Come presentare, al proprio figlio, il nuovo compagno del genitore

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Il presentare al proprio figlio il nuovo compagno o compagna del genitore è molto difficile: di seguito, ecco come fare.

Cosa serve per completare questa guida:

- comportamenti ;
- discussione;
- giusti modi;
- presentazione.



Istruzioni

  • 1
    In una famiglia potrebbe capitare che i due genitori ormai non vadano più d’accordo, e che quindi, decidano di divorziare o di separarsi, per evitare appunto dei litigi che potrebbero provocare un trauma al figlio.
  • 2
    L’argomento del divorzio o separazione deve essere affrontato in maniera abbastanza cauta e sopratutto fare attenzione a come si decide di discutere col proprio figlio su questo argomento molto difficile
  • 3
    Bisogna infatti come prima cosa cercare di non far sentire il figlio come l’unica causa o la causa principale per la quale i due genitori hanno deciso di separarsi, per non farlo sentire in colpa inutilmente.
  • 4
    Bisogna anche cercare di far sì che il genitore continui a dimostrare l’affetto al proprio figlio, come se nulla fosse accaduto, per evitare che questi si comporti male solo ed esclusivamente per attirare l’attenzione.
  • 5
    Vi sono poi una serie di vari comportamenti per evitare che il figlio appunto subisca un trauma nel vedere i suoi genitori che si dividono, dopo che magari li ha visti sempre felici e senza nessun problema.
  • 6
    Ma il solo divorzio o separazione non è la sola causa che potrebbe creare un trauma al proprio figlio, che potrebbe appunto portare il figlio ad avere un comportamento del tutto scorretto nei confronti delle altre persone.
  • 7
    Potrebbe anche accadere che il genitore, una volta separato dal coniuge, potrebbe appunto trovare un’altra persona con la quale iniziare un tipo di rapporto simile a quello che aveva appunto con il coniuge.
  • 8
    Questa nuova persona potrebbe infatti portare a subire una sorta di trauma e di rancore nei confronti del genitore e di quella persona, e quindi perdere l’affetto che il proprio figlio nutriva nei suoi confronti.
  • 9
    Come potrebbe quindi fare il genitore per evitare che tutta questa situazione possa accadere, e quindi, perdere in maniera definitiva l’affetto del proprio figlio nei suoi confronti, rovinando il loro rapporto?
  • 10
    Ci sono una serie di comportamenti che il genitore deve cercare di avere, così come una serie di comportamenti che deve evitare ed ancora una serie di spiegazioni che il genitore deve dare al proprio figlio.
  • 11
    La prima cosa che il genitore deve fare è quella di presentare questa persona al proprio figlio in maniera tale che questo possa essere felice per il proprio genitore, e non provare appunto del rancore.
  • 12
    Per far sì che questo accade, il genitore dovrebbe presentare questa nuova persona non subito dopo il divorzio, poiché questo è uno dei motivi che potrebbero far scaturire il rancore del proprio figlio nei suoi confronti.
  • 13
    Il figlio potrebbe pensare che la motivazione che ha portato al divorzio i due genitori è appunto rappresentata da questa persona, che si è inserita tra di loro e che quindi gli ha portati al punto di rottura.
  • 14
    Il genitore deve cercare di attendere quindi attendere che il figlio possa appunto assimilare, se così si può definire, il colpo del divorzio, e quindi, cercare di mostrarsi presente nei confronti del figlio.
  • 15
    Il genitore deve anche evitare di nascondere al proprio figlio questa persona, in quanto il figlio stesso potrebbe appunto venire a scoprirlo dall’altro genitore, e provare un sentimento di rabbia nei confronti di questa persona.
  • 16
    L’ideale potrebbe anche essere che sia il figlio stesso a proporre al genitore di frequentare una nuova persona, in quanto magari vede la tristezza del genitore e la mancanza di una persona che gli stia affianco.
  • 17
    Ovviamente, il genitore non deve dipendere dal figlio in questa occasione, in quanto il genitore stesso dovrà decidere quando si sentirà pronto per poter iniziare una nuova relazione con un’altra persona.
  • 18
    Il genitore poi, deve cercare di introdurre questa persona con una certa cautela e lentezza, in maniera tale che appunto il figlio possa cercare di accettare questa nuova persona nella vita del genitore stesso.
  • 19
    Oltre tutto, il genitore deve far sì che questa persona si dimostri da subito una brava persona, e che quindi, cerchi di instaurare un rapporto col figlio del genitore, per evitare che questa venga presa di mira da parte del figlio.
  • 20
    Infatti, capita spesso che il genitore sbagli nel modo di presentare questa persona al proprio figlio, e che questa venga appunto ripudiata a tal punto dal figlio da farla sentire a disagio e quindi a lasciare il genitore.
  • 21
    Infatti, una delle cause maggiori per la quale il genitore divorziato non riesce a ricostruire un rapporto con altre persone è da attribuire al fatto che il genitore stesso non riesce ad introdurre per bene questa persona col figlio.
  • 22
    Inoltre, il genitore con questa persona deve cercare di far sì che questa possa appunto andare d’accordo col proprio figlio, per evitare che nascono litigi proprio per causa sua, in quanto questi non vanno d’accordo.
  • 23
    Il genitore quindi deve cercare di descrive a questa persona come è caratterialmente il proprio figlio, affinché poi questa possa riuscire ad essere accettata, per quanto possa essere possibile, dal figlio.
  • 24
    Il genitore per introdurre questa persona deve essere abbastanza sincero col figlio, spiegando appunto che magari si sono incontrati dopo tanto tempo dal divorzio e che quindi hanno iniziato a frequentarsi.
  • 25
    Bisogna evitare di mentire al proprio figlio in questo tipo di occasione, poiché il figlio potrebbe appunto accorgersene, e quindi, creare una situazione di disagio con delle parole o frasi che dovrebbero essere evitate.
  • 26
    Cercare di evitare di far capire al figlio che magari conosceva questa persona quando magari stava ancora con l’altro genitore, in quanto questo creerebbe un trauma troppo grande al proprio figlio e rovinerebbe il suo rapporto col genitore.
  • 27
    Se questo dovesse accadere, il figlio, come accennato precedentemente, attribuirebbe la colpa della fine del rapporto col l’altro genitore a questa persona, non riuscendo quindi ad accettarla nella vita del genitore.
  • 28
    Altro comportamento che il genitore deve avere è quello di spiegare al proprio figlio il carattere e il modo di fare che ha questa determinata persona, per poter cercare di agevolare il rapporto tra i due.
  • 29
    Il genitore deve anche cercare di invogliare il rapporto tra queste persone, in maniera che i due si possano conoscere meglio e quindi accettarsi e non creare situazioni di litigio con il genitore stesso.
  • 30
    Quando i due poi instaurano il rapporto di conoscenza e il figlio riesce ad accettarla, il genitore deve evitare tre comportamenti che potrebbero creare dei litigi che coinvolgeranno anche l’altro genitore.
  • 31
    Il primo riguarda il fatto che questa persona deve evitare di parlare male in presenza del figlio dell’altro genitore, poiché il figlio potrebbe litigarci difendendo l’altro genitore e quindi rovinare il rapporto col genitore.
  • 32
    Anche il genitore deve evitare di criticare l’ex coniuge, per il motivo sopra citato, ed inoltre, per evitare che il figlio possa anche provare un sentimento di rabbia nei confronti del proprio genitore.
  • 33
    Inoltre, il figlio potrebbe anche ridire tutto all’altro genitore, e questo potrebbe creare un litigio tra le tre persone, che potrebbe anche coinvolgere il figlio, unica vittima di questa situazione.
  • 34
    L’altro coniuge quindi potrebbe anche credere che i due stiano facendo il lavaggio del cervello al proprio figlio, e che quindi, glielo stiano rivoltando contro per portarglielo via e rovinare il loro rapporto.
  • 35
    Il genitore e l’altra persona quindi devono cercare di parlare male dell’altro genitore, ma al contrario, cercare di parlarne bene, in maniera che l’eventuale litigio si possa tranquillamente evitare.
  • 36
    E’ comunque consigliato che il genitore e l’altra persona evitino di parlare, sia negativamente, che positivamente dell’altro genitore, in quanto in questo modo, si eviteranno dei litigi su qualunque cosa si dica.
  • 37
    Altro comportamento che il genitore e l’altra persona devono evitare è quella che consiste nel cercare di sostituire l’altro genitore con la figura della nuova persona che sta frequentando il genitore.
  • 38
    Questo per il semplice fatto che, anche se divorziati, il figlio ha entrambi i genitori vivi, e che le nuove persone che i genitori stanno frequentando devono restare tali, e non essere sostituite all’altro genitore.
  • 39
    Questo non vuol dire che questa persona e il figlio non debbano avere nessun tipo di rapporto, rimanendo perciò freddi, e creando una situazione di estremo disagio non solo per loro, ma anche per il genitore.
  • 40
    Al contrario, queste due persone devono cercare di avere un rapporto civile e andare d’accordo per evitare disagi, ma anche cercare di non far si che questa persona cerchi di sostituirsi al genitore naturale.
  • 41
    Oltre tutto, questo comportamento sbagliato potrebbe avere come causa l’allontanamento del proprio figlio dall’altro genitore, cosa che non deve essere assolutamente fatta, ma al contrario, il rapporto deve essere uguale con entrambi i genitori.
  • 42
    Altro comportamento che deve essere evitato da parte del genitore e dell’altra persona è quella di mettersi a fare delle scenate con l’altro genitore in presenza del figlio, il quale potrebbe star male.
  • 43
    Infatti, capita talvolta che uno dei due genitori tenda ad aggredire verbalmente l’ex coniuge ed il compagno per motivi che possono essere vari, e che comunque hanno un risvolto negativo sul comportamento del proprio figlio.
  • 44
    Infatti questo potrebbe schierarsi apertamente dalla parte di uno dei due genitori, e quindi, tendere ad avere un comportamento scorretto nei confronti dell’altro genitore e della persona che sta frequentando.
  • 45
    Nel peggiore dei casi, il figlio proverà rancore nei confronti di entrambi i genitori, che non sono riusciti a mantenere saldo il loro legame affettivo, decidendo di separarsi, primo trauma del figlio.
  • 46
    Inoltre, il figlio potrebbe avere anche del rancore nei confronti dei rispettivi compagni dei genitori, accusati di essere quindi la causa principale della loro separazione e dei loro continui litigi.
  • 47
    E’ quindi opportuno far sì che le i genitori e rispettivi compagni vadano d’accordo per quanto sia possibile, e che quindi, diano il buon esempio di come ci si comporta in maniera civile al proprio figlio.
  • 48
    Vi sono infine altri due comportamenti che il genitore deve avere col proprio figli, di cui il primo permettergli di frequentare, qualora se la senta, l’altro genitore qualsiasi volta ne senta il desiderio, evitando quindi di tagliargli i rapporti con l’altro genitore.
  • 49
    Il secondo risulta essere il cercare di organizzare lui stesso delle attività col proprio figlio e con l’altra persona, in maniera tale che il loro rapporto, e il rapporto con l’altra persona possa essere normale e non di natura litigiosa.
  • 50
    Presentare il compagno del proprio genitore è sempre molto difficile, ma comportandosi in maniera corretta sia col figlio, che con l’altro genitore che con l’altra persona renderà le cose molto meno difficili.

Tags

, , , , , , , , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up