Leonardo.it

Come lavare il cane

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Lavare il cane a volte sembra un’impresa impossibile; ma non è così se seguite pochi semplici accorgimenti…

Istruzioni

  • 1
    Al cane il bagnetto non piace…questo lo sappiamo. Ogni tanto però il lavoro va fatto. Alcune razze di cani, come i barboncini, i bolognesi, gli shitzu e i maltesi necessitano di lavaggi più frequenti.
  • 2
    La toelettatura del bolognese va fatta quotidianamente, con una pettinata decisa, per eliminare i nodi che si formano continuamente
  • 3
    Ed evitare che, nel sottopelo, si formino i famigerati “feltri”. Ciò accade più o meno come alla lana: si forma un “bozzo” inestricabile!
  • 4
    Oltre alla spazzolatura quotidiana ed all’igiene della bocca, è bene pulire spesso le orecchie del cane, in quanto i lunghi peli crescono anche all’interno del padiglione.
  • 5
    Questi peli sono molto pericolosi, perchè possono provocare otiti. Devo essere estirpati. Sembra una tortura, ma il cane non sente nulla, ve l’assicuro. Bisogna strappare con decisione, prendendo i peli che fanno capolino con le dita o con una pinzetta.
  • 6
    Esistono in commercio dei prodotti che facilitano l’operazione “seccando” i peli dell’orecchio e consentendone la rimozione.
  • 7
    Una volta al mese il bolognese necessita di un bel bagno, che serve non solo all’igiene sua e della famiglia (spesso dormono sui letti e sui divani…) ma anche a rimuovere il sottopelo staccato ed imprigionato nei riccioli.
  • 8
    Usate prodotti appositi per il pelo lungo, di marca. Costano un po’, ma sono ottimi e non danno problemi di eventuali allergie o dermatiti. Inoltre durano molto, praticamente un anno.
  • 9
    Ricordatevi di spazzolare e pettinare bene il pelo prima di bagnarlo, altrimenti si spezza. Solo quando ritenete non vi siano più nodi, potrete procedere al bagno.
  • 10
    Io lavo il mio bolognese nella vasca da bagno (poi la lavo e la disinfetto per bene), ma essendo piccino, può essere lavato anche in una bacinella o nel lavandino.
  • 11
    E’ bene abituare il cane fin da cucciolo alla toelettatura, altrimenti sarà molto difficile che si lasci maneggiare da voi o dal toelettatore.
  • 12
    Naturalmente aspettate che il cucciolo abbia almeno 4 mesi ed abbia fatto tutte le vaccinazioni, prima di lavarlo. Cosa che comunque non sarà necessaria; basterà sciacquargli le zampine o il sederino quando serve.
  • 13
    Dunque, il bagno! Procedete così: mettetelo nella vasca (vuota, naturalmente), lasciate che annusi un po’ e che si accomodi come meglio crede. Il mio cane sta “in piedi”, con le zampe anteriori appoggiate al bordo della vasca.
  • 14
    Prima di bagnarlo controllate la temperatura dell’acqua: dev’essere tiepida. Procedete bagnando la parte posteriore con la doccetta, salendo gradatamente sul dorso. Per ultima bagnate la testa, velocemente, senza lasciarlo in apnea!
  • 15
    Diluite un po’ di shampoo (delicato e apposito per cani, mi raccomando!)sul palmo della mano e procedete con il lavaggio.
  • 16
    Sciacquate abbondatemente, togliendo ogni traccia di shampoo dal pelo. Se il cane è molto sporco, ripetete il lavaggio con un secondo shampoo ed un accurato risciacquo.
  • 17
    Per i cani a pelo lungo è molto importante utilizzare anche un buon balsamo sciogli nodi, che ammorbidisca il pelo e consenta la rimozione degli odiosi feltri.
  • 18
    Dopo esservi assicurati che non vi siano residui di shampoo o di balsamo sul pelo, fate scendere con le mani delicatamente l’acqua in eccesso dalla testa al posteriore
  • 19
    Accogliete il vostro cagnolino tra le braccia, muniti di un grande asciugamano tenuto appositamente per lui. Asciugatelo con cura, senza strofinare il pelo, ma tamponandolo, magari seduti davanti ad una stufetta accesa.
  • 20
    In estate non è necessaria un’asciugatura completa; dopo aver cambiato un paio di volte l’asciugamano e dopo un paio di scrollate del cane, l’operazione può dirsi conclusa.
  • 21
    Ma in inverno asciugatelo accuratamente, restate con lui davanti alla stufetta accesa, oppure usate il phon o,meglio ancora, un soffiatore ad aria calda apposito.
  • 22
    Prima di uscire dal locale del bagno, in inverno, il cane dev’essere perfettamente asciutto, per evitare raffreddamenti pericolosi.
  • 23
    Abbiate cura di fargli il bagnetto dopo l’ultima uscita, di modo che non esca all’aperto umido, ma possa dormire nella sua cuccia calda o tra le vostre braccia, nella sua coperta preferita.

Tags

, , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up