Come insegnare al proprio figlio a comportarsi col vicinato del palazzo

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come insegnare al proprio figlio a comportarsi col vicinato del palazzo.
Condividi

Insegnare al proprio figlio come comportarsi nel palazzo richiede parecchio tempo: di seguito, ecco come insegnarglielo.

Cosa serve per completare questa guida:

- regole;
- consigli;
- comportamenti.



Istruzioni

  • 1
    Non tutte le famiglie purtroppo possiedono una casa propria che risulta essere distaccata dalle altre famiglie, e quindi indipendente, ma potrebbe capitare che la casa propria si trovi in un palazzo con altre persone.
  • 2
    La convivenza col condominio talvolta è una delle cose più difficili da imparare, e di conseguenza, da insegnare al proprio figlio, per diversi motivi, uno dei principali è quello che riguarda il relazionarsi con le altre persone.
  • 3
    Infatti, non tutte le persone possono essere simpatiche, e talvolta capita che qualcuno sia veramente antipatico, e che quindi bisogna cercare di tollerarlo per evitare appunto che nascano dei litigi.
  • 4
    Il genitore deve quindi insegnare alcune regole di convivenza al proprio figlio che dovranno essere applicate col semplice fine di evitare dei litigi che possono derivare appunto da un cattivo comportamento
  • 5
    Capita infatti che i vicini tendano a litigare per un nonnulla, e quindi, a far incrinare un rapporto che talvolta nasce in maniera burrascosa, facendolo diventare appunto un rapporto di soli conflitti.
  • 6
    Come prima cosa, il genitore deve insegnare al proprio figlio a rispettare queste persone quando le vede, per evitare che appunto queste abbiano sempre da ridire su una qualsiasi cosa che il figlio faccia.
  • 7
    Come prima regola del rispetto verso queste persone, il genitore deve insegnare al proprio figlio che queste devono essere salutate, mostrando appunto il livello di educazione che il genitore gli ha dato.
  • 8
    Non importa se il figlio reputa che questa persona sia molto antipatica, ma importa appunto il fatto che il figlio deve far vedere che appunto lui non è antipatico, e quindi, porta rispetto per questi individui.
  • 9
    Un caso particolare potrebbe comunque manifestarsi, e consiste nel fatto che magari queste persone abbiano un comportamento scorretto, che consiste nel non rispondere al proprio figlio quando questi li saluta.
  • 10
    Il figlio quindi potrebbe anche pensare che, non essendo stato salutato, lui debba fare lo stesso, e quindi, ignorare quella determinata persona in virtù del fatto che anche lui la ha assolutamente ignorato.
  • 11
    Il genitore però deve insegnare al proprio figlio che deve mostrarsi superiore rispetto queste persone, e quindi, salutare ugualmente, per mostrare appunto la sua educazione e il modo corretto che gli è stato insegnato.
  • 12
    Potrebbe però accadere che queste persone continuino ad avere questo determinato tipo di comportamento di superiorità, e quindi, il figlio stavolta potrebbe appunto impuntarsi sul fatto che questa persona non merita il suo saluto.
  • 13
    Il genitore però deve appunto evitare che il figlio si comporti in questo modo, ma comunque, deve anche evitare che il figlio passi come per il “pollo” della situazione, e quindi si possono optare per tre soluzioni.
  • 14
    La prima consiste nel non salutare affatto questa persona, rischiando però appunto di comportarsi nel loro stesso modo poco educato, e quindi, di essere al loro stesso livello di maleducazione e di comportamento scorretto.
  • 15
    Il genitore potrebbe anche suggerire al figlio di continuare a salutare questa determinata persona, anche se questa continua appunto ad ignorare il figlio, continuando ad avere quel determinato atteggiamento.
  • 16
    Ed infine, altro comportamento, e forse il più consigliato, è quello di salutare solamente se questa persona saluta, evitando quindi di comportarsi da completo maleducato, ma anche di farsi prendere in giro da queste persone.
  • 17
    Da insegnare al proprio figlio di fare commenti qualora questa persona non saluti, poiché da questo tipo di comportamento potrebbe appunto nascere una situazione di litigio e quindi incrinare ulteriormente il rapporto tra le due persone.
  • 18
    Altro comportamento che il figlio deve avere con queste persone risulta quello di dimostrarsi sempre con un atteggiamento di tipo gentile, disponibile e sopratutto aperto al dialogo con queste persone.
  • 19
    Infatti, talvolta con queste persone, per poter andare d’accordo, il genitore deve cercare di spiegare al proprio figlio che talvolta il dialogo è un mezzo che porta appunto a creare un rapporto civile con queste persone.
  • 20
    Quando ad esempio le due persone si incontrano, oltre al saluto, il figlio potrebbe iniziare un dialogo con queste persone, proprio per poterle conoscere meglio, e rompere quindi il ghiaccio e andare d’accordo.
  • 21
    Non ha importanza rilevante l’argomento di cui si parla, ma ne ha il modo in cui si dialoga, seguendo quindi delle semplici regole che il genitore insegna al proprio figlio e che valgono in qualsiasi occasione.
  • 22
    Come prima cosa, sarebbe opportuno che il proprio figlio si rivolgesse dando del lei a queste persone, evitando quindi di dare subito del tu e di entrare in maniera prematura in confidenza con queste persone.
  • 23
    Ovviamente, la situazione cambia se sono proprio queste persone, magari dopo un piccolo periodo di tempo, a permettere al figlio di dare del tu, e quindi, di poter appunto entrare maggiormente in confidenza.
  • 24
    Ovviamente, anche in questo caso, il genitore deve spiegare al proprio figlio che, anche se queste persone gli permettono di farsi dare del tu al proprio figlio, questo deve assolutamente avere un atteggiamento educato.
  • 25
    Per atteggiamento educato, il genitore deve spiegare al proprio figlio che dare del tu non significa automaticamente mancare di rispetto a queste persone, ma al contrario, poter instaurare un dialogo più facilmente.
  • 26
    Bisogna comunque insegnare al proprio figlio, anzi, ricordare che ovviamente è meglio che eviti di essere volgare nell’esporre le sue argomentazioni con queste persone, evitando quindi parolacce e gestacci.
  • 27
    Altra regola da rispettare è quella che riguarda il fatto di rispettare appunto le opinioni che queste persone hanno da dire, senza quindi interromperle e quindi creare situazioni di estremo disagio in loro.
  • 28
    Ed infine, il figlio deve cercare di non imporre le proprie opinioni con la forza, ad esempio, urlando o con altri atteggiamenti, poiché questo porterebbe appunto a creare una situazione poco piacevole.
  • 29
    Rispettando queste semplici regole di dialogo e di interazione con queste persone, il figlio potrà essere tranquillo e quindi poter creare un rapporto civile e tranquillo con queste persone evitando i litigi.
  • 30
    Ci sono degli altri comportamenti che sia il figlio che la famiglia devono comunque avere per far sì che tutti gli altri inquilini non abbiano appunto motivazioni per la quale poter far nascere degli inutili litigi.
  • 31
    Il primo di questi risulta essere quello di tenere bene sia il portone, sia un’eventuale ascensore, per evitare che gli altri inquilini non si possano lamentare di un eventuale malfunzionamento di questi oggetti.
  • 32
    Il genitore deve spiegare al proprio figlio di evitare appunto di sbattere il portone quando ad esempio esce di casa, e quindi, magari di bloccare il portone stesso quando gli altri inquilini devono entrare.
  • 33
    Bisogna insegnare al contrario al proprio figlio di evitare assolutamente di sbattere il portone, ma al contrario, quando lo deve chiudere di accompagnarlo, in maniera tale che anche la chiusura sia delicata.
  • 34
    Quando ad esempio invece il portone non dovesse aprirsi, il figlio deve evitare di girare a vuoto e ripetutamente la chiave, poiché questo potrebbe portare alla rottura della stessa, e si dovrebbe cambiare la serratura.
  • 35
    Quando il portone appunto non apre, il figlio dovrà cercare di essere appunto delicato con la chiave, o al limite, citofonare a casa sua, e quindi farsi aprire, ricordandosi appunto di non sbattere la porta.
  • 36
    Anche il citofono merita comunque particolare controllo, in quanto è sconsigliato il fatto di premere ripetutamente e a fondo il tasto per bussare, in quanto questo potrebbe creare anche una sorta di guasto agli altri campanelli.
  • 37
    Il genitore deve spiegare al proprio figlio che appunto deve essere delicato nel premere questo tasto, e attendere che qualcuno risponda, evitando di spingere troppo a fondo il tasto, evitando dei guasti.
  • 38
    Per quanto riguarda l’ascensore, come prima cosa, il genitore deve spiegare al proprio figlio che non deve assolutamente cercare di chiamare l’ascensore ripetutamente quando questo ad esempio è occupato.
  • 39
    Talvolta infatti, il figlio potrebbe avere fretta, e quindi, premere ripetutamente il tasto anche quando il pulsante indica la luce rossa, ovvero occupato, e quindi, di conseguenza bloccarlo al piano.
  • 40
    Il figlio infatti deve premere una sola volta, e aspettare che la luce diventi rossa, e ovviamente, non premerlo nuovamente, ma attendere che l’ascensore arrivi al piano, e aprirlo solamente quando la luce è verde.
  • 41
    Il genitore deve poi spiegare al proprio figlio di evitare di caricare eccessivamente il carico che l’ascensore supporta, e sopratutto, evitare di bloccarlo premendo il tasto stop oppure aprendo le porte anticipatamente.
  • 42
    Evitando questi comportamenti, il figlio eviterà appunto di bloccare l’ascensore, e di rimanere intrappolato dentro, ma al contrario, garantirà il giusto funzionamento del suddetto anche per gli altri inquilini.
  • 43
    Altro comportamento da evitare è quello di sporcare la scala, ad esempio, con cartacce o dei rifiuti, lasciandola quindi lurida, e dando quindi la possibilità agli altri inquilini di avere motivi per lamentarsi.
  • 44
    Il genitore deve appunto spiegare al proprio figlio che deve assolutamente evitare di buttare le cose per terra, oppure, di scendere la spazzatura e farla sgocciolare nelle scale, lasciando anche un brutto odore.
  • 45
    Al contrario, il figlio deve buttare le cartacce o altro nel cestino, e per quanto riguarda la spazzatura, deve assicurarsi che questa non perda e quindi che si eviti di macchiare la scala, evitando litigi.
  • 46
    Ed infine, altro comportamento da evitare, risulta essere quello che riguarda nell’evitare che il proprio figlio ascolti musica a tutto volume, oppure urli o corra in casa ad orari ritenuti poco opportuni.
  • 47
    Infatti, il genitore deve insegnare al proprio figlio di evitare assolutamente di mettere la musica a tutto volume la mattina presto, il dopo pranzo o la notte, in quanto gli altri inquilini potrebbero lamentarsi.
  • 48
    Infatti, questi inquilini potrebbero, oltre che lamentarsi, chiamare anche polizia e carabinieri, in quanto questo comportamento potrebbe anche essere indicato come disturbo della quiete pubblica, in quanto queste sono ore di riposo.
  • 49
    Anche mettersi a correre o urlare in questi orari è sconsigliato, sempre per gli stessi motivi, e anche per evitare che gli altri inquilini possano sentire le discussioni che vengono fatte in casa propria.
  • 50
    Infine, altro comportamento da evitare è quello di camminare pestando i piedi, o ancora, strisciare le sedie per poterle appunto spostare, creando dei disagi ai vari inquilini che abitano al piano sottostante.
  • 51
    Il genitore deve quindi spiegare al proprio figlio che sarebbe meglio se questo alzasse sia i piedi, evitando di pestarli, sia le sedie, evitando altri motivi di litigi che possono appunto presentarsi.
  • 52
    Seguendo appunto tutte queste regole, si potrà tranquillamente vivere civilmente con gli altri inquilini del palazzo, e quindi evitare dei litigi che potrebbe intaccare il loro rapporto di convivenza.

Tags

, , , , , , , , , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up