Come sfruttare le proprietà dei cereali per fare una dieta che permette di perdere due kg...

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

I cereali appartengono alla famiglia delle graminacee, ad essi appartengono il farro, l’orzo, il frumento, il miglio, il riso, il mais, l’avena, la segale, il kamut, l’amaranto e il quinoa.

Istruzioni

  • 1
    I cereali sono prodotti vegetali che contendono circa l’8o% di zuccheri, sotto forma di amidi, il 13% di proteine e circa il 2% di grassi. Forniscono inoltre vitamine del gruppo b e la vitamina e ed una piccola quantità di sali minerali quali calcio, fosforo, fluoro e cobalto.
  • 2
    Il riso è povero di sodio e ricco di potassio, fosforo e altri minerali oltre che di amido, proteine e vitamine soprattutto quelle del gruppo b. Il riso è in grado di contrastare i gonfiori e la ritenzione idrica. E’ anche un alimento digeribile e alquanto nutriente, senza dimenticare che è privo di glutine. Cento grammi di riso forniscono 358 calorie.
  • 3
    L’orzo ha vitamine e sali minerali, ha inoltre elevate proprietà mineralizzanti e antinfiammatorie. E’ un cereale utile per contrastare la colite, la gastrite, la stitichezza e soprattutto è un valido aiuto per tenere sotto controllo il colesterolo cattivo.
    Dai suoi chicchi tostati e tritati si ottiene una polvere simile al caffè che però non contiene caffeina. L’orzo utilizzato per fare il caffè è utile come rinfrescante. Cento grammi di orzo apportano 318 calorie.
  • 4
    Il farro, ricco di vitamine e sali minerali, ha proprietà depurative. Questo cereale agisce positivamente sul funzionamento del fegato e dell’intestino. Il farro è disponibile integrale e perlato. Il primo ha una maggior quantità di sostanze nutrizionali, mentre il secondo a seguito del processo di raffinazione perde parte dei suoi valori nutrizionali.
    Cento grammi di farro apportano 335 calorie.
  • 5
    L’avena è ricca di fibre, proteine, minerali e vitamine prevalentemente del gruppo b. Questo cereale è alquanto nutriente, pertanto è indicato per le persone molto attive o chi è soggetto a sforzi intensi.
    Cento grammi di avena ha circa 385 calorie.
  • 6
    La quinao è considerata in modo improprio un cereale anche se in realtà appartiene alla famiglia delle chenopodiacee, la stessa famiglia a cui appartengono gli spinaci e le rape rosse. I chicchi hanno circa il 60% di carboidrati e l’11% di proteine vegetali con un valore biologico alto.
    La quinoa è ricca di fosforo, potassio e manganese, inoltre non contiene glutine. Cento grammi di quinoa fornisce 374 calorie.
  • 7
    Il miglio è un vero e proprio integratore di silicio, un minerale che rafforza i capelli e porta giovamenti alla pelle. Possiede inoltre la lecitina e la colina, utili per contrastare la stanchezza fisica. Questo cereale non contiene glutine. Cento calorie di miglio apporta 360 calorie.
  • 8
    Il grano duro è il più utilizzato, grazie anche alla sua versatilità di uso. Dalla grossolana frantumazione dei suoi chicchi si producono grani grossi a spigoli ben distinti, come il bulgur oppure semole a grana più piccola e fine come ad esempio il cous cous. Cento grammi di grano duro apportano 342 calorie.
  • 9
    I cereali integrali conservano meglio le loro proprietà nutrizionali contenute nei chicchi delle spighe. Queste sostanze però si perdono durante il processo di raffinazione in quanto il chicco viene privato della sua parte più esterna. Il sottile strato di cellulosa costituisce una fibra alimentare definita crusca. Nel successivo processo di raffinazione viene eliminato il germe che rappresenta la parte ricca di vitamina e e d, proteine, sali minerali e oli oltre a sostanze con elevato valore nutrizionale. Per non perdere questi valori sarebbe preferibile consumare cereali integrali
  • 10
    I cereali integrali sono in grado di rallentare l’assorbimento intestinale del glucosio e quindi sono anche in grado di tenere sotto controllo i valori sia della glicemia nel sangue che la produzione di insulina, l’ormone che oltre a trasformare gli zuccheri in eccesso di grassi di deposito. Questo ormone è anche responsabile di attacchi di fame.
  • 11
    Un’altra caratteristica importante dei cereali integrali è che richiedono un processo di digestione elaborato e l’uso di numerosi enzimi, perciò sono in grado anche di prolungare la sensazione di sazietà. I chicchi durante la cottura assorbono molta acqua, aumentando di volume, pertanto con solo 50 grammi di questi cereali come riso, farro e orzo integrali, si ottiene una porzione consistente con un apporto energetico più contenuto del solito piatto di pasta
  • 12
    Consumando i cereali al fine di non farsi mancare i nutrimenti necessari è possibile attuare una dieta che permette di perdere circa due chili in una sola settimina, soprattutto senza soffrire attacchi di fame.
  • 13
    La dieta è di circa 1200 calorie al giorno, si compone di tre pasti, colazione, pranzo e cena, e di uno spuntino e una merenda a base di frutta e yogurt. Dalla dieta sono esclusi gli alimenti a base di farina bianca come la pasta, la pizza mentre il pane viene introdotto in piccole quantità in prevalenza integrale o tostato.
    Inoltre sono ridotti notevolmente i formaggi.
  • 14
    Al mattino appena svegliati si dovrà bere un bicchiere di acqua naturale quindi assumere un caffè d’orzo, 200 ml di bevanda di riso o di avena oppure prendere uno yogurt al naturale con cereali quali riso soffiato o fiocchi di avena.
    Si può sostituire la precedente colazione con:
    un tè verde, due gallette di riso o 2 fette biscottare integrali, 2 cucchiaini di marmellata senza zucchero oppure utilizzare al suo posto due cucchiaini di miele integrale.
  • 15
    Ogni giorno per quanto riguarda lo spuntino si dovrà a mezza mattinata assumere una pera o una mela o un kiwi a scelta. Il consumo della pera servirà essendo un frutto ricco di fibre non digeribili ad assorbire parte degli zuccheri inseriti con gli alimenti. Inoltre favorisce l’assorbimento del colesterolo e la purificazione dell’intestino. Inoltre la pera è ricca di potassio e di minerali di aiutano la diuresi, di vitamina c, e cosa altrettanto importante 100 grammi di pere hanno solo 58 calorie.
    La mela invece viene scelta in quanto non provoca fermentazioni intestinali e quindi non crea gonfiore. E’ ricca di fibra quale la pectina una sostanza che non è digeribile per cui aiuta a controllare i livelli di colesterolo e a regolarizzare le funzioni intestinali, inoltre tiene sotto controllo gli attacchi di fame. Cento grammi di mela ha 45 calorie.
    Il kiwi, ricco di vitamina c ha anche una notevole importanza per regolare le funzioni intestinali, cento grammi di questo frutto apporta circa 60 calorie.
  • 16
    1° giorno di dieta
    pranzo: 50 grammi di orzo cotto al dente e saltato in pentola con 60 grammi di gamberi lessati.
    3 cucchiai di piselli freschi, 1 zucchina tagliata sottile, 1 carota tagliata sottile, una costa di sedano bianco, foglie di basilico. In un cucchiaio di olio extra vergine di oliva cuocere le verdure tutte insieme quindi aggiungerle all’orzo e al pesce preparato in precedenza.
    - Insalata mista a piacere
    - 150 grammi di frutta di stagione
    cena
    insalata mista a scelta condita con un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e aceto di riso o di mele
    - 120 grammi di fesa di pollo o tacchino cotto in padella con succo di limone e erbe aromatiche come la menta, il timo, basilico, prezzemolo, maggiorana eccetera.
    - 150 grammi di macedonia al naturale
  • 17
    2° giorno di dieta
    pranzo
    60 grammi di quinoa con carota, sedano, cipolla, timo, basilico e zenzero in polvere, il tutto condito con due cucchiaini di olio extra vergine di oliva
    - insalata di rucola con dadini di pera e 2 gherigli di noce a pezzetti e 30 grammi di scaglie di grana, condire con aceto balsamico o succo di limone, due cucchiaini di olio extra vergine di oliva o olio di riso
    cena
    -zuppa di zucca con porro e alloro
    -200 grammi di coda di rospo cotta con pomodori, origano e 2 cucchiaini di olio extra vergine di oliva, poco sale
    - insalata a base di tarassaco e valeriana
    - 3 prugne cotte in poca acqua
  • 18
    3° giorno di dieta
    pranzo
    - 60 grammi di riso con 2 mestoli di lenticchie rosse decorticate stufate con alloro
    - insalata mista condita con aceto bianco di riso o di mele e due cucchiaini di olio extra vergine di oliva
    - una mela
    cena
    - 200 grammi di pesce a scelta cotti a vapore
    - insalata mista con radicchio rosso, carote, sedano e zucchine, il tutto condito con succo di limone e due cucchiaini di olio extra vergine di oliva e menta fresca
    - macedonia di frutta con mezza mela, mezza pera e 3 prugne secche e ammorbidite in acqua tiepida condita con il succo di un agrume
  • 19
    4° giorno di dieta
    pranzo
    cous cous alle verdure con 50 grammi di semola precotta, un peperone giallo, 2 pomodori, mezza cipolla, un cucchiaio di prezzemolo tritato, qualche foglie di menta e il succo di mezzo limone e un cucchiaio di olio extra vergine di oliva
    - insalata mista con valeriana e tarassaco condita con olio e aceto
    - un frutto di stagione a scelta
    cena
    - vellutata di spinaci con porri servita con dadini di pane integrale tostato pari a 40 grammi
    - 120 grammi di tagliata di manzo
    - insalata con rucola e pomodori condita con un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e aceto balsamico
    - finocchi al forno con mezzo peperone
    - una pera
  • 20
    5° giorno di dieta
    pranzo
    50 grammi tra orzo, farro, grano, kamut, riso e avena cotti a minestra con un cucchiaio di piselli o lenticchie, due foglie di alloro e verdure miste a scelta. Aromatizzare la minestra con zafferano, carcuma o curry
    - insalata con cetrioli tagliati sottili e condita con una salsa fatta con due cucchiai di yogurt greco e un cucchiaino di olio extra vergine di oliva, aceto bianco e succo di aglio e qualche foglia di menta.
    - Una pera
    cena
    - minestra di zucca con alloro
    - asparagi lessati
    - frittata con due uova cotta al forno
    - 3 prugne fresche o cotte
  • 21
    6° giorno di dieta
    pranzo
    - 50 grammi di farro bollito cotto con peperoni e bietole e pinoli
    - 70 grammi di ricotta
    - insalata mista con rucola e lattuga condita con due cucchiai di olio extra vergine di oliva
    - macedonia al naturale
    cena
    - insalata mista con tarassaco, lattuga, valeriana, carote e ravanelli, il tutto condito con due cucchiaini di olio extra vergine di oliva e aceto di riso o di mele
    - 40 grammi di pane integrale di segale
    - 70 grammi di prosciutto crudo sgrassato oppure 70 grammi di bresaola
    - 2 fette di melone bianco
  • 22
    7° giorno di dieta
    pranzo
    50 grammi di miglio lessato quindi saltato in padella con carote, pomodori, cipolla, melanzane, capperi e peperoni tagliati a pezzetti, condito con un cucchiaio di olio extra vergine con aggiunta di foglie di basilico
    - 50 grammi di tofu
    - un frutto di stagione
    cena
    - minestra di verdura con spinaci, asparagi, cipolle e zucchine
    - verdure a scelta grigliate
    - 150 grammi di pesce a scelta alla griglia
    - insalata verde a scelta condita con un cucchiaio di olio extra vergine di oliva
    - 3 prugne e una pera
  • 23
    Ogni sera, prima di andare a dormire, assumere una tisana a base di semi di finocchi e di anice. Si prepara versando su un cucchiaino di semi di finocchi e uno di anice dell’acqua bollente. Si lascia in infusione per dieci minuti quindi si filtra e si beve possibilmente senza aggiungere zucchero o miele. Lo scopo della tisana è quello di svolgere la funzione di antigonfiore. Infatti i semi di finocchio aiutano la digestione e lo svuotamento dello stomaco aiutando ad eliminare i gas intestinali.
  • 24
    Questa dieta prevede anche l’assunzione di latti fermentati, quali lo yogurt, questi sono ricchi di batteri probiotici che sono importanti per contrastare la pancia gonfia e la stitichezza. Questi alimenti sono anche ricchi di calcio e di proteine che sono tra l’altro facilmente assimilabili. I latti fermentati sono più digeribili del latte in quanto poveri di lattosio, lo yogurt è un alimento salutare e può essere assunto in qualunque momento della giornata a beneficio dell’organismo.

Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up