Come insegnare al proprio figlio a coltivare un terreno.

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come insegnare al proprio figlio a coltivare un terreno.
Condividi

Coltivare il terreno potrebbe essere un hobby per il proprio figlio: di seguito, ecco come insegnarglielo.

Cosa serve per completare questa guida:

- consigli;
- regole;
- semi;
- attrezzature.



Istruzioni

  • 1
    Il coltivare un terreno in maniera tale da avere dei prodotti in casa che possono essere consumati, risparmiando dei soldi che potranno essere investiti in altre cose, è un tipo di operazione che richiede molto tempo.
  • 2
    Come prima cosa, bisogna riuscire a convincere il proprio figlio a coltivare un piccolo terreno, in maniera tale che queste operazioni vengano poi fatte in maniera autonoma e parecchio veloce da parte del figlio.
  • 3
    Talvolta il figlio potrebbe fare appunto delle storie, pur di non fare questo tipo di operazioni, che richiedono davvero tanta pazienza, in quanto il figlio stesso le potrebbe ritenere noiose e lunghe.
  • 4
    Il genitore deve quindi spiegare al proprio figlio che appunto si potrà ottenere un risparmio dal punto di vista economico, e poi si potranno gustare dei cibi prodotti in casa e sopratutto cibi freschi.
  • 5
    Capita infatti che acquistando questi prodotti, come ad esempio frutta o verdura, questi non abbiano la freschezza che potrebbero possedere i prodotti che vengono appunto coltivati nel proprio orticello.
  • 6
    Altro punto a favore di questo tipo di attività risulta essere che i prodotti che verranno coltivati in casa non saranno toccati da altre persone estranee, ma solo ed esclusivamente dal figlio o dai genitori
  • 7
    Potrebbe infatti capitare che al supermercato ci siano delle persone che si mettano a toccare frutta e verdura senza usare gli appositi guanti per poter garantire il giusto igiene a tutte le altre persone.
  • 8
    Inoltre, queste persone magari si mettono a schiacciare la frutta e la verdura stessa, magari in una maniera talmente forte da rovinarla, e quindi il figlio e i genitori sono costretti appunto a consumare questi prodotti guasti.
  • 9
    Nel peggiore dei casi invece, queste persone potrebbero addirittura pestare la frutta e la verdura, rischiando quindi di ammaccarla, facendo diventare la frutta piano piano sempre più nera e con bozzi.
  • 10
    Quindi, questa frutta e verdura potrebbe anche essere rovinata dalle persone che, in maniera del tutto ineducata, stanno a toccare questi prodotti senza guanti, rovinandola e lasciandola nello scaffale.
  • 11
    Ed infine, la frutta che si acquista al supermercato, oltre che essere danneggiata, potrebbe essere anche stata coltivata utilizzando dei prodotti chimici che gli permetta di svilupparsi in maniera non naturale, accorciando i tempi di maturazione.
  • 12
    Quindi il genitore deve cercare di sottolineare tutti questi aspetti al proprio figlio, e quindi, cercare di fargli capire che non solo la convenienza si ottiene dal punto di vista economico, ma anche dal punto di vista della salute.
  • 13
    Ovviamente tutti questi dettagli negativi possono anche non verificarsi in tutti i market, ma comunque, risulta essere una particolare evenienza che appunto deve essere presa in considerazione da parte del genitore per convincere il figlio.
  • 14
    Una volta che il genitore sarà riuscito a convincere il proprio figlio, i due potranno discutere sul tipo di ortaggi che dovranno essere coltivati nel proprio terreno, cercando di evitare dei litigi inutili.
  • 15
    Ci sono tantissimi tipi di frutta e di verdura che possono essere coltivati nel proprio terreno, ed in questo caso devono comunque essere prese in considerazione dei fattori molto importanti prima di procedere alla coltivazione.
  • 16
    Come prima cosa, bisogna appunto decidere il tipo di frutta e di verdura che genitore e figlio decidono di coltivare, cercando di soddisfare i gusti di entrambi, in maniera tale che questi possano essere soddisfati.
  • 17
    Ovviamente, si potranno scegliere dei semi di frutta e verdura in maniera equa, come ad esempio, far scegliere al proprio figlio tre semi tra i prodotti che preferisce, e quindi, tre semi al genitore secondo lo stesso criterio.
  • 18
    Successivamente bisogna anche acquistare determinati semi che crescono nella stagione che si sceglie di coltivare: ad esempio, in estate sarà opportuno coltivare frutta come ad esempio fragole e angurie.
  • 19
    Questo per evitare appunto che i soldi vengano spesi in maniera errata, rischiando quindi che il genitore e il figlio non vedano nascere i frutti delle loro fatiche e dei soldi che sono stati utilizzati.
  • 20
    Bisogna anche tener conto della quantità di semi che si decideranno di acquistare, cercando appunto di non spendere tantissimi soldi, in quando i semi dei prodotti che verranno coltivati potranno essere utilizzati nuovamente.
  • 21
    Bisogna inoltre tener conto della disponibilità del proprio terreno, cercando appunto di acquistare una quantità di semi che possa bastare per poter coltivare quel determinato terreno che si possiede.
  • 22
    Naturalmente, questa si tratta di una determinata operazione che deve essere fatta prima di procedere all’acquisto dei semi, proprio per evitare che si acquisti una quantità di semi inferiore o superiore alla grandezza del terreno.
  • 23
    Tenuto conto di tutti questi fattori, il genitore e il figlio potranno quindi iniziare ad acquistare questi semi, che successivamente, verranno piantati e curati nel proprio terreno, per poi essere consumati.
  • 24
    Una volta che i semi sono stati acquistati, il genitore deve insegnare al proprio figlio a come deve procedere per poter appunto piantare i vari semi, e quindi, a preparare il terreno per poter coltivare.
  • 25
    Come prima cosa, il genitore deve cercare di spiegare al proprio figlio di andare a preparare tutte le attrezzature necessarie per poter appunto procedere alla preparazione e coltivazione stesso del prodotto.
  • 26
    Tra i vari attrezzi, i genitori devono indicare al proprio figlio di portare il rastrello, il picco e l’innaffiatoio, e quindi, spiegare al proprio figlio come utilizzare tutti questi attrezzi nel terreno.
  • 27
    Come prima cosa, il genitore deve spiegare al proprio figlio che deve assolutamente “preparare il terreno” per poterlo coltivare e inserire i semi che sono stati acquistati precedentemente dai genitori.
  • 28
    Per preparare il terreno, il figlio dovrà come prima cosa eliminare le varie pietre che si trovano nel sottosuolo del terreno che deve essere coltivato, in maniera tale che le piantine possano appunto crescere.
  • 29
    Il figlio deve anche cercare di eliminare le varie erbacce che si possono trovare nel terreno, in maniera tale che queste non possano intaccare e quindi rovinare la pianta stessa, ad esempio, rubandogli l’acqua che verrà utilizzata per innaffiare le piante.
  • 30
    Queste pietre potranno essere rimosse direttamente con le mani, o in caso contrario, il figlio potrà utilizzare il picco, seguendo i consigli che il genitore gli darà per poter evitare che il figlio possa farsi male.
  • 31
    Il genitore deve spiegare che il picco serve come prima cosa per poter scavare nel terreno per poter quindi andare alla ricerca delle eventuali pietre che si possono trovare appunto nel sottosuolo ed eliminarle.
  • 32
    Il genitore deve spiegare al proprio figlio che una volta che la pietra viene trovata, il figlio potrà rimuoverla utilizzando la punta del picco, in maniera che questa possa essere spostata e poi eliminata.
  • 33
    Il genitore deve spiegare al proprio figlio di essere cauto, e comunque, di rimuovere le varie pietre che risultano essere piccole direttamente con le mani, utilizzando dei guanti per evitare di sporcarsi e di tagliarsi.
  • 34
    Anche le erbacce devono essere eliminate utilizzando le mani, e il genitore deve spiegare al proprio figlio che deve eliminare anche le loro radici, in maniera tale che queste abbiano appunto l’impossibilità di ricrescere subito.
  • 35
    Fatte queste operazioni di preparazione del terreno, il genitore dovrà spiegare al proprio figlio che finalmente si potrà procedere a mettere i vari semi acquistati nel terreno, in maniera che possano essere coltivati.
  • 36
    Per mettere questi semi, il genitore deve spiegare al proprio figlio che dovrà inserire questi semini dopo aver fatto scavato nel terreno, in una maniera che i semi non risulti essere troppo in superficie o troppo in profondità.
  • 37
    Tra l’altro, il genitore deve spiegare al proprio figlio che i vari semini devono essere messi ad una certa distanza l’uno dall’altro, in maniera tale che questi appunto non siano troppo vicini tra di loro.
  • 38
    Il genitore deve spiegare al proprio figlio che in questo modo le radici dei vari semini non si intralceranno tra di loro, in maniera tale da evitare che una delle due radici possa rubare l’acqua all’altra.
  • 39
    Una volta che i vari semi saranno stati piantati, il genitore dovrà spiegare al proprio figlio che dovrà coprirli col terreno, evitando di mettere troppa terra sopra, per il semplice fatto che questi potrebbero anche non crescere.
  • 40
    Fatte tutte queste operazioni, il genitore dovrà spiegare al proprio figlio che bisognerà procedere ad innaffiare il terreno contenente i vari semi dei prodotti che appunto sono stati inseriti nel terreno.
  • 41
    Il genitore dovrà spiegare al proprio figlio che le piante devono essere innaffiate utilizzando solo ed esclusivamente l’acqua, e non utilizzando altri tipi di prodotti, come ad esempio medicinali liquidi per le piante.
  • 42
    Il genitore deve anche spiegare al proprio figlio che la quantità d’acqua deve essere messa nel terreno a seconda dei vari semi che vengono appunto piantati nel terreno, e stando attenti ad alcune regole.
  • 43
    Il genitore comunque sia, deve cercare di spiegare al proprio figlio di mettere la giusta quantità d’acqua, in maniera tale che appunto il seme e quindi il frutto o l’ortaggio non venga appunto rovinato.
  • 44
    Il genitore deve spiegare al proprio figlio che se questo dovesse mettere troppa acqua, il seme e le radici potrebbero marcire, e che quindi, la pianta terminerà di crescere e potrebbe far marcire le altre radici.
  • 45
    Se invece il figlio dovesse mettere una quantità inferiore rispetto quella della quale la pianta necessita, questa potrebbe anche seccare, in quanto appunto non riceverebbe la quantità adatta d’acqua.
  • 46
    E’ comunque consigliato che il genitore mostri tutte le varie operazioni, come il togliere le pietre e le erbacce, mettere i semi e la quantità d’acqua, al proprio figlio, in maniera tale che questo potrà capire meglio le spiegazioni del genitore.
  • 47
    Il genitore poi deve spiegare al proprio figlio che le piantine dovranno essere controllate giornalmente, quando sopratutto, iniziano a spuntare le prime foglie che poi daranno vita al frutto o ortaggio piantato.
  • 48
    Il genitore deve spiegare al proprio figlio che ogni prodotto che è stato piantato ha un tempo diverso di coltivazione, e che il figlio non deve accelerare i tempi di coltivazione, utilizzando prodotti che il genitore vieta.
  • 49
    Il genitore poi deve spiegare una semplice operazione al proprio figlio, ma che deve essere fatta dal genitore, che consiste nel mettere il medicinale per poter evitare che gli insetti rovinino i frutti o gli ortaggi piantati.
  • 50
    Questo per evitare che il figlio sbagliando metta troppo medicinale nel frutto o nella pianta, rischiando quindi di rovinarla, oppure che il figlio ne metta poco, rischiando che gli insetti la rovinino, dovendo quindi buttare il prodotto.
  • 51
    Una volta che il frutto e gli ortaggi sono pronti, dovranno essere colti, e successivamente lavati, in maniera tale che vengano eliminati i residui di medicinale che possono essere rimasti nel prodotto.
  • 52
    Con tutte queste spiegazioni, il figlio imparerà infatti a coltivare dei prodotti anche quando il figlio stesso avrà una casa e un terreno proprio, risparmiando come detto prima, dal punto di visto economico e della salute.

Tags

, , , , , , , , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up