Come insegnare a vostro figlio il gioco della palla 8 e della palla 15

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Prima o poi tutti i bambini giocano a biliardo

Istruzioni

  • 1
    Come anticipato nella presentazione tutti i bambini giocano a biliardo con gli amici, può avvenire già in età prematura oppure anche più tardi e vuoi non vuoi nel gruppo chi gioca meglio è sempre ben visto.
  • 2
    Io per fortuna sapevo giocare molto bene sin da piccolo grazie agli insegnamenti di mio padre e di un amico di famiglia che mi portavano con loro la domenica in sala giochi a giocare con loro facendomi provare.
  • 3
    Ero molto piccolo quando la prima volta ho visto un tavolo da biliardo, a male pena arrivavo all’altezza di gioco, mi divertivo ad asservare papà e l’amico di famiglia che passavano delle ore divertendosi.
  • 4
    Qualche volta tiravo qualche palla, tutte senza un senso di gioco logico e lo facevo solo per divertirmi alla fine delle loro partite. Rimanevo estasiato dal gioco e ancora oggi a distanza di anni lo pratico.
  • 5
    Questa guida è sicuramente rivolta a coloro (genitori) che praticano almeno sporadicamente il gioco della carambola ma anche chi non ha mai giocato o giocato poco può aiutare il proprio figlio a capire come funzione.
  • 6
    Infatti come detto prima cercare di insegnare al proprio figlio questo gioco e riuscirci porterà sicuramente molti benefici sociali che saranno per lui un’esperienza ottima da usare in età adolescenziale.
  • 7
    Il gioco è molto semplice, ma la pratica è tutta un’altra cosa sia dal punti di vista stilistico che realizzativo. Gli accessori sono molto facili da maneggiare ma in caso di bambini possono diventare pericolosi.
  • 8
    Infatti le biglie molto pesanti possono essere tirate e la stecca potrebbe nel caso più disperato essere un arma contundente specialmente se lasciate i bambini da soli mentre provano a giocare a questo gioco.
  • 9
    Prima di parlare di tecnica di gioco e del gioco stesso occorre che insegnate ai vostri figli la differenza delle biglie e anche la postura di gioco sia in fase d’impugnazione della stecca che in fase di tiro.
  • 10
    Poi occorre anche spiegare il funzionamento del gioco, ma questo a posteriori, dapprima insegniamo il modo di stare sul biliardo e il modo di “steccare” (movimento fatto con la stecca per spingere la biglia.
  • 11
    Scegliete per vostro figlio una stecca non tanto lunga, la stecca deve essere anche leggera, preferite composizioni in materiale plastico leggero oppure in materiale di legno leggero. Il bambino non deve sforzarsi.
  • 12
    Un altra cosa poco relativa al gioco ma importante per la salute di vostro figlio è di non frequentare mai in sua presenza sale da gioco dove è permesso fumare, andate sempre in posti e sale per non fumatori.
  • 13
    La salute di vostro figlio è una cosa importante, non dovete scherzarci su, infatti è buona norma non fare frequentare a vostro figlio (ma nemmeno voi dovete) posti dove sono intasati da fumo di sigarette.
  • 14
    Oltre alla semplice e dannosa aria piena di fumo vostro figlio potrebbe prendere il gesto, almeno per adesso incosciamente di associare il gioco al fumo. Invece dovete fare capire che è sempre uno sport il biliardo.
  • 15
    Nonostante sembri solo un gioco dovete sapere che quasi tutte le attività sportive inerenti al biliardo fanno parte ormai del comitato olimpico nazionale (coni) e ci sono campionati di tutti i livelli.
  • 16
    Dopo questa breve parentesi necessaria passiamo all’impostazione, mostrate a vostro figlio voi prima come si deve impostare. La stecca va tenuta nel manico dalla mano dominante (destra o sinistra che sia).
  • 17
    Con l’altra mano, appoggiata sul panno oppure sulle sponde del tavolo il bambino deve formare una specie di scivolo chiamato nel gerco di gioco “ponticello” dove fare scorrere la parte finale della stecca.
  • 18
    Nella parte finale della stecca c’è un pezzetto di cuoio arrotondato chiamato tacchetto, quella parte andrà a colpire la biglia al momento del tiro dopo l’oscillazione della stecca a forma di pendolo.
  • 19
    Infatti per caricare il tiro occorre andare indietro ed avanti con la stecca facendola scivolare proprio sul perno fatto con la mano, mi raccomando che il tacchetto non dovrà mai toccare il panno ma solo la biglia.
  • 20
    Infatti uno sfregamento del tacchetto e della parte finale della stecca sul panno potrebbe causare un danneggiamento di questo ultimo con conseguenze economiche anche alte tal volta nell’ordine di alcune centinaia di euro.
  • 21
    Fate esercitare molto vostro figlio in questo movimento, dapprima senza biglia per fargli assorbire il movimento ondulatorio a pendolo, mi raccomando dite di andare dritto nel movimento senza torsioni.
  • 22
    Infatti le torsioni possono essere causate dal movimento del braccio, della spalle e del polso e della stessa presa fatta con la mano dominante (destra o sinistra che sia) durante la fase di spinta in avanti.
  • 23
    Per ovviare a tutto ciò dovete fare in modo che il tiro, almeno all’inizio venga fatto piano sia in fase di carico che in fase di spinta in avanti. Fate perfezionare bene questo passaggio è importantissimo.
  • 24
    Infatti la precisione dei tiri (successivamente vedrete) si basa sul fatto di questo movimento che se eseguito correttamente senza sbavature, senza torsioni associato ad una mira eccellente fanno la differenza.
  • 25
    Una volta appreso il meccanismo prendete il pallino, è una biglia bianca solitamente più piccola delle altre e fate esercitare vostro figlio a colpirla con diverse forze senza mirare ma solo esercitando le varie forze.
  • 26
    Potete anche fare un gioco intermendo facendo esercitare vostro figlio all’uso conscio delle diverse forze mettendo dei traguardi da raggiungere in diversi tiri: ad esempio tiro piano, forte, fortissimo, pianissimo.
  • 27
    Questo esercizio farà in modo di fare apprendere a vostro figlio l’uso delle forza in maniera da usarle in partita successivamente per diversi tiri che si eseguono con varie forze padroneggiando il tutto.
  • 28
    Una volta messa a punto la forza dovete mettere a punto la mira di vostro figlio, dovete insegnare loro a mirare. La migliore cosa è ripartire dall’impostazione di base, incominciando da quella dei piedi.
  • 29
    I piedi devono essere messi in modo preciso, in modo da essere comodi durante il tiro. Non ci sono prescrizioni particolari come gli altri giochi ma è meglio che il piede destro sia leggermente più indietro del sinistro.
  • 30
    Oppure viceversa se vostro figlio sia mancino ed impugni la stecca con la mano sinistra. Poi dovete anche fare in modo che l’altro piede sia in traiettoria della mira desiderata che spiegherò nei prossimi step.
  • 31
    Per la mira il consiglio che vi posso dare è quello di insegnare a vostro figlio di fare passare la stecca all’altezza del capo, all’altezza specifica dell’occhio dominante destro o sinistro che sia, come fare per capirlo.
  • 32
    Infatti non è detto che l’occhio dominante sia sempre il destro, per farlo esiste una tecnica molto semplice ed è quello di guardare in un cerchio un oggetto a distanza con tutti e due gli occhi e chiuderne uno alla volta.
  • 33
    Quell’occhio che rimasto aperto mentre è chiuso l’altro riuscirà ad inquadrare bene l’oggetto all’interno del cerchio sarà il vostro occhio dominante (quello di vostro figlio) ma anche del vostro fate la prova.
  • 34
    Fate passare ora la stecca sopra la testa e perfettamente sotto l’occhio dominante così da avere una mira più precisa associata al movimento a pendolo di spinta e carica allenato in precedenza come descritto.
  • 35
    Ora passiamo al gioco puro, le regole sono semplici, le biglie devono essere messa in un lato del tavolo disposte a triangolo alternando le biglie piene quelle senza striscia bianca e quelle mezze o rigate.
  • 36
    Lo scopo del gioco è di imbucare tutte le biglie associate al giocatore in base alla prima che entra in buca (piena o rigata-mezza) ne sono 7 più la palla numerata 1 alla fine della sequenza di imbucamento.
  • 37
    Gli ostacoli nel gioco ne sono molti, infatti le biglie numerate con il numero otto e il numero quindici vanno imbucate per forza non nelle buche poste agli angoli del tavolo da biliardo ma in quelle centrali.
  • 38
    Ci sono varie varianti di questo gioco, una delle molte è che le biglie messe al posto sbagliato come la palla otto e la palla quindici nel caso di imbucamento sbagliato si ricacciano dalla buca e si mettono attaccate in basso alla sponda.
  • 39
    Un altra variante è che si perda la partita nel caso vengano imbucate sbagliate, stesso discorso vale per la biglia numerata uno. Se viene imbucata per sbaglio durante la partita di ricaccia oppure si perde.
  • 40
    Poi per la biglia numerata con il numero uno esiste un ulteriore variante dettata dal fatto che molti la imbucano di sponda cioè dopo avere colpito almeno una parte del tavolo primi di essere imbucata.
  • 41
    Poi un discorso a parte merita il pallino, infatti se il pallino finisce in buca si perde il turno di gioco e l’avversario dovrà iniziare di nuovo il suo turno partendo dal punto d’inizio che è fissato in un cerchietto ad un lato del tavolo.
  • 42
    Ci sono anche molte varienti in merito che permettono lo spostamento dell’area di tiro nella metà del tavolo opposta a quella dove si è posizionato il triangolo all’inizio del gioco prima della spaccata.
  • 43
    Queste sono le regole fondamentali, ma questa guida non vuole insegnare le regole ma ha detto poche ma precise cose che servono per insegnare a vostro figlio come colpire una pallina almeno all’inizio in modo corretto.
  • 44
    Poi ci sono tanti modi di colpire, partendo dal colpo sotto, al colpo in pancie e tante varianti fatte con l’uso dell’effetto dato dal colpo e dalla stecca che fanno creare alla biglia diverse traiettorie.
  • 45
    Meglio evitare questi colpi almeno all’inizio, sono diciamo diretti ad un insegnamento più tecnico, avanzato che discuteremo in qualche altra guida in futuro dopo avere fatto prendere a vostro figlio manegevolezza nel gioco.
  • 46
    Spero che posso esservi stato d’aiuto in questa guida che è molto divertente da tutti i punti di vista, anche per me è stato un piacere scriverla poichè sono un amante del tavolo verde in tutte le sue sfaccettature di gioco.

Tags

,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up