Leonardo.it

Come misurare la febbre nei neonati

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

…sembra un’operazione facile, ma bisogna avere determinate accortezze!

Istruzioni

  • 1
    Quante volte avete toccato la fronte o le guance del vostro piccolo e vi sono sembrate calde? Avete allora deciso di misurargli la febbre…ma nei neonati non è poi così semplice poichè la misurazione rettale che di solito si effettua per i bambini più piccoli differisce da quella orale.
  • 2
    Innanzitutto bisogna ricordarsi un paio di cose. La prima è che per prendere la misurazione della febbre nei neonati è consigliabile un termometro rettale, specificatelo quando andate in farmacia a comprarlo poichè il termometro rettale a differenza di quello orale ha un bulbo arrotondato! La seconda è che quando misurate la temperatura del piccolo in via rettale per ottenere la temperatuta esatta dovete scalare di circacinque o sei decimi d grado la temperatura che leggete.
  • 3
    Faccio un esempio. Se la misurazone in via rettale e’ 37.2 gradi in realtà la temperatura effettiva del neonato si aggira intorno ai 36,7 gradi. Quindi le condizioni del bimbo vanno tenute sotto controllo con una nuova misurazione, ma non si puo’ assumere che abbia la febbre. Ricordate che per una buona misurazione rettale è consigliabile tenere il termometro almeno 40 secondi. Nei primi 20 salirà molto velocemente per poi fermarsi ed attestarsi sulla temperatuta rilevata.
  • 4
    Per la misurazione rettale è consigliabile immergere il bulbo del termometro in un pò di vasellina così da facilitarne l’ingresso. La posizione del bambino deve essere comoda per voi in maniera che la misurazione si possa completare correttamente. Si consiglia di posizionare il bambino disteso con la pancia sulle vostre ginocchia, in maniera tale che non possa sfiggire da questa posizione e che le gambine non diano intralci durante i loro movimenti. Quando il bambino è un pò più grande potete prendere la stessa misurazione anche posizionando il bambino di fianco. La psozione peggiore da utilizare è quella in cui il bimbo si sdraia sul dorso. Questo perchè il bimbo ha parecchia capacità di azione e potrebbe allungarvi un bel calcio
  • 5
    E’ inoltre consigliabile misurare la febbre possibilmente negli stessi orari (prima parte della mattina e pomeriggio tardi) così da valutarne l’andamento. Bisogna quindi tenere anche presente che nella maggioranza delle malattie febbriliè facile che la temperatura sia più alta nel tardo pomeriggio e più bassa al mattino. Ma non c’è da stupirsi troppo se accade anche il contrario perchè ci sono alcune malattie febbrili in cui questo accade. Ce ne sono latre, fra le più comuni riconosciute polmonite e scarlattina, dove la febbre rimanere pressochè costante.
  • 6
    Nei neonati inizia a considerarsi febbre quando questa supera anche se di poco i 37. Pertanto una volta appurata la misurazione consultate il peiatra per stabilire la terapia specifica per il vostro piccolino. Mi raccomando non fatevi prendere sul dall’agitazione, il fatto che il bambino abbia la febbre significa che il proprio organismo sta reageando ad un’infezione. Quindi è un buon segno, anche se rimane la frustazione che possa stare male.
  • 7
    Oggi in commercio ci sono svariati termometri di precisione, quelli con gli infrarossi che si puntano sulla fronte e dopo qualche frazione di secondo danno la misurazione o quelli che si inseriscono nell’orecchio del bimbo e ne rilevano la temperatura. Nel caso in cui volessimo utilizzare i potenti mezzi sappiate pero’ che ci sono delle condizioni da rispettare per ottenere una misurazione corretta (tutte ampiamnet spiegate nel foglietto illustrativo del prodotto): ve ne riporto un paio, la fronte dove misurate la febbre deve essere ben asciutta altrimenti l’umidita potrebbe falsarne la misurazione, così come dovete prendere l’abitudine di misurare la febbre sempre nella stanza poichè si tratta di dispositivi sensibili alla temperatura esterna e così via…
  • 8
    A dire la verità ne ho provati più di un paio ma le varie misurazioni non mi accontentavano mai visto che risultavano a volte diverse fra loro. La tecnologia spesso aiuta ma a volte confonde, così sono rimasta ai metodi tradizionali.

Tags

,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up