Leonardo.it

Come ossigenare il sangue per rafforzare cuore e cervello

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Sappiamo che l’ossigeno è fondamentale per il nostro organismo ed in particolare per il nostro cuore e il nostro cervello. Per ossigenare il nostro sangue , al fine di dare vitalità al cuore e al cervello ,si può ricorrere ad integratori che possono aiutare a prevenire dei disturbi .

Istruzioni

  • 1
    Per incrementare l’ossigenazione, oltre agli integratori, si deve ricorrere a delle tisane che abbiano la capacità di liberarci dalle scorie che rallentano l’ossigenazione. Le tisane ideali sono quelle a base di betulla e di tarassaco, erbe che hanno un potere elevato potere depurativo e disintossica
  • 2
    Sono numerosi i fattori che distribuiscono l’ossigeno attraverso il sangue nel nostro organismo, tra questi i globuli rossi, la presenza del ferro e dell’emoglobina, la fluidità dello scorrimento del sangue, l’elasticità delle vene e dei capillari.
  • 3
    Uno dei sintomi della cattiva ossigenazione è la stanchezza cronica accompagnata a volte anche da dolori muscolari, la scarsa concentrazione e a volte anche la perdita di memoria.
  • 4
    Per attenuare questi problemi si può ricorrere al consumo di una pianta d’origine cinese, il ginko biloba. Le foglie di questo albero sono ricche di sostanze antiossidanti e di vitamina c, hanno un forte potere di eliminazione delle tossine ed inoltre migliorano l’ossigenazione.
  • 5
    La dose di ginko biloba è di 100-200 mg. Al giorno di estratto secco di foglie per cicli di uno o due mesi, interrotti da 20 giorni di pausa senza l’assunzione della pianta. Il ginko non va preso in gravidanza o se si stanno assumendo medicinali anticoagulanti, antinfiammatori e anche antiepilettici.
  • 6
    Un altro valido aiuto è dato dal consumo di selenio. Questo oligoelemento neutralizza i radicali liberi, favorisce l’aumento del colesterolo buono e la diminuzione del colesterolo cattivo.
  • 7
    Il selenio lo si può assumere anche attraverso il cibo, infatti i semi oleosi, come le noci, e i cereali integrali ne sono ricchi. Si tratta anche di assumere ogni giorni cibi ricchi di selenio come aglio, broccoli,cavolo,cetrioli,germe di grano,cipolle, avena, funghi, noci e crusca.
  • 8
    Come integratore, il selenio è sotto forma di compresse da assumere durante i pasti principali e non vanno masticate. Non si deve superare una dose totale, vale a dire integratore e cibi insieme, di 200 microgrammi al giorno. Consumare l’integratore per non oltre un mese.
  • 9
    Si deve anche intervenire, per favorire l’ossigenazione,ad assumere della vitamina e. Questa vitamina previene i danni provocati dai radicali liberi, impedisce l’ossidazione del colesterolo buono, riduce il livello del colesterolo cattivo, protegge i globuli rossi e favorisce la fluidità del sangue. Tutto questo a vantaggio della circolazione e all’apporto di ossigeno al nostro organismo ed in particolare al cervello.
  • 10
    Questa vitamina è utile anche per la cura di malattie degenerative del cervello, nella prevenzione dell’ischemia cardiaca causata dall’elevato colesterolo cattivo.
  • 11
    La vitamina e è presente in numerosi cibi, tra i quali i semi di girasole, l’olio di germe di grano ( si tratta di consumarne ogni giorno un cucchiaino da tè ogni mattina prima di colazione oppure aggiungerlo in una insalata),l’olio di nocciole (anche quest’olio andrebbe consumato al mattino prima di colazione nella misura di un cucchiaino da tè), l’olio extra vergine d’oliva a crudo, nella frutta secca come mandorle e nocciole.
  • 12
    Il consumo giornaliero per coprire il fabbisogno di vitamina e, può essere ottenuto consumando un cucchiaio di olio d’oliva, 3 mandorle o tre nocciole.
  • 13
    Se invece si vuole assumere la vitamina e come integratore , si può usare l’olio di mandorle dolci, prendendone da 1 a 3 cucchiaini al giorno, oppure l’olio di germe di grano, consumandone 3 opercoli due volte al giorno.tutti questi oli hanno anche altri principi nutritivi come il rame, il calcio, il manganese,il fosforo, il magnesio e l’omega 3.
  • 14
    In presenza di ipertensione e di aritmie si può attivare l’ossigenazione consumando del tè verde. Il tè verde ha numerosi effetti positivi quali:
    -accelera l’eliminazione delle scorie tossiche che si hanno nell’organismo
    -favorisce lo scorrimento del sangue e la distribuzione dell’ossigeno
    -riduce i grassi presenti nel sangue
    -diminuisce la pressione sanguigna
  • 15
    Le foglie di questo tè sono ricche di vitamina c, di ferro, di zinco e di fluoro. Questo tè può proteggere i vasi sanguigni, prevenendo i danni alla circolazione.inoltre può proteggere il cervello
  • 16
    Si dovrebbe consumare dalle due- tre tazze al giorno di tè verde, preferibilmente lontano dai pasti e soprattutto mai di sera. E’ consigliabile berlo tiepido in quanto il calore troppo elevato distrugge la vitamina c.
  • 17
    Volendo si può assumere il tè verde sotto forma di estratto secco, assumendolo preferibilmente al mattino. L’estratto secco è sotto forma di capsule, la dose consigliata è di due capsule al mattino.
  • 18
    Anche gli omega 3 sono utile a ossigenare il sangue, in quanto rafforzano le pareti dei vasi sanguigni. Inoltre riducono i trigliceridi nel sangue, regolano la pressione e rendono elastici i vasi sanguigni. Tutto ciò porta al miglioramento della circolazione.
  • 19
    Gli omega 3 si possono consumare sotto forma di integratori, generalmente sono in capsule costituite da olio di pesce. Perché le capsule di omega 3 abbiano effetto devono contenere una percentuale di omega 3 superiore al 60 percento.
  • 20
    Gli omega 3 si possono assumere anche con la dieta, consumando salmone,merluzzo,pesce spada,tonno,sgombro,sardina, aringa, crostacei, i semi di lino interi, le noci,le alghe ed i cereali integrali.
  • 21
    Un’ ottima ricetta per fare una buona scorta di omega 3 è quella di cuocere un trancio di salmone al forno, senza grassi, spolverizzandolo di noci e semi di lino, quindi una volta cotto condirlo con un cucchiaio di olio d’oliva extra vergine a crudo.
  • 22
    Si può anche bere per una settimana, al mattino , un bicchiere di acqua calda con un cucchiaino di olio di germe di grano, una perla di olio di pesce e una bustina di lievito di birra.

Tags


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up