 2 e i tre metri. Altro parametro è che i pannelli che si vanno a realizzare per il tetto ( sono 2) siano leggermente più lunghi degli altri, così da non far coincidere la “fine” del tetto con ” l’inizio” dei muri. Inoltre andrete bene a mettere delle rudimentali grondaie fatte con tubi di plastica arancione (quelli usati dagli idraulici) tagliati a metà.
  • 7
    Costruite i pannelli cominciando dal telaio che costruirete coi travetti. Poi inchiodate man mano le perline. Nel frattempo pensate se la vostra casetta abbia bisogno o meno di finestre. In caso affermativo, nel pannello interessato, taglierete le perline in modo da formare un buco, che sarà a lavoro finito la finestra della casetta. La stessa cosa farete nel pannello che fungerà da facciata della casetta: in questo caso, però, il foro da praticare sarà per la porta di accesso.
  • 8
    Nei pannelli che fungeranno da facciata anteriore e posteriore praticate dei fori, che trapassino le perline,ai bordi di destra e sinistra. Nei pannelli che serviranno per le parti laterali, praticate sempre a destra e sinistra dei fori che, però, stavolta, siano coincidenti coi primi, ma che trapassino i travetti. Detti buchi serviranno in seguito ad unire i vari telai.
  • 9
    A questo punto prendete della vernice con la tonalità di colore che più vi aggrada. Non è detto che debba per forza avere un colore che “richiami” il legno: se vi aggrada dare un tocco di originalità potete usare colori vivaci, oppure colorare ogni parete con colori diversi.
  • 10
    Non vi resta che assemblare tutto quello che avete preparato. Prima, tuttavia, provvedete a sistemare il pannello del pavimento. Badate a trovare il giusto livello, in modo che non vi troviate poi… Una casetta pendente come la torre di pisa!
  • 11
    Prendete il pannello che funge da facciata posteriore: appoggiatevene uno di quelli che fanno da parete laterale ed uniteli con dei bulloni che passeranno attraverso i fori di cui vi ho parlato prima. Procedete così per tutti i lati della casetta.
  • 12
    Ora non vi resta che il tetto che provvederete a saldare dall’interno della casetta. Ora per saldare al meglio i telai potete adottare delle lamine a “l” che trovate nei negozi di bricolage. Sono già forate e vi basterà usare chiodi o viti.
  • 13
    La casetta è quasi pronta. Vi rimane solo di risolvere il problema dell’impermeabilizzazione del tetto.
    A tal proposito potete utilizzare quello che volete: da pannelli di plastica dura che si trovano negli ingrossi di materiale edile, al telo bitumato ardesiato.
  • 14
    Per la porta e la finestra utilizzate le sagome che avete ottenuto quando ne dovevate ricavare il contorno nei veri pannelli. Vi servirete di cardini facilmente reperibili dal ferramenta. Come per i pannelli, anche porte e finestre potranno essere dipinti con le vernici del colore che più vi piace.

Tags

, ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up