Come impostare le preferenze audio in gnewsense (distribuzione open source linux)

1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 voti
Condividi

L’obiettivo della guida è quello di impostare le proprie preferenze audio nel sistema operativo di casa linux gnewsense

Istruzioni

  • 1
    Impostare le preferenze audio è probabilmente una delle principali forme di personalizzazione del sistema operativo, per renderlo proprio, per fare in modo che sia conforme ai propri gusti ma che soprattutto sia correttamente configurato relativamente alla propria componentistica hardware. Vediamo, quindi, come procedere alla configurazione delle suddette preferenze.
  • 2
    Innanzitutto posizioniamoci nella schermata principale del sistema, sul desktop, e da qui, tramite la barra degli strumenti presente nella parte alta dello schermo, accediamo al menù “sistema”. Dall’elenco a comparsa selezioniamo la voce “preferenze” e, quindi, dal nuovo sottomenù clicchiamo sulla voce relativa alle preferenze audio: dovrebbe, a questo punto, aprirsi la finestra di configurazione specifica.
  • 3
    La finestra delle preferenze audio dovrebbe essere composta da quattro differenti schede (devices, sounds e system beep). La prima delle quali dovrebbe essere visualizzata in maniera predefinita all’apertura della finestra per la configurazione. Analizziamole singolarmente.
  • 4
    Scheda devices: in questa scheda è possibile, tramite dei semplici menù a tendina, personalizzare e selezionare i dispositivi di output audio da utilizzare nelle varie circostanze. In maniera predefinita dovrebbe essere impostata la scelta “autodetect”, ma è possibile personalizzare ciascun canale selezionando il dispositivo preferito per quella determinata circostanza.
  • 5
    Le possibili situazioni configurabili sono gli eventi sonori, la musica e i film e le audio conferenze. In ciascun caso, poi, dopo aver selezionato la periferica audio di output, è possibile andare a testarla tramite l’apposito pulsante presente nella parte destra del menù a tendina. Nel caso della conferenza, inoltre, è possibile selezionare non solo il dispositivo di output del suono, ma anche quello di input, di cattura dello stesso.
  • 6
    Nella medesima scheda, infine, è possibile selezionare il dispositivo audio predefinito da utilizzare nelle varie circostanze non specificate precedentemente. Il sistema, comunque, già al momento della prima configurazione, dovrebbe essere stato in grado di rilevare automaticamente l’impostazione migliore relativamente all’hardware a disposizione.
  • 7
    Passiamo alla seconda scheda, ovvero i suoni. Probabilmente la scheda più personalizzabile in assoluto del pannello audio. È Possibile, infatti, andare a specificare un suono differente per ciascun’evento, dalla selezione di una casella di spunta, fino alla scelta di una voce dal menù o al messaggio di errore o di avvertimento. O ancora, in alternativa, è possibile selezionare suoni personalizzati relativamente al termine della sessione o all’accesso al sistema.
  • 8
    La selezione e la personalizzazione dei suoni è estremamente semplice e viene effettuata tramite la scelta dei suddetti tramite dei menù a tendina. È Possibile scegliere tra numerosi suoni predefiniti presenti nella libreria di sistema. Dopo la selezione del suono, inoltre, è possibile testarlo immediatamente tramite la funzione “play” (pulsante presente alla destra del menù a tendina).
  • 9
    Ultima scheda della finestra delle preferenze audio è quella relativa al beep di sistema. In maniera predefinita il beep dovrebbe essere attivo e funzionante, nonché facilmente udibile all’avvio del sistema. In alternativa, però. È Possibile disabilitarlo del tutto, oppure sostituirlo con un “beep visivo”, ovvero la seconda scelta disponibile nella scheda.
  • 10
    In cosa consiste il beep visivo in sostituzione di quello audio? È Possibile scegliere tra due differenti beep visivi: il primo fa lampeggiare essenzialmente la barra degli strumenti del sistema, il secondo, invece, fa lampeggiare l’intero schermo in caso di segnalazione. Utile nel caso in cui si voglia avvertire il beep esclusivamente in maniere visiva! In alternativa, comunque, è possibile associare le due forme di beep e ottenerle contemporaneamente.
  • 11
    Al termine del processo di personalizzazione delle preferenze audio non ci resta che applicare le modifiche e chiudere la finestra. Quest’ultime dovrebbero essere immediatamente operative e funzionanti. In base all’entità delle modifiche apportate, però potrebbe essere richiesto di riavviare il sistema operativo al fine di renderle effettive.

Tags

, , , , , , , , , , , , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up