Come scegliere una corretta alimentazione per i figli

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Foto Come scegliere una corretta alimentazione per i figli
Condividi

Come scegliere una corretta alimentazione per i figli

Istruzioni

  • 1
    È solo da pochi decenni che l’uomo ha compreso l’importanza di un’alimentazione corretta sul piano qualitativo (oltre che adeguata quantitativamente) ai fini del mantenimento del proprio importante stato di salute.
  • 2
    Questo è il problema principale nei paesi del mondo industriale, dove le risorse economiche e alimentari permettono ormai a tutti gli strati sociali della popolazione, un’alimentazione adeguata come fabbisogno calorico e nutrizionale.
  • 3
    Scrivere una guida appropriata ed esauriente di alimentazione corretta non è molto facile, anzi è difficile: sinteticamente potremmo definire corretta quell’alimentazione che fornisce un adeguato apporto calorico ed è equilibrata.
  • 4
    Equilibrata da ogni punto di vista, come proteine, carboidrati, grassi, sali minerali, vitamine, ecc. Deve essere in maniera tale da garantire il funzionamento ottimale del corpo umano da un punto di vista sia psichico sia fisico.
  • 5
    Nel bambino un’alimentazione corretta è la condizione indispensabile per uno sviluppo normale, inteso come differenziazione funzionale e progressiva maturazione di organi e apparati sino al raggiungimento della maturità dell’adulto.
  • 6
    Caratteristica fondamentale della dieta occidentale, per quanto riguarda ad esempio i cereali, è l’introduzione spropositata di alimenti cosiddetti raffinati. I processi di raffinazione industriale rovinano spesso gli alimenti.
  • 7
    Questo è un problema per la scelta della giusta dieta. Tutta quella complessa serie di operazioni che permettono da esempio la produzione delle farine bianche tipo 00 determinano l’eliminazione delle parti più preziose del chicco di grano.
  • 8
    Ad esempio vengono eliminate proteine, acidi, grassi insaturi (fattori protettivi dell’organismo nei confronti dell’aterosclerosi), vitamine, sali minerali e in particolare determinano la perdita di gran parte della cosiddetta fibra-grezza cereale.
  • 9
    Importantissima e indispensabile fibra regolatrice della funzione intestinale. Percentualmente, nella nostra dieta tipo introduciamo oggi una quantità di fibra grezza pari a un decimo della quantità introdotta cento anni fa.
  • 10
    Di pari passo con questo cambiamento vi è stato nel mondo occidentale il progressivo aumento nell’incidenza di diversi stati patologici, quali stitichezza, coliti, calcoli della colecisti, appendiciti, diverticolosi intestinali, obesità ed anche tumori intestinali.
  • 11
    È quindi opportuno che nella nostra dieta vi sia la tendenza al recupero progressivo di alimenti integrali (ossia di alimenti che non abbiano subito eccessivi processi di raffinazione) in particolare pane, pasta e riso integrali.
  • 12
    Questa tendenza deve basarsi su basilari convincimenti di tipo culturale, oltre che su basi scientifiche, e non essere esclusivamente determinata da mode o desideri di originalità ossia deve fondarsi su un concetto di accettazione critica.
  • 13
    Una scelta meditata di tutto ciò che in campo alimentare (ma non solo in questo) c’è quotidianamente suggerito dall’industria, dalla pubblicità, dai mass-media. Anche per lo zucchero il discorso può essere condotto in maniera sovrapponibile a quello dei cereali.
  • 14
    Lo zucchero raffinato, che da noi è consumato nella misura media di 30 kg/anno per persona, è un alimento completo per eccellenza, che non ha niente in comune, da un punto di vista qualitativo, con gli zuccheri della frutta e delle barbabietole da cui deriva.
  • 15
    Nella frutta, lo zucchero si trova inserito in una situazione di altri fattori nutritivi (quali piccole quantità di proteine, grassi insaturi, sali minerali, cellulosa e fibre vegetali) che fanno del frutto un alimento completo di grande valore nutritivo.
  • 16
    Al contrario lo zucchero raffinato è un prodotto artificiale, gravemente squilibrato nella sua composizione base, apportatore di alterazioni e danni talora gravi negli individui che lo assumono in quantità eccessive.
  • 17
    Esso è ormai da considerare più che un alimento, un additivo alimentare, che purtroppo copreda un decimo a uno quinto del fabbisogno in calorie totali di ognuno di noi. Occorre tener presente che la sua introduzione, spesso mascherata sotto forma di bibita, biscotti, marmellata, ecc., causa o contribuisce a causare tutta una serie di disturbi metabolici quali diabete, obesità, ecc.
  • 18
    Alternativo a questo tipo di alimentazione può essere l’introduzione dello zucchero in forma naturale, nutrendosi con alimenti che ne sono particolarmente ricchi quali la frutta fresca di stagione, latte, yogurt (non zuccherato artificialmente).
  • 19
    Si deve tenere ben presente che l’educazione precoce a una dieta non eccessivamente zuccherina (e quindi non eccessivamente dolce) rimane per tutta la vita. Analogo discorso deve essere fatto per ciò che riguarda l’introduzione di proteine.
  • 20
    Troppo spesso si ritiene che l’unico alimento in grado di fornire un appropriato apporto di proteine sia la carne. Senza nulla togliere all’importanza nutrizionale e qualitativa di questo eccezionale alimento, è però importante sapere che altrettanto ottimi «fornitori» di proteine sia il latte, il pesce, le uova, i formaggi, che possono e devono quindi costituire una valida scelta alimentare.
  • 21
    Nell’alimentazione del bambino di qualsiasi età è molto importante anche la continua varietà nel tipo di alimenti che sono introdotti con la dieta, fatto che garantisce una migliore accettazione del cibo da parte del bambino, evitando la «noia» del solito piatto, ma soprattutto permette una migliore e più ricca varietà di sorgenti alimentari.
  • 22
    Per farsi che la dieta del bambino sia appropriata nella sua composizione e sia inoltre fonte di salute e benessere e non causa di malattia, è necessario che vi sia un costante e rilevante apporto di vegetali sia sotto forma di verdura che di frutta.
  • 23
    La forma di somministrazione migliore è rappresentata dall’introduzione dei vegetali crudi per garantire l’integrità dell’apporto di vitamine e sali minerali. Quando ciò non è possibile per ragioni di digeribilità e commestibilità, è opportuno evitare sia la cottura prolungata dei vegetali, sia l’aggiunta eccessiva di additivi vari quali aromi artificiali, condimenti grassi, sale.
  • 24
    L’importanza dei vegetali nella dieta è data, oltre che dal vantaggio di un apporto naturale e bilanciato di sali, vitamine, zuccheri, proteine, acidi grassi polinsaturi, anche dall’elemento di fibra grezza vegetale, elemento fondamentale per la regolazione della funzionalità intestinale e per una prevenzione fisiologica e naturale della stitichezza del bambino, troppo spesso dovuta ad aberrazioni e squilibri dietetici.
  • 25
    Nell’alimentazione del bambino è inoltre opportuno evitare di fornire in eccesso salumi, carni insaccate, grassi animali, fritti, ossia tutti quei tipi di alimenti che presentano caratteristiche negative sia dal punto di vista della digeribilità (eccesso di grassi, aromatizzazione, aggiunta di additivi, ecc.) sia dal punto di vista della genuinità naturale della loro composizione.
  • 26
    Analogo discorso può essere fatto per tutti i dolciumi e alimenti simili di produzione industriale, ricchi di additivi e di grassi di qualità non eccelsa, che purtroppo, anche per una capillare e penetrante campagna pubblicitaria, tanta diffusione ha raggiunto nella dieta infantile.
  • 27
    Per quanto riguarda l’organizzazione dei pasti, è possibile dividere la giornata con qualche merenda per garantire un sostegno calorico continuo ed equilibrato. La prima colazione del mattino deve essere quindi ricca da un punto di vista calorico e variata qualitativamente.
  • 28
    Questa condizione può essere raggiunta somministrando latte (con o senza l’aggiunta di caffè o surrogati), frutta, miele o marmellate naturali e una o due volte la settimana aggiungendo un uovo (possibilmente crudo o poco cotto).
  • 29
    In funzione degli importanti impegni scolastici del bambino e dell’intervallo tra prima colazione e pranzo, può essere opportuno somministrare a metà mattina una leggera merenda costituita da latte, yogurt o frutta.
  • 30
    Il pranzo di mezzogiorno deve unire caratteristiche di facile digeribilità alla necessità di fornire un adeguato apporto calorico per le attività pomeridiane (quindi giusto equilibrio di carboidrati, proteine derivate da carne, pesce o formaggio, con l’essenziale presenza di vegetali, sia sotto forma dì verdura sia di frutta).
  • 31
    Anche il tipo di dieta che noi fa é una delle forme di espressione della nostra cultura, intesa nel senso globale di modo di vita. Dunque la ricerca dì, una naturalità dell’alimentazione è non solo ricerca di salute, ma anche
  • 32
    Il pomeriggio deve essere interrotto da una breve ma nutriente merenda, mentre il pasto serale deve aver soprattutto caratteristiche di facile digeribilità. Affermazione di una nostra individualità e personalità culturale nei confronti di modi e costumi che nella società industriale tendono a divenire progressivamente artificiali e innaturali.
  • 33
    Ricordate: i cereali integrali, ricordate: i cereali integrali, proprietà dietetiche. Un’alimentazione a base di cibi integrali prevede che ogni alimento proveniente dalla terra sia coltivato senza l’uso di concimi e conservanti chimici.
  • 34
    E ricordate anche che interrompere la giornata con qualche merenda non è in assoluto una cattiva abitudine. L’importante è non cedere ai «capricci» del bambino, proponendogli spuntini a base di dolci, soprattutto se si tratta di merendine confezionate. Latte, frutta fresca o yogurt sono invece dei cibi ideali per spezzare il digiuno: sani e naturali riforniscono il bambino delle energie necessarie, non vanno trascurati.

Tags

, ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up