Come nostro figlio impara a contare.

1 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 voti
Condividi

Ecco quanto vi spiegherò in questa guida.

Istruzioni

  • 1
    I bambini piccoli avvertono presto l’importanza di saper contare come accrescimento del loro patrimonio culturale, anche molto tempo prima di essere in grado di contare con esattezza entro un’estesa successione numerica.
  • 2
    Cantarellare “1-2-7-10″ rappresenta comunque ad un certo punto un fatto del tutto normale da parte del bambino che sta appena cominciando a scoprire l’importanza che i numeri possono avere nel suo mondo.
  • 3
    Oggi, quando cifre impressionanti relative agli avvenimenti correnti risuonano in casa nostra attraverso la radio, o la televisione, è probabile che il bambino dica: ” uno, due, sei, sette e un milione”.
  • 4
    E’ facile – anche se non per tutti – capire quando un bambino è capace di associare esattamente al numero detto la rappresentanza della quantità definita corrispondente. “Ho 4 anni”, dirà toccando ad una ad una quattro dita.
  • 5
    Il bambino piccolo percepisce solo la quantità determinata (molti, pochi) e si accorge, ad un certo momento, se si sottrae l’uno o l’altro oggetto da un gruppo di cose. “1-1-1…”. Pressapoco a 2 anni è capace di concepire il valore del 2.
  • 6
    Verso i 3 anni il 3, a 4 anni il 4, a 5 anni il 5, a 6 anni fino al 10. Lo sviluppo delle capacità di contare è lenta. Il bambino può saper ripetere a memoria una serie di numeri, fino a 100, senza per questo rendersi conto delle quantità progressive corrispondenti.
  • 7
    Un esercizio del genere non sviluppa l’intelligenza e affatica solo la memoria. Il toccare gli oggetti in relazione all’apprendimento della numerazione è perciò molto importante. L’uomo primitivo lasciava cadere un sasso, per indicare ognuno dei pesci o degli oggetti di cui stava parlando.
  • 8
    Questo era esattamente il suo modo di contare prima che, però, fosse elaborato un sistema di numeri: qualcosa di simile fa il bambino quando tocca a una a una le quattro dita per indicare il numero 4.
  • 9
    Per questa ragione non si deve cercare di dissuadere il bambino dall’usare le dita per contare e calcolare. Egli abbandonerà spontaneamente quest’abitudine quando, diventato capace delle prime astrazioni, non avrà più bisogno di toccare gli oggetti concreti per essere esatto nella numerazione.
  • 10
    Ma finché non mostrerà di non aver più bisogno delle dita per contare, si confonderà se qualcuno disprezzerà questo suo sistema. I sistemi aritmetici sono basati sulla numerazione, ma è necessario ricordare che il numero non è soltanto una somma di unità, ma anche una grandezza globale.
  • 11
    Alcuni bambini non contano più per 1 nel fare i calcoli quando intuiscono un numero come insieme. Essi vedono e capiscono immediatamente il gruppo, implicito, ad esempio in un numero come il 3, poi come il 4 e così via.
  • 12
    E’ importante non costringere più questi bambini a contare per 1, perchè ciò servirebbe soltanto a renderli più lenti e meno maturi nei loro calcoli e in quelli che sicuramente dovranno poi eseguire in seguito.

Tags

, , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up