Leonardo.it

Come svolgere un’analisi del testo (modello a della prima prova d’esame)

2 votes, average: 5,00 out of 52 votes, average: 5,00 out of 52 votes, average: 5,00 out of 52 votes, average: 5,00 out of 52 votes, average: 5,00 out of 52 voti
Condividi

Una piccola guida per tutti coloro che si cimenteranno in questa tipologia di prova scritta, all’esame o semplicemente a scuola durante i compiti in classe d’Italiano.

Istruzioni

  • 1
    Comprensione complessiva

    La prima cosa da fare, è ovviamente una lettura attenta del brano da analizzare, in modo da avere una visione d’insieme dello stesso. Questo passaggio, sebbene possa apparire il più banale e scontato, è invece di fondamentale importanza per evitare errori grossolani.
  • 2

    A seconda delle richieste, ci si può trovare a dover fare:
    1) Parafrasi
    2) Divisione in sequenze fondamentali
    3) Riassunto

    La parafrasi è la riscrittura in prosa nel modo più fedele possibile, “traducendo”, per così dire, il linguaggio poetico in un linguaggio più moderno ed accessibile.
    La divisione in sequenze costruisce un elenco dei temi principali del testo, omettendo i dati non fondamentali.
    Il riassunto, infine, consente di ricapitolare il pezzo più liberamente, anche con una struttura diversa da quella originale.
  • 3
    Analisi del testo

    Le domande possono riguardare principalmente:
    -Aspetti narrativi (carattere delle sequenze, ruolo dei personaggi, punto di vista della narrazione, tempo, luoghi).
    -Aspetti formali (scelte lessicali, parole-chiave, struttura sintattica)
    -Aspetti stilistici (metrica, misura del verso, tipo di strofa, tipo di testo poetico, figure retoriche)

    Domanda specifica: varia da testo a testo, è importante cogliere bene il tipo di risposta che è opportuno dare, cosa che spesso implica di fare un collegamento extra testuale.
  • 4
    Approfondimento

    E’ prima di tutto necessario possedere buone conoscenze sull’autore del brano, sul periodo storico e sul movimento di cui faceva parte, ma tuttavia ciò potrebbe non essere sufficiente. Può quindi essere utile seguire questi piccoli accorgimenti:
    -Fare mente locale su quanto è stato chiesto.
    -Selezionare solo le informazioni realmente coerenti con la risposta, facendo attenzione a non uscire dal tema.
    -Fare riferimenti precisi ad altri testi od autori, per analogia o per contrasto.
    -Far emergere le proprie conoscenze, ma senza esagerare.
    -Personalizzare lo svolgimento, ricorrendo a citazioni per giustificare i propri punti di vista.

  • 5
    Suggerimenti generali

    -Non farsi spaventare dalle domande, anche se magari non si è in grado di rispondere a tutte.
    -Dare una “scorsa” a tutte le domande, prima di lanciarsi nel lavoro.
    -Analizzare bene le domande, onde evitare di equivocare il senso della richiesta.
    -Rispettare l’ordine proposto, facendo attenzione a non confondere le domande.

Tags

, , , , ,


Commenti alla guida

 
Chiudi

You need to log in to vote

The blog owner requires users to be logged in to be able to vote for this post.

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.

Powered by Vote It Up