Come si suddivide la contabilità generale

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 voti
Condividi

Come avviene la tenuta della contabilità generale.

Istruzioni

  • 1
    Il piano dei conti è l’elenco di tutti i conti che l’azienda può movimentare per rilevare le operazioni; è affiancato dalle note esplicative, circa il funzionamento e il contenuto dei vari conti. Ogni azienda crea il proprio piano dei conti strutturato secondo la dimensione del sistema di rilevazioni e le esigenze del tipo di contabilità (automatizzata o manuale), prevedendo una suddivisione dei conti in base a criteri decisi al momento della predisposizione del piano. L’ordine con cui vengono elencati i conti è molto vario. Uno esemplificativo può essere quello individuato dagli articoli 2424 e 2425 del Codice Civile che indicano l’ordine obbligatorio delle voci del bilancio d’impresa. Il piano dei conti ha una struttura in classi omogenee, quindi in gruppi e infine nei conti. Inoltre ha una codifica, indispensabile per le rilevazioni con un sistema automatizzato, che individua i vari gruppi e i conti di ognuno.
  • 2
    La prima nota è una struttura che permette di rilevare in ordine cronologico tutte le operazioni esterne di gestione. Non è obbligatoria, quindi può essere tenuta secondo strutture e regole diverse in base alle necessità aziendali. Attualmente ha assunto una notevole importanza per le aziende che utilizzano procedure automatizzate per le rilevazioni, poiché rappresenta la prima registrazione dei dati ricavati dai documenti originali, dati che verranno automaticamente trasformati in scritture complesse.
  • 3
    Il libro giornale è una scrittura obbligatoria e cronologica che permette di rilevare giorno per giorno le operazioni esterne di gestione, attraverso la compilazione di uno o più articoli che evidenziano alcuni elementi:
    - La data di registrazione;
    - Il numero progressivo di registrazione;
    - La descrizione dell’operazione;
    - I conti utilizzati, indicando per ognuno il codice, la denominazione, l’importo e la sezione movimenti.
    Per rilevare sul libro giornale occorre applicare il metodo della partita doppia, con le regole già individuate. Pur essendo obbligatoria, questa scrittura non ha una forma prefissata, in quanto dipende dalla modalità di tenuta della stessa (manuale o automatizzata); comunque le differenze sono minime in quanto occorre sempre inserire tutti gli elementi già indicati.
  • 4
    Il mastro è l’insieme delle schede, ognuna intestata a un conto del piano dei conti dell’impresa. Viene movimentato contemporaneamente alla registrazione sul libro giornale; quindi ogni conto utilizzato nell’articolo deve trovare lo stesso movimento sulla scheda a lui intestata. Se la contabilità è tenuta a mano, occorre effettuare una doppia registrazione sul libro giornale e sul mastro; con la contabilità automatizzata il passaggio dal libro giornale al mastro avviene immediatamente e in modo automatico, con notevole risparmio di tempo e con possibilità di effettuare errori di trascrizione.

Tags


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up