Leonardo.it

Come inventare una bella fiaba da raccontare al proprio bambino

1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 voti
Condividi

Con un bambino piccolo ogni sera c’è una fiaba nuova da raccontare ma dopo un po’ si è al corto di idee. Vediamo come fare per inventare sempre fiabe nuove e divertenti che piaceranno sicuramente al tuo bambino.

Istruzioni

  • 1
    Le fiabe sono dei brevi racconti che derivano dalla tradizione popolare che piacciono molto ai bambini da ascoltare e anche agli adulti da raccontare: ai primi perchè è sempre divertente ascoltare una storia e perchè i racconti sono sempre intriganti e interessanti, ai sencondi perchè è possibile insegnare qualcosa ai più piccoli mediante una breve morale.
  • 2
    In realtà nel nostro uso linguistico la fiaba e la favola sono pensate come lo stesso termine seppure esse sono parole che nel significato si sogmigliano un po’: la favola è un racconto molto breve che dove i protagonisti sono animali che si comportano come essere umani con una trama breve ed episodi che si susseguono in maniera veloce con intento morale.
  • 3
    La fiaba invece è un racconto che in più della favola ha anche un elemento fantastico che caratterizza la storia che viene raccontata: nella favola invece questo elemento fantastico è completamente assente.
    Nella fiaba poi la morale non è espressa in modo esplicito come nella favola.
  • 4
    Una curiosità: oggi le fiabe vengono raccontate ai bambini ma la sua origine è invece tutt’altra. Le fiabe venivano raccontate metre si facevano del dei lavori manuali (esempio quando si filava) per passare un po’ il tempo, è anche per questo motivo che i narratori di queste storie in genere sono di natura femminile.
  • 5
    Con internet è tutto più facile e anche scrivere una fiaba lo è. C’è infatti in rete un sito molto simpatico che permette di inventare e costruire più di una fiaba in pochi semplici passi e in modo che ogni fiaba sia sempre diversa dalle altre.
  • 6
    In modo del tutto gratuito andare in questa pagina:

    impariamoascrivere.it/giochi_flash.php?gioco=fiaba

    e cliccare sul tasto ‘gioca’ in fondo alla pagina sulla destra. Se non appare alcuna immagine è perchè non avete non avete installato sul vostro computer qualche componente (dovrà apparire infatti una immagine con due folletti che si muovono). Fatto cio’ inizia la costruzione della fiaba.
  • 7
    Cliccando su ‘gioca’ si aprirà una pagina dove schematicamente e visivamente è spiegato com’è strutturata e articolata una fiaba. Sempre in fondo alla pagina – sulla destra – vi verrà chiesto se volete provare a scrivere una fiaba, cliccare quindi su ‘crea nuova fiaba’.
  • 8
    Nella pagina successiva quindi è possibile impostare il titolo della fiaba che volete scrivere e l’autore (mettete il vostro nome o alias). Ovviamente questo passo non è necessario, se ancora non sapete quale titolo assegnare alla favola potete temporaneamente saltare il passo. Cliccare quindi sulla freccia verde per andare avanti una volta impostate le preferenze.
  • 9
    La fiaba si apre con una ‘situazione iniziale’: in questo step dovrete infatti decidere che tipo di scenario volete assegnare alla situazione iniziale tra tutte quelle disponibili e per fare questo potete trascinare l’immagine con il cursore direttamente nello spazio dedicato.
  • 10
    Le possibili ambientazioni sono diverse e le scelte ricadono sul castello, un bosco, la strada, il mare, il fondale marino… Lo scenario dipenderà dalla storia che volete narrare. Se impostate una scena ma poi cambiate idea si può sempre cancellare la scena e riniziare.
  • 11
    Oltre all’ambientazione si possono inserire dei personaggi di fantasia e non: un cavaliere, un mago, un bambino, un lupo, un folletto, dei draghi, un burattino di legno…
    Impostati anche i personaggi (che saranno portati sull’immagine trascinati dal cursore) c’è uno spazio bianco sulla destra.
  • 12
    Quello spazio è riservato alla descrizione della scena, per esempio: ‘c’era una volta un bambino che abitava in una città vicino a un bel bosco nel quale vivevano tre fratellini scoiattoli…’ proseguendo con la storia. A seguito della descrizione dell’immagine cliccare sulla freccia in alto a destra per andare avanti.
  • 13
    Nella seconda pagina dovete fare entrare in azione il protagonista cioè dovete decidere cosa fargli fare e cosa vuole fare. Anche in questo caso è possibile selezionare immagini e personaggi chiarificate dalla descrizione laterale. Fatto cio’ cliccare ancora sulla freccia in alto a destra e proseguire con la fiaba.
  • 14
    Nel terzo passo entra di scena l’antagonista cioè colui che ostacola in qualche modo le volontà e le azioni del protagonista: anche qui si possono impostare gli antagonisti (robot spaziali, gatti magici, lupo…) seguiti da una descrizione dettagliata della loro azione. Cliccare quindi sulla freccia verde in alto sulla destra per andare avanti.
  • 15
    Dopo l’antagonista arriva l’eroe, cioè l’aiutante del protagonista: oltre alla descrizione della scena si dovrà spiegare chi è l’eroe, cosa fa, come fa ad aiutare il protagonista con la sua azione, del perchè lo fa… Terminata questa fase, cliccare quindi sulla freccia verde in alto sulla destra per andare avanti.
  • 16
    Arriva così la sconfitta dell’antogonista grazie all’eroe così il protagonista è in salvo da ogni pericolo. La fiaba sta quindi giungendo a conclusione e bisogna quindi descrivere un bel lieto fine oppure si può lasciare un finale aperto da riprendere il giorno successivo con la creazione di una nuova fiaba. Cliccare infine sulla freccia verde in alto sulla destra per andare avanti.
  • 17
    E’ possibile salvare la propria favola, vederla o stamparla. Se ci sono state delle parte non congeniali è possibile tornare indietro per modificare le parti da cambiare. Ci sono anche delle fiabe che sono state scritte e che è possibile consultare per trarre spunto.
    Le fiabe inventate vengono poi messe in elenco dove è possibile consultarle.
  • 18
    Le fiabe inventate e salvate possono anche essere stampate e poi rilegate in un bel volume da tenere da parte e che è possibile consultare per leggere le fiabe in giorni diversi al tuo bambino. Questo è un modo per avere qualche idea per la fiaba della buonanotte.
  • 19
    Ci sono su internet diversi siti che raccolgono le favole più famose che sono state scritte da diversi autori nel corso del tempo e che sono dei classici che hanno accompagnato un po’ tutte le generazioni. E’ sufficente fare una rapida ricerca su internet.
  • 20
    Sul motore di ricerca si possono scegliere tra le famosissime fiabe dei fratelli grimm, alle fiabe inventate dalle persone comuni che hanno messo in rete il proprio lavoro, dalle fiabe classiche della cultura popolare a quelle di pura fantasia, da quelle di eroi a quelle di natale, da quelle sonore a quelle da colorare. Insomma, la scelta è davvero vasta.
  • 21
    Un’altra cosa che non tutti sanno è che ci sono delle pagine del televideo che sono dedicate appunto a questo argomento: ‘una fiaba al giorno’. E’ sufficente andare sul televideo a pagina 100 e cercare tra gli argomenti ‘una fiaba al giorno’: ogni giorno verrà narrata una favola con morale tratta per concludere. E’ anche questo un modo di insegnare qualcosa di nuovo al proprio bambino.
  • 22
    Su internet si trova davvero di tutto e c’è anche la possibilità di scaricare gli audio (in generale si trovano in formato mp3 ma non solo questo formato non è disponibile) gratuitamente di fiabe lette e raccontate da un narrastorie come voce esterna.
  • 23
    I file si possono riprodurre direttamente dalle casse del computer ma possono anche essere messe sul cd e successivamente riprodotte da un qualsiasi dispositivo che legga il formato con cui è stato scritto il file.
    Si possono anche riprodurre dal lettore cd della macchina mentre si accompagnano i bambini a scuola.
  • 24
    Non ci sono fiabe che devono per forza essere narrate, lette, invetate, ricordate: le fiabe possono infatti anche essere viste. Ci sono infatti molti siti che mettono a disposizione dei mini-cartoon audio / video per raccontare le favole del passato e non (alcune si possono anche vedere in streaming).
  • 25
    Non resta che scegliere il metodo che più vi piace per raccontare ogni sera una storia sempre nuova e bella.
    Scegliete ovviamente le storie anche in base alle preferenze del vostro bambino e crecate di personalizzarle in modo che sia sempre interessato e pronto per imparare, anche quando è ora di andare a dormire.
  • 26
    Per scrivere una buona fiaba bisogna sapere che in genere ci sono dei personaggi che non devono mai mancare: il protagonista (è il personaggio buono della storia), l’antagonista (che è il cattivo che si contrappone al buono), l’eroe, l’aiutante (che dà una mano all’eroe).
  • 27
    Un aspetto fondamentale della fiaba che non bisogna sottovalutare è la morale della fiaba stessa: essa è sempre presente in una storia di questo tipo e deve essere esplicitata del lettore anche se a volte è difficile trovarla in quanto un po’ nascosta. Per torvarla è necessario leggere più volte la fiaba, cercare di capire il perchè la storia si sia svolta in quel modo e quindi la morale si trae da se’.
  • 28
    La morale è molto importante soprattutto perchè insegna e istruisce sempre sul comportamento socio-culturale di un individuo nei confronti della società corrente nella quale si vive. E’ questa anche la ragione perchè è preferibile – durante l’educazione di un figlio – impostare un approccio e un avvicinamento alla fiaba e alle conclusioni sulla propria morale.

Tags

, , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up