Come regolarizzare il lavoro saltuario

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come regolarizzare il lavoro saltuario
Condividi

Perché rischiare con il lavoro nero? I lavori saltuari possono essere svolti e regolarizzati facilmente.

Cosa serve per completare questa guida:

- Buoni Lavoro.



Istruzioni

  • 1
    Basta infatti collegarsi al sito dell’inps e cercare informazioni e modalità d’acquisto dei buoni lavoro. Questi buoni, acquistabili da due a cinque voucher del costo di 10 euro. Già al momento dell’acquisto vengono assolte le forme di tassazione dei contributi inps e inail per 2,50 euro. I restanti 7,50 possono essere riscossi dal lavoratore.
  • 2
    La riscossione dei buoni lavoro è piuttosto semplice. I buoni vanno compilati in ogni loro parte e possono essere riscossi direttamente alle poste. Naturalmente c’è un limite nell’utilizzo dei buoni. Il limite è fissato in 5000 euro lordi l’anno, sia per committente che per prestatore d’opera.
  • 3
    Null’altro è dovuto in termini di tasse. Forse, nell’ambito del lavoro autonomo, è la formula più semplice per regolarizzare e semplificare la lotta al lavoro nero e quindi all’illegalità. Pretendere di essere pagati con i buoni lavoro è un diritto, è un’operazione facile e intelligente.

Tags

, ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up