Leonardo.it

Come riconoscere l’oro in modo rapido e certo

di
1 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 vote, average: 5,00 out of 51 voti
Condividi

Spesso si ci chiede come si possa distinguere in maniera certa e sicura un oggetto in oro vero da un falso.a volte i gingilli si presentano costituiti in maniera tanto perfetta da disorientarci. Per evitare di ingannarci davanti ad un oggetto prezioso in oro,e riuscire a definire in maniera rapida e certa la sua autenticità,dobbiamo seguire queste semplici linee guida.

Istruzioni

  • 1
    Per prima cosa possiamo procurarci un diaspro nero, ossia una pietra chiamata comunemente in ambito orafo “pietra di paragone”. Una volta procurata la pietra si può strofinare contro di essa un bracciale, collana o anello in oro. Nella zona dello sfregamento comparirà una striscia scura. Per completare l’operazione bisogna bagnare la pietra con un acido adatto, ovvero l’acido nitrico. Se il gioiello è in oro la striscia presente nel diaspro resterà visibile, se il gioiello era un falso la striscia scomparirà al contatto con il liquido emanando un odore sgradevole eassumendo un colore verdastro.
  • 2
    Un altro metodo efficace è l’utilizzo dell’acqua “ragia”. Questo composto di acidi contiene il cosidetto “acido nitrico”, una sostanza cosi forte da riuscire ad intaccare tutti i metelli che non siano oro. Se il supposto oggetto in oro non si rovina al contatto con questa sostanza è autentico. Se subisce danni è chiaramente un falso.
  • 3
    Un rimedio più facile ed immediato è il seguente. Bisogna ricodare che l’oro non è magnetico e quindi non è attratto come gli altri metalli dall’impulso della calamita. Potete quindi passare il vostro anello o il vostro braccialetto in prossimità di una comune calamita, se il gioiello non aderisce minimamente alla calamita e un oggetto d’oro. In caso contrario se subito calamitato, si tratta di un clamoroso falso.
  • 4
    In ogni oggetto d’oro deve essere presente il marchio di fabbrica e il titolo di caratura che costituisce l’oggetto (es:750). Per riconoscere questi timbri indispensabili potete servirvi di una comune lente d’ingrandimento. Se il vostro oggetto manca di questi marchi è palesemente falso.

Tags

, , , , , , , , , , , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up