Come riconoscere le varietà di mele resistenti alle malattie

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Vediamo quali sono le mele resistenti alle malattie

Istruzioni

  • 1
    Per prima cosa vediamo sei varietà di melo, dove potremmo notare tra le sue caratteristiche interessanti che vi è scarsa sensibilità alle malattie che colpiscono questa specide da frutto, cioè la ticchiolatura.
  • 2
    La prima varietà che vedremo e la mela ciucca, questa è una varietà che può essere coltivata nelle zone di alta collina e di montagna. Produce un anno si e un anno no ed ha una fioritura leggermente tardiva e viene raccolta ad ottobre.
  • 3
    Questa mela è buona anche cotta e si conserva in magazzino fino alla primavera. La mela di san giovanni è una varietà che può essere coltivata nelle zone di alta collina e ha una fioritura abbastanza precoce.
  • 4
    La raccolta viene fatta a fine giugno inizio luglio. E’ una varietà adatta per essere essiccata. Per la sua dolcezza e il suo buon profumo può essere utilizzata nella preparazione di conserve insieme all’uva sultanina e alla cannella.
  • 5
    Non è adatta alla conservazione, si mantiene in magazzino solo per una settimana circa. La mela fiorentina è adatta ad essere coltivata nelle zone di collina e montagna. Produce ad anni alterni e fiorisce in periodi tardivi.
  • 6
    E’adatta anche alla cottura e si conserva in magazzino fino a primavera. La mela panaia prende il nome così dalla forma del frutto che è simile ad una cesta di pane. E’ una varietà adatta per le zone di collina e di montagna.
  • 7
    Produce ad anni alterni e fiorisce tardi. La raccolta si fa a ottobre, è adatta anche per cotture al forno. Si conserva in magazzino fino a primavera. La mela roggia è una varietà molto adatta ad essere coltivata nelle zone di collina e di montagna. Fiorisce tardi. La raccolta si fa a ottobre.
  • 8
    Si conserva in magazzino fino a primavera (aprile-maggio). La mela rosa in pietra è adatta nelle zone di collina e di montagna, produce in modo costante e fiorisce tardi. La raccolta viene fatta a novembre. Il frutto non è molto grande di forma rotondeggiante, schiacciata ai poli.
  • 9
    La buccia è doppia, verde con macchie di colore rosso. La polpa è bianca, acidula, non molto succosa, di buona qualità. Si consuma fresca, ma è ottima da mangiare anche cotta o da usare per fare le marmellate. Si conserva in magazzino fino a primavera.

Tags


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up