Come ricaricare le cartucce della stampante

1 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 vote, average: 3,00 out of 51 voti
Condividi

Le cartucce si finiscono proprio quando dovete stampare un documento importante e non avere quella nuova, niente panico in 5 minuti avrete la vostra cartuccia carica.

Cosa serve per completare questa guida:

- Kit di ricarica per cartucce stampante;
- giornali;
- guanti usa e getta.



Istruzioni

  • 1
    Usiamo la stampante per mille cose ma quando ci serve per cose serie tutte le volte lampeggia quella spia rossa per avvisarci che l”inchiostro nero o colorato è finito. In alcune stampanti questo vuol dire non poter stampare nessun documento fino a quando non verrà sostituita la cartuccia vuota
  • 2
    Niente panico, munitevi di un kit ricarica per stampanti e con pochi euro recuperate le 4 cartucce (meglio se originali). A questo punto muniamoci di un paio di guanti usa e getta, qualche giornale e tanta calma.
  • 3
    Iniziamo con la cartuccia del nero.
    Se notate sopra la cartuccia si trova un piccolo foro o una scritta push a seconda della marca, è li che dovrà essere effettuato il foro per la ricarica. Nel kit che abbiamo acquistato è presente un piccolo (passatemi il termine) “cavatappi”, sembra una punta di trapano, con quello foriamo la cartuccia fino a quando la punta non risulti colorata.
  • 4
    A questo punto inseriamo l’ago e aspiriamo circa 10 ml di inchiostro dal flaconcino nero, e iniziamo pian piano a far scendere l’inchiostro nella spugna della cartuccia, mi raccomando molto lentamente altrimenti l’inchiostro uscirà fuori sporcando tutto. Spero vi siate ricordati di indossare i guanti!!
  • 5
    Una volta terminato l’inchiostro tappiamo il buco con un pezzo di nastro adesivo e lasciamo riposare la cartuccia in verticale.
    Passiamo ora alla cartuccia colore.
    Il procedimento e più o meno lo stesso. Per prima cosa cambiamo la siringa e l’ago, se non ne avete altre lavate quella che avete utilizzato per il nero ma molto molto bene perché anche una minima goccia può influenzare tutto il colore che andate a ricaricare. Per il colore le dosi sono diverse, io inizio sempre con il minimo, circa 2 ml per poi salire sino a 4-5 ml in tutto. Fatto ciò ricopriamo il buchetto con il nastro adesivo lasciamo riposare e prima di inserire nella stampante agitiamo bene in modo da far inzuppare ben bene la spugnetta all’interno.
  • 6
    E il gioco è fatto. La nostra stampante ripartirà a pieno ritmo.
    Tengo a precisare che la ricarica dovrà essere effettuata per un max di 2-3 volte e sempre con cartucce originali. La riuscita non è garantita per quelle compatibili.
    Un ultima cosa. In molte stampanti moderne, sono presenti dei chip da 6 o 9, per ovviare degli errori di riconoscimento da parte della stampante resettiamo i chip dopo alcune stampe o comunque prima che vengano segnalate dalla stampante stessa come quasi scariche e procediamo alla loro ricarica.

Tags

,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up