Come insegnare ai vostri bambini a “creare” con lavori manuali la favola di gulliver (...

di
0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Anche questa guida si pone come logica conseguenza delle guide precedenti; anche in questa guida troverete ulteriori consigli per creare con i vostri bambini la favola di gulliver.

Istruzioni

  • 1
    Come anticipato nelle guide precedenti, anche in questo caso non starò qui a scrivere la storia di gulliver, nota ai più, ma mi limiterò ad indicare i “passi” della favola limitatamente a quanto necessario per il lavoro manuale da svolgere.
  • 2
    Occorre anticipare che tutti questi lavori potranno essere realizzati da bambini anche di 3 o 4 anni, purchè sotto la supervisione e con l’aiuto di un adulto, che potrebbe essere i genitori o, meglio, i docenti della scuola dell’infanzia.
  • 3
    La storia racconta che durante il corso delle sue lunghe avventure gulliver, che aveva perso durante i diversi naufragi alcuni uomini in mare, decise di ingaggiare altri uomini. Solo dopo, però, si accorse che questi erano pirati.
  • 4
    Ecco, dunque, in che modo i bambini potranno realizzare la barba dei pirati. Si tratta di un’attività divertente, soprattutto perché poi ad essa seguirà l’attività di travestimento che, come è noto, coinvolge e diverte moltissimo i bambini.
  • 5
    Il materiale di cui i bambini avranno bisogno è questo: lana marrone di diverse tonalità (almeno due, una più scura ed una un po’ più chiara), in modo che la barba sia realistica e possa poi, una volta terminata, essere indossata dai bambini.
  • 6
    Inoltre, i bambini dovranno procurarsi anche un cordone elastico, una molla, insomma, che servirà ovviamente per poter indossare la barba una volta realizzata; un vassoio di polistirolo; un paio di forbici di un cartoncino e di alcuni spilli.
  • 7
    Per prima cosa, i bambini dovranno tagliare dal foglio di cartone a disposizione un rettangolo lungo e non troppo stretto né troppo largo; poi, dovranno avvolgere il lato corto del rettangolo con la lana di colore marrone.
  • 8
    Successivamente, i bambini dovranno, con le forbici, tagliare la lana lungo uno dei lati del rettangolo, in modo da ottenere strisce di lana marrone che abbiano approssimativamente la stessa lunghezza (per realizzare la barba).
  • 9
    Adesso, i bambini, con l’aiuto di un adulto o di un altro bambino, dovranno prendere la distanza da un orecchio all’altro orecchio e dovranno poi tagliare un pezzo di cordone elastico che sia lungo il doppio di questa misura.
  • 10
    Poi, dovranno piegare il cordone ed annodare i due estremi. Successivamente, dovranno fissare il corde stessa (a doppio) sul vassoio, fissando le due estremità con degli spilli, e facendo in modo che il cordone sia ben teso.
  • 11
    Adesso, partendo dal centro del filo elastico e teso, i bambini dovranno realizzare tanti cordoni, annodando insieme gruppi di due o tre fili di lana precedentemente tagliati (e mescolati nelle due diverse tonalità di marrone),
  • 12
    In questo modo i bambini, partendo dal centro, dovranno proseguire lungo il cordone elastico teso, andando verso il basso; poi, dovranno lasciare uno spazio centrale per la bocca e proseguire allo stesso modo per la parte rimanente.
  • 13
    Successivamente, i bambini dovranno tagliare più corta la lana annodata ad uno dei due cordoni per realizzare i baffi, mentre l’altro codone con la lana marrone più lunga rappresenterà, appunto, proprio la barba.
  • 14
    Come è noto, e come detto più volte nel corso delle guide precedenti, gulliver, affrontando le diverse avventure, si è imbattuto in popoli in cui gulliver appariva in giganti e popoli rispetto ai quali gulliver appariva molto piccolo.
  • 15
    Ebbene, in questo caso i bambini potranno realizzare un lavoro, sempre con l’aiuto di un adulto, che consenta loro di realizzare un gulliver di cartone che, a seconda dell’esigenza, possa ingrandirsi come un gigante e poi rimpicciolirsi: un gulliver che cresce e decresce, insomma.
  • 16
    Ecco i materiale di cui avranno bisogno i bambini; una scatola di fiammiferi, che sia di quelle grandi (scatola di fiammiferi svedesi o, comunque, qualcosa di simile); una riga; colla vinilica; pastelli colorati; forbici; pennarello nero e cartoncino bianco.
  • 17
    Per prima cosa, i bambini dovranno ritagliare dal foglio di cartoncino bianco una striscia di dimensioni tali da essere sufficienti per avvolgere completamente (su tutti i lati, dunque) la scatola (vuota) di fiammiferi svedesi.
  • 18
    Adesso, i bambini dovranno appunto avvolgere la scatola in questione con il cartoncino tagliato in precedenza, facendo in modo di marcare le piegature. Poi, dovranno aprire di nuovo il cartoncino bianco (ormai piegato).
  • 19
    In questo momento, i bambini dovranno disegnare gulliver su una delle facciate del pezzo di cartoncino bianco; dovranno poi colorarlo accuratamente con i colori a pastello. Il disegno deve essere effettuato secondo delle regole.
  • 20
    Innanzitutto i pantaloni di gulliver dovranno arrivare fino all’estremità inferiore della scatola e le scarpe si dovranno vedere di profilo (nella realizzazione di questo di disegno sarebbe meglio che i bambini si facessero aiutare da un adulto).
  • 21
    Ora, i bambini dovranno incollare il disegno appena realizzato sulla scatola di fiammiferi. Poi, dovranno sfilare il cassettino interno della scatola di fiammiferi e dovranno disegnarci sopra i pantaloni di gulliver, le gambe e le scarpe.
  • 22
    È importante che i bambini realizzino le gambe, i pantaloni e le scarpe sul cartoncino dovranno avere la stessa forma e lo stesso colori di quelli realizzati sul cartoncino bianco incollato poi sullo stesso cartoncino di fiammiferi.
  • 23
    In questo modo, i bambini avranno ottenuto un lavoro che consentirà loro di allungare ed accorciare a piacimento il gulliver che hanno realizzato: sarà infatti sufficiente tiare fuori e tirare dentro il cassettino della scatola di fiammiferi.
  • 24
    Con questo lavoretto, i bambini non solo potranno giocare e divertirsi moltissimo, ma potranno anche lavorare, con l’aiuto di un adulto, lavorare anche su concetti come “alto” e “basso”, “lungo” e “corto”, e sugli opposti in generale.
  • 25
    Come racconta la storia, gulliver nella città di lilliput si ambiente e intreccia molte amicizie, partecipando attivamente alla vita quotidiana degli abitanti di quell’impero. Tra i lillipuziani ve ne era uno che amava scalare con una scala un castello.
  • 26
    Ecco come i bambini potranno realizzare manualmente lo scalatore di lilliput. Ecco i materiali di cui avranno bisogno i bambini per realizzare questo lavoro: alcuni fogli di cartoncini colorati, sia lisci sia ondulati.
  • 27
    Poi, i bambini avranno bisogno di colla vinilica, di un vasetto, di alcuni pennelli, di un po’ di spago, di vernice trasparente, di stucco in polvere o di scagliola, di un pennarello nero (è meglio che si tratti di un pennarello indelebile).
  • 28
    Per prima cosa, i bambini dovranno preparare un impasto di stucco, colla vinilica ed acqua, versando questi elementi, tutti in parti uguali, in una ciotola, mescolando molto accuratamente, fino a fare amalgamare tutto.
  • 29
    Adesso, i bambini dovranno ritagliare un rettangolo di cartone e, con un pennello, dovranno spennellare la superficie del foglio, ricoprendola tutta con il preparato appena preparato e dovranno poi farlo asciugare adeguatamente.
  • 30
    Una volta che il pezzo di cartoncino è asciutto, i bambini dovranno disegnare un piccolo ometto co i pastelli, di quelli che possono poi diventare acquerelli una volta che sopra ci si passa un pennello bagnato nell’acqua.
  • 31
    In sostanza, dopo aver colorato come dei pastelli normali, i colori dovranno essere stesi proprio attraverso un pennello ed un po’ d’acqua (un pennello leggermente inumidito in una ciotola di acqua). Vedrete che bello!
  • 32
    Ricordate, infatti, che l’effetto che si ottiene dipingendo una superficie di carta o di cartone, precedentemente ricoperta di stucco, con dei pastelli cd. Acquarellabili, è che i colori assumono delle tonalità più calde e brillanti.
  • 33
    Adesso, una volta che i colori si sono asciugati, i bambini dovranno ritagliare tre strisce verticali dal cartoncino ondulato di colore verde (o altro colore): le strisce dovranno essere due più strette ed una leggermente più larga.
  • 34
    Ora, i bambini dovranno arrotolare le due strisce più strette e, utilizzando la colla vinilica, dovranno poi incollarne le due estremità. Adesso, sarà necessario incollare il pezzo di spago a metà sulla striscia di cartoncino larga e arrotolata anch’essa.
  • 35
    Successivamente, i bambini dovranno incollare i rotoli più piccoli (quelli cioè ricavati dalle striscette più sottili) nella parte posteriore del cartone (quello su cui è stato realizzato il disegno) e poi dovranno far passare attraverso di essi le due estremità dello spago.
  • 36
    Adesso, i bambini dovranno annodare un anello di spago al rotolino più lungo, in modo da poter appendere da qualche parte il lavoro così realizzato. Adesso, il disegno dovrà essere cosparso di vernice trasparente, che poi dovrà farsi asciugare.
  • 37
    Una volta che la vernice è perfettamente asciutta, i bambini dovranno semplicemente perfezionare questo lavoro: dovranno utilizzare il pennarello nero indelebile (meglio se a punta sottile) per ricalcare i contorni dell’ometto disegnato.
  • 38
    Adesso, grazie all’anello che i bambini hanno realizzato con lo spago, il lavoro in questo modo realizzato potrà essere appeso ad un chiodo inserito sulla parete, in modo che appunto la scaletta dello scalatore possa restare sospesa.
  • 39
    Ora, proprio grazie al lavoro realizzato con i tubicini all’interno dei quali viene fatto passare lo spago, lo scalatore, rappresentato e colorato sul pezzo di cartoncino, può, con un semplice gesto della mano, salire e scendere lungo la scala.
  • 40
    È facile comprendere che con questa idea si possono realizzare una serie di lavori, modificando la figura dello scalatore oppure la dimensione della scala e così via, facendo divertire i bambini e facendo sfogare al loro fantasia.
  • 41
    Dalla descrizioni di questo lavoro, poi, avrete avuto modo di notare che viene descritta anche una particolare tecnica per realizzare i disegni, che consiste nell’usare colori acquarellabili su una superficie cosparsa di un composto di acqua, colla e stucco.
  • 42
    Tutti i lavori presenti in questa guida, unitamente a quelli descritti nelle guide precedenti e in quelli che verranno descritti nelle guide successive, potranno entrare a far parte di un unico progetto che si potrà realizzare a scuola.
  • 43
    In sostanza, i docenti della scuola dell’infanzia, potranno creare un percorso unitario che, partendo dalla narrazione e dalla discussione della storia di gulliver con i loro bambini, potranno giungere alla realizzazione concreta dei lavori che rappresentino la storia.
  • 44
    Ogni bambino, ad esempio, potrà realizzare singolarmente ciascuno dei lavori descritti nelle guide, creando così un proprio album o una propria scatola in cui conservare i lavori manuali realizzati ovviamente nel corso del tempo.
  • 45
    I lavori descritti, tuttavia, potranno essere realizzati anche in collettività, da tutti i bambini della stessa aula. Alla fine dei lavori, i bambini potranno, tramite l’ausilio di adulti, mettere in scena anche la stessa favola di gulliver.
  • 46
    Sotto questo profilo, risulterà essere molto utile realizzare lavori manuali come la barba di lana, che, ad esempio, potrà essere indossata dal bambino che deciderà, inscenando la favola di gulliver, di personificare i pirati.
  • 47
    Insomma, avrete capito che quelle fornite in questa guida sono delle idee, da cui un adulto (genitore o insegnante che sia) può trarre spunto, al fine di sviluppare altre idee, nell’interesse dei bambini e della loro fantasia.

Tags

,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up