Come ottenere i capelli ricci con la carta stagnola

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come ottenere i capelli ricci con la carta stagnola
Condividi

Volete arricciarvi i capelli, ma non avete bigodini né ferro per i ricci? Non c’è bisogno di comprare nulla! Ecco come creare dei ricci stupendi utilizzando semplicemente carta stagnola.

Cosa serve per completare questa guida:

- capelli lunghi almeno fino alle spalle;
- mousse o gel per capelli ricci;
- pettine a coda;
- carta stagnola.



Istruzioni

  • 1
    Per prima cosa, lavate i capelli come di consueto. Quando sono ancora bagnati, massaggiate un po’ di mousse o gel per capelli ricci, dalle radici alle punte. Questo è molto importante se avete i capelli lisci, se invece sono naturalmente mossi o ricci ne potete fare a meno.
  • 2
    Pettinateli con molta attenzione. E’ importante che non ci siano nodi perchè questo darebbe un’aspetto disordinato ai riccioli. Quando avete finito, fate la riga dal lato in cui volete portarla, perchè quando avrete arricciato i capelli non potrete più modificarla.
  • 3
    Tagliate delle strisce di carta stagnola rettangolari, all’incirca 15×5 cm. La quantità dipende dai vostri capelli e da che tipo di ricci volete: più i capelli sono lunghi più le strisce dovranno essere lunghe. Se volete dei ricci molto fitti, considerate 30-40 strisce, se invece volete dei ricci più morbidi o delle onde, da 10 a 20.
  • 4
    Iniziando dall’alto verso il basso, e partendo da dove c’è la riga, “ritagliate” una ciocca di capelli rettangolare. E’ importante essere precisi e fare questo lavoro con il pettine a coda, perchè altrimenti quando arrotolerete la carta stagnola vi tireranno i capelli in modo spiacevole.
  • 5
    Arrotolate i capelli, partendo dalle punte, sul pezzo di carta stagnola piegato a metà nel senso della lunghezza per renderlo più resistente. Tenete la ciocca perpendicolare alla testa per arrivare alle radici senza tirare.
  • 6
    Quando siete arrivati alle radici, avvicinate le due estremità della carta stagnola e arrotolatele insieme per fermarle. Se avete fatto tutto senza errori, dovrebbe essere abbastanza confortevole.
  • 7
    Continuate così per tutta la testa, sezionando sempre ciocche con la riga quadrata o rettangolare, e cercando di farle tutte della stessa dimensione. Per la parte posteriore vi conviene farvi aiutare da qualcuno.
  • 8
    Se i capelli iniziano ad asciugarsi prima che voi li abbiate arrotolati, bagnateli con un po’ d’acqua altrimenti i ricci non si formeranno. Questo capita spesso nelle ciocche posteriori, è per questo che i ricci spesso sono più stretti davanti e più larghi dietro.
  • 9
    Quando avete finito, avete due possibilità: la prima è aspettare che i capelli asciughino naturalmente, ad esempio dormendoci su. In questo caso vi consiglio di avvolgere i capelli in una sciarpa di seta per non scombinarli.
  • 10
    Se invece avete fretta, la seconda possibilità è quella di asciugarli col phon. State attenti a non tenerlo troppo vicino alla testa perchè la carta stagnola potrebbe surriscaldarsi bruciandovi i capelli. Non ci metterete più di mezz’ora.
  • 11
    Sia che li asciugate naturalmente, sia che usiate il phon, il passo successivo è quello di svolgere le ciocche. Fate attenzione a non tirare i capelli per non rovinare il riccio, e andate dal basso verso l’altro (al contrario rispetto a quando li avete fatti).
  • 12
    Terminate l’acconciatura spruzzando un po’ di lacca, oppure lasciando i ricci naturali. Se volete un effetto più voluminoso e naturale separate delicatamente i ricci con le dita, in maniera da creare onde e ricci più piccoli.

Tags

, ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up