Come prendersi cura del proprio corpo: conoscere le vitamine idrosolubili prima di iniziar...

1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 voti
Condividi

Come prendersi cura del proprio corpo: conoscere le vitamine idrosolubili prima di iniziare una dieta.

Istruzioni

  • 1
    E’ risaputo che le vitamine sono assolutamente indispensabili per vivere e mantenersi in buona salute. Purtroppo però, sono anche facilmente deperibili, pertanto occorre fare molta attenzione nel lavare, cuocere e conservare gli alimenti.
    Normalmente si distinguono in idrosolubili, che si sciolgono in acqua, e liposolubili che si sciolgono nei grassi.
  • 2
    *le vitamine idrosolubili sono: vitamina c o acido ascorbico, vitamina b1 o tianina, vitamina b2 o riboflavina, vitamina pp o piridossina, vitamina b6 o acido ascorbico, folacina o acido folico, vitamina b12 o cobalamina, acido pantotenico e biotina.
  • 3
    **la vitamina c o acido ascorbico, si trova in quasi tutti gli ortaggi e nella frutta, come pomodoro, fragole, arance, pompelmi, limoni, frutti di bosco … si distrugge con la luce e il calore. E’ un potente antiossidante, aiuta a mantenere in buona salute i denti, le ossa e i vasi sanguigni, oltre che il collagene. In mancanza provoca gravi disturbi come lo scorbuto e la difficoltà di cicatrizzare le ferite. Nel caso di iperdosaggio invece può provocare al comparsa di calcoli renali e possono comparire i sintomi di deficienza.
  • 4
    **la vitamina b1 o tiamina, si trova principalmente nei legumi, nei cereali integrali, nelle frattaglie, nel tuorlo delle uova e nella carne di maiale. Si distrugge con la cottura. E’ utile ai fine del metabolismo dei carboidrati. E’ indispensabile per promuovere e favorire alcuni processi legati al sistema nervoso centrale e periferico. In mancanza provoca crampi e dolori muscolari, confusione mentale e il beri-beri. Possibili controindicazioni si possono riscontrare qualora si superino le dosi consigliate di 100 volte!
  • 5
    **la vitamina b2 o riboflavina, si trova soprattutto nelle uova, nei cereali, nei legumi, nel fegato, nelle carni e in quasi tutti i vegetali verdi. Si danneggia con la luce. E’ fondamentale nel processo metabolico dei carboidrati, delle proteine e dei grassi, nonché della crescita oltre che al mantenimento della mucosa. La mancanza provoca screpolature e lesioni della pelle intorno al naso e alla bocca, oltre che ad aumentare la sensibilità degli occhi soprattutto alla luce. Fin’ora non sono stati riscontrati effetti collaterali in caso di iperdosaggio.
  • 6
    **la vitamina pp o piridossina, è contenuta nel latte, nei cereali, nei legumi, nelle carni, nel tonno e anche nel fegato. Si distrugge gran parte con la cottura. Assieme alla vitamina b1 e alla vitamina b2, è coinvolta nel processo metabolico. In caso di carenza, i principali sintomi che si riscontrano sono pellagra, demenza, confusione mentale, lesioni della pelle, diarrea. In caso di sovradosaggio invece è possibile andare incontro a pruriti, rossori, cefalee, nausea e crampi.
  • 7
    **la vitamina b6 o acido ascorbico, si trova negli alimenti come cereali e pane integrale, frutta come banane, legumi come piselli e poi anche nel fegato e negli spinaci. I suoi nemici sono in genere i contraccettivi orali e la cottura. Contribuisce principalmente nel metabolismo delle proteine e nell’utilizzazione dei grassi. La mancanza può causare l’insorgere di diversi disturbi più o meno gravi come la formazione di calcoli renali, irritabilità, convulsioni, anemia, vertigini e dermatiti varie agli angoli della bocca e degli occhi. Una dose eccessiva invece, può compromettere il fegato.
  • 8
    **la folacina o acido folico, si trova principalmente nelle frattaglie come fegato e reni, oltre che nel lievito di birra, nel germe di grano e in genere nei vegetali verdi. Si distrugge con la cottura. E’ coinvolta nel metabolismo degli aminoacidi e degli acidi nucleici. I disturbi più frequenti dovuto ad una sua carenza sono diarrea, disturbi gastrointestinali, anemia e lingua arrossata. Non sono stati riscontrati particolari effetti collaterali nel caso di iperdosaggio, se nonchè interferisce con i farmaci antiepilettici e anticonvulsionanti.
  • 9
    **la b12 o cobalamina, si trova in genere nella carne, nel pesce, nelle uova, nelle frattaglie come il fegato e nel latte. Si distrugge con le alte temperature. Serve per un corretto funzionamento del sistema nervoso, per il metabolismo dei grassi, la formazione delle cellule rosse del sangue e quindi per la sintesi del materiale genetico. In caso di carenza si riscontrano disturbi nervosi e anemie tipo perniciosa, ipercromica e megaloplastica. Non sono stati riscontrati particolari effetti collaterali in caso di iperdosaggio.
  • 10
    **l’acido pantotenico è presente in tutti quegli alimenti come noci, lievito, cereali integrali, fegato, uova e vegetali verdi. Serve per la produzione degli ormoni, delle sostanze regolatrici del sistema nervoso e ovviamente ha un ruolo decisivo nel metabolismo energetico. La sua carenza provoca disturbi del sonno e stanchezza. Non sono noti gli effetti di un iperdosaggio.
  • 11
    **la biotina è presente nelle frattaglie come reni e fegato, nel tuorlo d’uovo, cereali integrali ed è anche sintetizzata dalla flora batterica intestinale. E’ importante per la sintesi degli acidi grassi.
    La mancanza può portare a disturbi come l’inappetenza, depressione e affaticamento, mentre non si conoscono gli effetti dovuti a iperdosaggio.

Tags

,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up